Anche Sun al lavoro su connessioni ottiche

Anche Sun al lavoro su connessioni ottiche

Sun annuncia un progetto di ricerca finanziato dal DARPA per la realizzazione di connessioni ottiche tra microprocessori

di pubblicata il , alle 16:13 nel canale Sistemi
 

A breve distanza dall'annuncio di IBM relativo allo sviluppo di un sistema di routing per connessioni ottiche su scala micrometrica, anche Sun Microsystems si prepara ad entrare nel campo dello sviluppo di tecnologie ottiche, annunciando l'avvio di un progetto finanziato dal DARPA (Defense Advanced Reasearch Procjects Agency), l'agenzia governativa statunitense che si occupa dello sviluppo di tecnologie ad uso militare.

In particolare il DARPA avrebbe stanziato circa 44 milioni di dollari per supportare una ricerca relativa all'impiego di segnali laser per trasferire informazioni tra microprocessori. I vantaggi di portare su scala macrometrica le connessioni ottiche sono noti: innanziutto una maggiore banda passante, in secondo luogo (ma non per importanza) un consumo energetico inferiore ed una minore dissipazione termica.

Il progetto di Sun si basa sulla realizzazione di cosiddetti "macrochip", ovvero un array (una griglia) di chip interconnessi tra loro tramite raggi laser. Le connessioni sarebbero realizzate grazie a particolari guide d'onda, che dovranno essere allineate con estrema precisione alla sorgente del segnale laser. Grazie alla bassa dissipazione termica e all'assenza dei problemi di leakage (interferenze elettromagnetiche e di dispersione elettrica), tali interconnessioni potranno essere implementate in spazi molto ridotti.

L'obiettivo sarebbe poi quello di utilizzare questi "macrochip" al posto dei normali processori utilizzati per la realizzazione degli attuali supercomputer, permettendo così di ottenere sistemi in grado di fornire enormi capacità di calcolo da destinare a complessi impieghi di modellazione.

Sun tuttavia riconosce che le probabilità di successo di questo progetto non sono, almeno ad ora, particolarmente elevate. Ron Ho, uno dei responsabili della ricerca, ha infatti dichiarato: "Ci aspettiamo una probabilità di insuccesso del 50%, ma se dovessimo riuscire nel nostro intento dimostreremo la possibilità di incrementare le prestazioni nell'ordine di migliaia di volte rispetto a quanto attualmente possibile".

Fonte: New York Times

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DanieleG27 Marzo 2008, 18:38 #1
Il progetto è interessante e ambizioso.
Forza SUN!
II ARROWS27 Marzo 2008, 20:33 #2
SUN ha il nome più adatto per tecnologie con la luce!
Nemesis198427 Marzo 2008, 20:40 #3
Progetto molto interessante, già tempo fa se ne parlava e no si è sentito più nullo fino ad oggi.
Comunque se questi studi daranno dei risultati come è già scritto i vantaggi saranno molteplici.
Vedremo e buon lavoro
Faustinho DaSilva28 Marzo 2008, 10:24 #4
wow sarebbe veramente un balzo in avanti se i dati andassero alla velocità della luce..
Solido28 Marzo 2008, 11:02 #5
speriamo ci tolgano da questa fase di stallo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^