Antig technology, batterie Fuel Cell più vicine?

Antig technology, batterie Fuel Cell più vicine?

Un'azienda taiwanese annuncia la commercializzazione entro l'anno della tecnologia Fuel Cell DMFC

di pubblicata il , alle 12:37 nel canale Sistemi
 

Girano per la rete notizie in anteprima riguardanti la presentazione da parte di Antig Technology di una versione finale degli accumulatori Fuel Cell con tecnologia DMFC (direct methanol fuel cell), che andranno ad equipaggiare dispositivi portatili come telefoni cellulari e PC portatili.

Il nome di un modello di batteria dovrebbe essere 16W Begini, prodotta in ogni caso insieme a partner come Syspotek, che produrrà i sensori per il monitoraggio del livello del liquido. L'assemblaggio avverrà invece grazie al contributo di un'altra azienda, AVC, mentre a fornire il PCB e quindi l'hardware elettronico sarà Nan Ya PCB Corp.. Tutti nomi a dire il vero ben poco noti, ma che potranno diventare famigliari qualora tale tecnologia dovesse prendere piede.

Avremo modo di approfondire maggiormente, già da domani, le poche informazioni trapelate direttamente nella Hall 1.2 Stand 126, nel quale tutte queste aziende metteranno a disposizione del pubblico delle dimostrazioni di apparecchi funzionanti alimentati per mezzo di Fuel Cell.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Baltico31 Agosto 2006, 12:49 #1
in questo periodo dove la paura degli attentati sugli aerei è alta e non ti fanno portare a bordo manco una coca cola queste batterie come potranno salirci?
die8131 Agosto 2006, 13:07 #2
lasciandole nella stiva dell'aereo insieme alportatile o procurandosi una batteria old style per i viaggi in aereo
Baltico31 Agosto 2006, 13:21 #3
asd lasciare un portatile nella stiva equivale a lasciare macchina aperta con chiavi nel cruscotto davanti alla stazione centrale e sperare di ritrovarla quando passi la mattina dopo
Staffilo197531 Agosto 2006, 13:21 #4

Il metano ti da una mano?

Mi fa piacere che finalmente questi Fuel Cell si possano "toccare con mano" era da un bel po' di tempo che ne parlavano. Da conumatore però attendo di sapere quanto costeranno e con quali modelli di cellulare saranno compatibili, anche se credo che dovremmo aspettare la fine del 2007 per vederli.
+Benito+31 Agosto 2006, 13:32 #5
dubito che esisteranno mai per cellulari, non le vedo per nulla concorrenziali. Ingombro maggiore delle pile al litio, poca necessità di autonomia maggiore della attuale, minor durata.
Se iniziano a produrre moduli da 20-30W con buona affidabilità (dovrebbero integrare anche un ventilatore per funzionare però immagino, quindi ho riserva su questo) e un volume e peso contenuto saremmo all'inizio dell'era delle pile a combustibile.
Darkangel66631 Agosto 2006, 13:52 #6
Non è che poi se lasci il portatile in macchina nel baule d'estate si rischia un'esplosione?
Redvex31 Agosto 2006, 14:46 #7
Bè se le commercializzeranno le faranno sicure, non ha senso immettere una bomba sul mercato
Motosauro31 Agosto 2006, 14:48 #8
Originariamente inviato da: Darkangel666
Non è che poi se lasci il portatile in macchina nel baule d'estate si rischia un'esplosione?

Beh, se è solo per questo ci ha già pensato Dell
May8131 Agosto 2006, 17:02 #9
Io invece trovo le fuel cell molto utili in determinati ambiti.

Già con 16 W puoi alimentare un portatile in modalità risparmio energetico senza grossi sforzi progettuali. Poi se vuoi giocare e sfruttare tutto l'HW probabilmente avrai anche la possibilità di collegare il notebook alla corrente.

Avere autonomie di 8-10 ore non mi farebbe così schifo, oltretutto avendo la possibilità di ricaricare il tutto in pochi secondi.
avvelenato31 Agosto 2006, 17:37 #10

non ci sono cazzi

comunque se fai un portatile che ciuccia 50w, si possono realizzare pure batterie da 200watt/h, ma sarà sempre una braciola. Invece la vedo utile per portatili relativamente "potenti" ma comunque parsimoniosi di energia, per raggiungere autonomie di 8 ore o più... relativamente utile, ma senza un vero mercato, sostanzialmente. Chi ha davvero necessità di stare lontano dall'alimentazione di rete e con un portatile acceso per otto ore? Poche persone, imho.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^