Driver Catalyst 64bit e supporto alle varie schede Radeon

Driver Catalyst 64bit e supporto alle varie schede Radeon

ATI certifica i propri driver Catalyst per Windows Professional x64 Edition solo con schede da Radeon 9500 in poi, ma la compatibilitò non è del tutto perduta

di pubblicata il , alle 09:36 nel canale Schede Video
ATIWindowsRadeonMicrosoftAMD
 

ATI ha disponibile una versione di driver Catalyst ufficiale, revision 5.7, per il sistema perativo Windows XP Professional x64 Edition, da utilizzare in abbinamento a processori AMD Athlon 64 e Opteron, oppure Intel Pentium 4 e Xeon dotate di supporto alla tecnologia EM64T.

Le note fornite a corredo con i driver specificano come il supporto sia garantito solo per schede video Radeon 9500 o superiori, quindi da quelle basate su architettura R300 in poi.

https://support.ati.com/

CATALYST 5.7 Windows XP Professional x64 Edition - Driver Download

Notes: Supports RADEON 9500 Series and higher.

Questa limitazione vale anche per tutte le precedenti versioni di driver Catalyst che ATI ha rilasciato in precedenza per il sistema operativo Windows XP Professional x64 Edition. La stessa "filosofia di sviluppo" sembra essere stata seguita da ATI anche per i nuovi driver beta per sistema operativo Microsoft Vista, nome ufficiale di quanto sino a pochi giorni fa era noto con il nome di Longhorn: vengono supportate solo schede video con chip dotato di supporto ufficiale hardware alle API DirectX 9.

Il lettore Cesare Di Mauro ci segnala come sia stato tuttavia possibile utilizzare una scheda video Radeon 8500 Built By Ati in abbinamento a sstema operativo Windows XP Professional x64 Edition; non tutto funziona alla perfezione, in quanto c'è qualche problema con le OpenGL, ma non è ben chiaro se dovuto a WOW64 oppure al miniport di Ati. In ogni caso, si tratta di un enorme passo in avanti rispetto alla situazione precedente, nella quale non veniva fornita nessuna accelerazione video con scheda grafica vista e usata soltanto come SuperVGA.

L'operazione non è delle più semplici e richiede di intervenire a "rimoddellare" i driver, ma rappresenta una via d'uscita per quegli utenti in possesso di una scheda video ATI non DirectX 9 e che vogliono sfruttare il supporto a 64bit del proprio processore Intel o AMD.

Per ulteriori informazioni, si rimanda a questa discussione pubblicata sul forum.
Un ringraziamento a Cesare Di Mauro per le informazioni fornite.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

146 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zuLunis08 Agosto 2005, 10:10 #1
i 64bit non prenderanno mai il volo.. secondo me.
gropiuz7308 Agosto 2005, 10:30 #2
sono partiti bene con AMD ma sembra che Intel non l'abbia digerita ed ha fatto tirare il freno a mano alle compagnie software... (tanto che i nuovi pentium pubblicizzano a stento che sono a 64 bit, come a dire meglio non urlare che siamo tanto in ritardo....

nella modellazione 3d darebbero nuova linfa nei grandi progetti... con word te li sbatti. Nei server sono una realtà... vedi i vari linux....
zuLunis08 Agosto 2005, 10:54 #3
si ma non prenderanno mai piede dell'utenza domestica, anche se i vantaggi in termini di prestazioni anche nei giochi ci sono (vedi FarCry)
Mauriziosat200308 Agosto 2005, 10:58 #4
AMD ha truffato tutti

ed il bello è che ancora non se ne rendono conto

gli A64 sono in vendita da 2 anni

e chi lo ha preso ....ancora non può usarlo a 64bit

E' ORA DI CAMBIARE PC ed ancora non puoi usare quella funzionalità

e non venitemi a sparare di linux .........LINUX NON LO USA QUASI NESSUNO ........NON FA TESTO IL 0,1% DEL MERCATO

E comunque stentano i driver

ALLA FINE E' STATA UNA TRUFFA E BASTA

e poi non sono neppure veramente a 64 bit
è solo un' estensione dei registri
dsajbASSAEdsjfnsdlffd08 Agosto 2005, 11:08 #5
guarda io sono un forte sostenitore di microsoft, ma l'affermazione che "linux non lo usi nessuno e sia solo lo 0,1 % del mercato" è solo sinonimo di ignoranza.
Linux, nelle sue varie incarnazioni, ha una fetta ben più consistente del "mercato"... o forse dici cosi perche linux lo puoi avere gratis e quindi non pagandolo non lo consideri nel "mercato"?

e poi non sono neppure veramente a 64 bit
è solo un' estensione dei registri


e cos'altro doveva essere? volevi altri 32 bit a parte, in un sacchettino? ma LOL
Marck08 Agosto 2005, 11:13 #6
ALLA FINE E' STATA UNA TRUFFA E BASTA

e poi non sono neppure veramente a 64 bit
è solo un' estensione dei registri


forse è meglio per te che prima di postare ti informi su come sia fatto un processore e come si usano le istruzioni sui registri..
fikkuz08 Agosto 2005, 11:18 #7
Originariamente inviato da: Mauriziosat2003
AMD ha truffato tutti

ed il bello è che ancora non se ne rendono conto

gli A64 sono in vendita da 2 anni

Ma chi sei ?
Un fanboy di INTEL?
Guarda che gli A64 sono tra i migliori processori in commercio...
ShadowX8408 Agosto 2005, 11:22 #8
Originariamente inviato da: Mauriziosat2003]AMD ha truffato tutti

ed il bello è


Sicuro di tutto quello che dici?

Guarda che non devi incolpare AMD di aver immesso sul mercato un processore a 64 bit da due anni e che fino a pochi mesi fa non era sfruttabile al 100%, ma caso mai un certa software house che non ha fornito in tempi accettabili un S.O. a 64 bit.

Il fatto che poi sia già da cambiare, bhè...questo lo dici tu, e se ci spieghi il perchè di tali affermazioni fai un favore a tutto il forum.

Riprendendo in causa "sintomo di ingnoranza" tirato in ballo da DukeZ ti chiedo:
Mi puoi spiegare questa tua affermazione????

[QUOTE]e poi non sono neppure veramente a 64 bit
è solo un' estensione dei registri


Per te che cos'è un processore a 64 bit? che caratteristiche deve avere?

P.S.: Attento a cosa rispondi che sennò poi scende in campo cdmauro e ti mette nero su bianco l'abc delle architetture delle CPU dai scherzo..
magilvia08 Agosto 2005, 11:47 #9
gli A64 sono in vendita da 2 anni

e chi lo ha preso ....ancora non può usarlo a 64bit

Quindi sei daccordo che intel ci ha truffato molto molto di più introducendo il 386 visto che i 32 bit non si sono potuti sfruttare appieno prima di 5/6 anni...

e poi non sono neppure veramente a 64 bit
è solo un' estensione dei registri

Ha parlato l'esperto di architetture di CPU...

^TiGeRShArK^08 Agosto 2005, 11:48 #10
Originariamente inviato da: Mauriziosat2003
AMD ha truffato tutti

ed il bello è che ancora non se ne rendono conto

gli A64 sono in vendita da 2 anni

e chi lo ha preso ....ancora non può usarlo a 64bit

E' ORA DI CAMBIARE PC ed ancora non puoi usare quella funzionalità

e non venitemi a sparare di linux .........LINUX NON LO USA QUASI NESSUNO ........NON FA TESTO IL 0,1% DEL MERCATO

E comunque stentano i driver

ALLA FINE E' STATA UNA TRUFFA E BASTA

e poi non sono neppure veramente a 64 bit
è solo un' estensione dei registri

UHAUHAUHA
azionista intel, eh???
1) non hai la minima idea delle caratteristike di un arkitettura a 64 bit.... anzi.. visto ke dici ke non sono VERAMENTE a 64 bit dammi una definizione rigorosa e formale di quello ke un arkitettura "VERA" a 64 bit dovrebbe avere...
2) Gli A64 vanno benone a 32 bit. A 64 bit hanno sempre boost prestazionali, al contrario degli intel ke hanno x molte applicazioni DECREMENTI prestazionali....
3)Se intel ha fatto pressioni sulla microsoft solo xkè nn aveva assolutamente pronto un processore a 64 bit ke colpa ne ha AMD?
4) invece ki ha preso i prescott a quei tempi dovrebbe essere felice di NON avere il supporto a 64 bit, ma di avere bensì una bella stufetta x l'inverno
Ultima kosa... la prossima volta cerca di parlare di cose di cui hai ALMENO una VAGA idea... t eviteresti tantissime cattive figure.....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^