Il Giappone vuole la "corrente wireless"

Il Giappone vuole la corrente wireless

Il governo nipponico avvia un tavolo di lavoro per lo sviluppo e la standardizzazione di tre tecnologie per la trasmissione senza cavi di energia elettrica

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:56 nel canale Sistemi
 

Il governo giapponese è interessato alle tecnologie di trasmissione wireless dell'energia elettrica: il ministro degli affari interni e della comunicazione del paese del sol levante ha infatti avviato un tavolo di lavoro per lo sviluppo e la standardizzazione delle tecnologie di trasmissione che consentiranno di realizzare soluzioni di alimentazione wireless.

La proposta di standardizzazione è inizialmente sorta da Toshiba ed è attualmente sotto attenta valutazione da un apposito team coordinato dal Radio Wave Policy Council, un gruppo di studio del ministero. Sono tre le tecnologie che il gruppo di lavoro sta attualmente analizzando, e l'obiettivo è quello di poter arrivare ad una commercializzazione di queste soluzioni tra il 2015 ed il 2020.

La prima riguarda un sistema basato sull'induzione elettromagnetica che permette di trasmettere l'energia elettrica in un raggio molto ristretto, nell'ordine dei millimetri, il medesimo principio che sta alla base del funzionamento delle soluzioni Powermat. Tra le tecnologie sotto analisi vi è poi quella sviluppata dal MIT, della quale abbiamo parlato esattamente un anno fa, e che sfrutta le frequenze di risonanza per trasmettere l'energia elettrica tra due bobine non fisicamente collegate tra loro.

La terza tecnologia allo studio del Radio Wave Policy Council è stata presentata recentemente da Intel in occasione dell'IEEE Radio and Wireless Symposium ed è basata su un sistema di raccolta delle normali onde radio (quelle provenienti da un qualunque ripetitore televisivo, per esempio) che mediante l'impiego di appositi rettificatori vengono convertite in corrente continua.

La prima tecnologia, che come abbiamo detto è già stata utilizzata per alcuni prodotti immessi sul mercato, dovrebbe essere standardizzta entro il 2015. Per le altre due soluzioni, per le quali sono già stati puntualizzati i principali problemi da risolvere, il governo giapponese si aspetta di poter ultimare i lavori nel 2020.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

104 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lo_straniero20 Febbraio 2009, 15:58 #1
Mi verrebbe da dire ...PIU CANCRO PER TUTTI.....

correggetemi se sbaglio
lo_straniero20 Febbraio 2009, 15:58 #2
edit sorry
the_joe20 Febbraio 2009, 16:01 #3
Vedremo se la realizzeranno prima che i famosi asini inizino a volare.......
Stech198720 Febbraio 2009, 16:02 #4
LOL quando piove ci sarà da ridere... Tipo Fantozzi che fa il parafulmine...
die8120 Febbraio 2009, 16:09 #5
battute a parte...il futuro è questo...inoltre vorrei far notare che il uovo palm pre supporta tale tecnologia se non erro...avevo visto il tutto in funzione su un video di un altro sito
Notturnia20 Febbraio 2009, 16:09 #6
hm.. il mio spazzolino elettrico di 15 anni fa si ricaricava già per induzione..

e i trasformatori che abbiamo in tutte le case e apparecchiature elettroniche funzionano con quel principio da molti anni... da sempre.. a dire il vero..

l'unica novità sarebbe quella delle onde radio per trasmettere energia.. ma anche qua.. voglio vedere quanto efficiente è un sistema simile..

un cavo puo' avere delle perdite quantificate nell'ordine del 5% su distanze "medio-lunghe" (parliamo di kilometri..) ed è un cavo in rame..

un sistema ad onde radio ?.. mi viene da ridere... parliamo di consumare meno e poi disperdiamo energia nel trasporto ?..

lol..

no.. resto con i vecchi cavi in rame..
Zande20 Febbraio 2009, 16:09 #7
In realtà è un proceggo che c'è da molto e già diversi elettrodomestici a basso consumo (es molti spazzolini da denti) usano lo stesso concetto. Però aumentando la potenza diventa un casino. Lasciando perdere l'ambito medico su cui non so pronunciarmimi sembra che almeno

[LIST=1]
[*]L'energia wireless non è facilmente confinabile => il vicino mi può leechare corrente
[*]La perdita di corrente nel processo di trasporto corrente è smodata
[*]Le interferenze elettromagnetiche su tutta la componentistica analogica sono impressionanti
[/LIST]

Mi sembra veramente un'idea folle, fosse anche solo per lo spreco energetico in questo momento in cui tutti corriamo verso la salvaguardia dell'ambiente e il risparmio energetico (che oltretutto è anche risparmio monetario)
p4ever20 Febbraio 2009, 16:11 #8
see ciao...ci mancava solo questa...e dopo la gente si domanda perchè perde i capelli o perchè ci si ammala...
Therinai20 Febbraio 2009, 16:11 #9
utilità della notizia?
Fil999820 Febbraio 2009, 16:12 #10
giustamente


anche oncologi, radioterapisti, produttori di farmaci chemio, fioristi, pompe funebri e preti debbon poter vivere ...



in un momento come questo non aumentare questa importate fetta di mercato è quantomeno da sconsiderati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^