HP presenta Sprout, per rivoluzionare il mondo desktop

HP presenta Sprout, per rivoluzionare il mondo desktop

Un sistema all-in-one con un nuovo sistema di input basato su un piano di lavoro touch e su un proiettore/scanner sopraelevato: è questa la novità di HP, che inaugura l'ecosistema Blended Reality

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:33 nel canale Sistemi
HP
 

Hewlett-Packard sta cercando di cambiare l'esperienza desktop con il nuovo PC all-in-one Sprout, annunciato ufficialmente nel corso della giornata di ieri e del quale abbiamo avuto modo di parlare anticipatamente già nel corso delle passate settimane.

Il sistema, il cui prezzo di base sarà di 1900 dollari, è costruito con l'intenzione di promuovere e facilitare un'interazione che vada oltre il consueto uso di mouse e tastiera, sfruttando tecnologie di immagine e sensori per offrire all'utente la possibilità di interagire in maniera "naturale". Si tratta del primo sistema di HP che rientra nell'ecosistema Blended Reality.

Ron Coughlin, Senior Vice President Consumer PC and Solutions per HP, ha commentato: "Fino ad ora il mondo fisico e quello digitale sono stati ampiamente divisi e la creazione digitale è rimasta bidimensionale. Con Sprout di HP introduciamo la prima piattaforma computing immersiva che fonde assieme questi due mondi, permettendo alle persone di portare le proprie creazioni e i propri progetti intuitivamente in tre dimensioni".

Si tratta di un sistema a doppio schermo, il primo incarnato da un piano di lavoro con tecnologia capacitiva e fino a 20 punti di contatto, ed il secondo un tradizionale monitor da 23 pollici retroilluminato a LED, anch'esso provvisto di tecnologia touch. Al di sopra del monitor si trova un illuminatore che permette di proiettare immagini sul piano di lavoro, consentendo all'utente di interagire con la proiezione.

L'illuminatore funge inoltre da scanner, grazie alla presenza di quattro fotocamere integrate, catturando oggetti tridimensionali che vengono collocati sul piano di lavoro. Sia oggetti 2D, sia oggetti 3D possono essere manipolati sullo schermo tramite il piano di lavoro. Gli utenti possono ovviamente usare anche tastiera e mouse come periferiche di input e anche avvalersi dell'ausilio di un apposito stilo. L'illuminatore fa uso della tecnologia RealSense 3D e di fotocamere da 14,6 megapixel. HP ha sviluppato il software Workspace specificatamente per Sprout, permettendo di utilizzare il sistema in maniera intuitiva e coinvolgente.

Le immagini proiettate sul piano di lavoro cambiano a seconda dell'applicazione utilizzata e a tal proposito, per aiutare gli utenti a trovare applicazioni specifiche per Sprout, HP ha aperto un marketplace per il nuovo sistema. Una serie di applicazioni Windows, tra cui Crayola's Draw & Sing, GestureWorks Gameplay e DreamWorks Animation Story Producer, sono già disponibili. HP mette inoltre a disposizione essa stessa una serie di app che offrono agli utenti gli strumenti necessari per catturare e manipolare gli oggetti. E' inoltre già disponibile l'SDK per il sistema Sprout.

Dal punto di vista hardware Sprout è un sistema all-in-one basato su processore Intel Core i7-4790S con GPU Intel HD Graphics 4600 integrata, anche se il sottosistema grafico viene gestito dalla scheda NVIDIA GeForce G 745A. Il sistema è equipaggiato con 8GB di RAM, espandibili fino a 16GB. Sul fronte storage si segnala la presenza di una unità SSD da 1TB. Sul fronte delle connessioni I/O troviamo due porte USB 3.2, due porte USB 2.0, un connettore HDMI, un connettore RJ45 per operazioni di rete Gigabit, una scheda WiFi 802.11 a/b/g/n/ac e un modulo Bluetooth 4.0.

Sprout sarà disponibile dal 9 novembre inizialmente solo sul mercato statunitense. Maggiori informazioni al sito ufficiale www.sprout.com.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
roccia123430 Ottobre 2014, 12:13 #1
Fico .
Eress30 Ottobre 2014, 12:29 #2
Molto bello, ma non è una novità, è copiato dal vecchio primo Acer Iconia dual screen touchbook.
Cappej30 Ottobre 2014, 14:32 #3
l'effetto è stupendo! ... a vedersi... fa un po kakà... con quel "coso" la sopra... mi dà una sensazione di potere alla minority report... da spavento!
Va visto se nel quotidiano risulta davvero essere usabile...
calabar30 Ottobre 2014, 14:48 #4
Realizzazione molto intrigante, ma secondo me ancora un po' acerba.

Lo schermo inferiore dovrebbe avere un digitalizzatore come si deve e non un capacitivo.
La protuberanza superiore rimane molto goffa, secondo me dovrebbe essere resa quasi invisibile e ripiegabile.
La manipolazione di oggetti virtuali con la proiezione la vedo abbastanza limitata, funzionale sono in alcuni campi. Secondo me la postazione lavorerebbe molto meglio con un visore VR o meglio ancora con un visore per realtà aumentata per tutto il campo visivo.
Certo, se fosse accessibile un sistema vi oloproiezione in stile laboratorio di Tony Stark sarebbe ancora meglio, ma per quello c'è tempo!

Comunque da qualche parte bisognerà pur iniziare, e se questa postazione risulterà davvero produttiva anche solo in alcuni ambiti, potrebbe aprire la strada all'adozione di questo tipo di sistemi man mano che la tecnologia dovesse evolversi.
kamon30 Ottobre 2014, 16:00 #5
Fichissimo, se funzionasse come illustrato nel video sarebbe un gran bell'oggettino per chi fa grafica amatoriale e non.
bobafetthotmail30 Ottobre 2014, 19:49 #6
finalmente una applicazione della tecnologia touch che ha un senso su un desktop.

Tastiera riconfigurabile e interazione diretta con oggetti 3d. A Star Trek! Arriviamo!

Bello. Forza e coraggio che

Molto bello, ma non è una novità, è copiato dal vecchio primo Acer Iconia dual screen touchbook.
Si vabbè. Qui di nuovo non c'è il doppio sistema touch (che bastava mettere due schermi vicini duh!), ma sta faccenda dell'interfaccia "fisica" riconfigurabile. Che è una roba più del mondo mobile dove l'unica cosa che è uguale per tutti è la tastiera.
Eress30 Ottobre 2014, 20:10 #7
Originariamente inviato da: bobafetthotmail
Si vabbè. Qui di nuovo non c'è il doppio sistema touch (che bastava mettere due schermi vicini duh!), ma sta faccenda dell'interfaccia "fisica" riconfigurabile. Che è una roba più del mondo mobile dove l'unica cosa che è uguale per tutti è la tastiera.

Sono inevitabili aggiunte e innovazioni tecnologiche dettate dal tempo. Ma l'idea originale resta quella del vecchio Acer Iconia.
Zenida30 Ottobre 2014, 20:22 #8
Il fatto di usare un proiettore è molto limitativo e costoso tra l'altro.

Nel momento in cui si mette la mano sul piano si fa ombra e si copre parte dell'immagine.. se poi si riesce a capire cosa c'è proiettato sul dorso della mano... ma non è semplice.

Infatti le riprese nel video sono tutte dall'alto con visione perpendicolare proprio per non far vedere che si creano ombre dando l'illusione che continui a vedere l'immagine.

Inoltre ci sono tutti i limiti dei proiettori, ovvero in caso di forte illuminazione tipo una finestra vicino al PC.. quell'affarino di certo non potrà garantire una forte luminanza dato quanto è minuscolo.

Non facevano prima a mettere uno schermo tattile a questo punto?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^