Windows 10, nuovo aggiornamento cumulativo a sorpresa: ecco le novità

Windows 10, nuovo aggiornamento cumulativo a sorpresa: ecco le novità

Microsoft ha rilasciato un nuovo aggiornamento cumulativo per Windows 10 Creators Update, con codice KB4020102, che porta la build alla versione 15063.332

di Nino Grasso pubblicata il , alle 11:41 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Non c'è stato alcun Patch Tuesday di recente, tuttavia Microsoft ha rilasciato il secondo aggiornamento cumulativo del mese di maggio per chi usa Windows 10 Creators Update. L'update viene riconosciuto come KB4020102 e porta il sistema operativo alla build 15063.332. Non sono previste novità nelle funzionalità o nell'interfaccia grafica, con le novità che sono tutte da ricercare in correzioni di bug noti e ottimizzazioni di varia natura.

Il pacchetto KB4020102 è disponibile per tutti i PC che si trovano nei canali di aggiornamento Production (quello finale) e Release Preview, mentre su Mobile solo chi è nel canale Release Preview può riceverlo al momento in cui scriviamo. Di seguito riportiamo tutte le novità o, usando i termini spesi da Microsoft i "quality improvements", presenti sul nuovo update cumulativo, così come si leggono sul changelog che ha accompagnato il rilascio del nuovo pacchetto:

  • Sistemato un problema per cui NTLM non riusciva a generare una risposta quando CredGuard era attivo, NTLMv2 utilizzato e non c'erano informazioni fornite dal server
  • Sistemato un problema per cui Internet Explorer non rispettava la politica "Send all sites not included in the Enterprise Mode Site List to Microsoft Edge" all'apertura dei preferiti
  • Sistemato un problema su Internet Explorer 11 per cui un utente non-admin non era in grado di installare un controllo ActiveX
  • Sistemato un problema per cui, dopo aver avviato la Split View, alcune app (Microsoft Edge, Hub, Cortana, ecc.) non ricevevano comandi di input su sistemi multi-display
  • Sistemato un problema con una barra di scorrimento non necessaria nella finestra di dialogo delle credenziali di accesso, che avrebbe potuto bloccare l'uso di altri campi di testo
  • Sistemato un problema per cui, durante un reset VM, la VM andava in Second Level Paging (SLP) anche in presenza di sufficiente memoria sul sistema host
  • Sistemato un problema per cui alcuni font non-Unicode (Courier, MS Sans Serif, ecc.) non renderizzavano i caratteri correttamente su sistemi a singolo byte in lingua non latina. Al loro posto apparivano barre nere o altri artefatti
  • Sistemato un problema con app di SMS/messaggistica, che cessavano di funzionare quando si cercava di cancellare i messaggi
  • Sistemato un problema per cui, dopo aver installato Creators Update, l'uscita audio da decoder esterni non funzionava correttamente
  • Sistemato un problema per cui la shell IoT non riusciva a monitorare le applicazioni in esecuzioni in background
  • Sistemato un problema di alta latenza quando si utilizzava la API MIDI Universal Windows Platform (UWP)
  • Sistemato un problema per cui le stampanti di rete non si installavano correttamente quando si utilizzava il software proprietario di setup su sistemi con meno di 4GB di RAM
  • Sistemato un problema per cui PrintBRM non riusciva a ripristinare le Print Queue Configurations dove i nomi della stampante erano identici e una porta era impostata su FILE:
  • Sistemato un problema per cui le impostazioni proxy per utente non venivano migrate alle impostazioni proxy del sistema
Lo scorso mese Microsoft aveva specificato che con Creators Update sarebbe cambiata la strategia utilizzata per gli aggiornamenti: da oggi in poi è possibile aspettarsi più di un pacchetto cumulativo ogni mese, anche non strettamente legati alla sicurezza, in aggiunta all'immancabile Patch Tuesday tradizionale. I pacchetti intermedi potranno contenere sia correzioni di vulnerabilità che "quality improvements", come la release appena avvenuta. L'installazione dell'update verrà effettuata automaticamente su tutti i sistemi idonei con Creators Update, o può essere forzata attraverso la schermata Windows Update delle Impostazioni del sistema operativo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zappy26 Maggio 2017, 13:04 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/sistem...vita_68917.htmlda oggi in poi è possibile aspettarsi più di un pacchetto cumulativo ogni mese, anche non strettamente legati alla sicurezza, in aggiunta all'immancabile Patch Tuesday tradizionale. I pacchetti intermedi potranno contenere sia correzioni di vulnerabilità che "quality improvements",


che casino...
Riky197926 Maggio 2017, 13:52 #2
Già, fino ad ora sapevo che il 2o martedì/mercoledì per orario ufficio italiano arrivavano gli update, quindi mi regolavo di conseguenza anche per gestire il traffico se ero in giro con il portatile. Ora diventa tutto più complicato e caotico.
goku4liv27 Maggio 2017, 17:35 #3
WIN 10 SE LO CONOSCI LO EVITI, un SO sempre in fase BETA che appena accendi il computer ti devi sorbire giga e giga di nuovi aggiornamenti che te lo tengono impegnato fino a farti cadere le balle a terra, e ti spia e non hai mai ilcontrollo del tuo so in quanto non sai mai se la luce del router lampeggia perchè sta scaricando aggiornamenti a tua insaputa o perchè hai un virus, insomma WINDOWS 10 è SOLO DA EVITARE, QUANDO NON FUNZIONERA PIU WIN 7 O 8 IO PASSERO A LINUX
Averell27 Maggio 2017, 17:58 #4
bravo, peccato anzi non ti funzioni più da stasera
BulletHe@d27 Maggio 2017, 22:45 #5
credo che gente come goku4liv non ha capito che un sistema come win 10 deve rimanere sempre connesso e tarato per far svolgere in notturna il lavoro di update in modo da lasciare libero il giorno per le attività quotidiane, io facendo così e facendo seguire questo consiglio ai miei amici/familiari non hanno mai avuto problemi fin dalla prima release di Windows 10.
In fine dei conti sono aggiornamenti o di sicurezza o di risoluzione a bug o ammodernamenti dei vari moduli, piuttosto che ringraziare che sia così ben seguito ti lamenti pure, fammi capire una cosa ma se passi a Linux che fai non aggiorni ne distro ne repository perché anche quelli sono in perenne BETA come ha definito Windows 10 ? se è così credo che semplicemente non hai idea di come funzioni un pc moderno
zappy29 Maggio 2017, 11:06 #6
Originariamente inviato da: BulletHe@d
credo che gente come goku4liv non ha capito che un sistema come win 10 deve rimanere sempre connesso e tarato per far svolgere in notturna il lavoro di update

...
ah, certo, per fare i comodi del SO devi tenerti acceso 24h il pc e pagare enel x far piacere a MS...
...se passi a Linux che fai non aggiorni ne distro ne repository ...

in linux decidi tu se, quando e cosa aggiornare... se non capisci la differenza...
fano29 Maggio 2017, 11:52 #7
Basta mettere il PC in standby si accende da solo quando deve aggiornare (puoi anche settare un orario specifico tipo le 3 AM) e quando ha finito si dovrebbe ri-spegnere!
Dico dovrebbe perché quando provai a fare così non funzionava affatto: si accendeva, ma poi al termine non si spegneva affatto e restava acceso per ore ed ore...

Dovrò un giorno riprovarla sta cosa...

Comunque su Linux il problema è semmai l'inverso: non puoi davvero aggiornare il kernel o parti fondamentali del S.O. a "cuor leggero" come su Windows / macOS: rischi che le applicazioni poi non ti funzionino più!

E non ditemi che non è vero per questioni di sicurezza i nostri clienti hanno richiesto di passare dalla obsoleta e piena di bachi di sicurezza Cent OS 5.4 alla obsoleta e piena di bachi di sicurezza Cent OS 6.8 (la 7.0 su quell'hardware manco ci girerebbe!) i miei colleghi hanno passato quasi un mese a fare porting e combattere contro comportamenti cambiati "random" del compilatore...
zappy29 Maggio 2017, 12:22 #8
Originariamente inviato da: fano
...
Comunque su Linux il problema è semmai l'inverso: non puoi davvero aggiornare il kernel o parti fondamentali del S.O. a "cuor leggero" ...

mai avuto seri problemi, cmq il mio desktop non fa statistica
Lampetto29 Maggio 2017, 12:28 #9
Originariamente inviato da: goku4liv
WIN 10 SE LO CONOSCI LO EVITI, un SO sempre in fase BETA che appena accendi il computer ti devi sorbire giga e giga di nuovi aggiornamenti che te lo tengono impegnato fino a farti cadere le balle a terra, e ti spia e non hai mai ilcontrollo del tuo so in quanto non sai mai se la luce del router lampeggia perchè sta scaricando aggiornamenti a tua insaputa o perchè hai un virus, insomma WINDOWS 10 è SOLO DA EVITARE, QUANDO NON FUNZIONERA PIU WIN 7 O 8 IO PASSERO A LINUX


Se lo conosci dovresti sapere esattamente che puoi programmare gli aggiornamenti in tempi ed orari consoni, se lo conosci puoi fare lo stesso anche per aggiornare programmi e applicativi, se lo conosci dovresti sapere anche che molte applicazioni (Outlook live, applicativi, ecc ) sono sincronizzati e osservare le spie del router per paura di virus è leggermente da paranoici...
Il resto è un'insalata di luoghi comuni mai vista
fabiomax5629 Maggio 2017, 15:49 #10
OT forse...
ho provato ad aggiornare a w10 un notebook eec asus con win7 la cosa è possibile ancora oggi nonostante l'aggiornamento gratuito era cessato da mesi. vebbene l'aggiornamento ha fatto ciò che doveva fare ma alla fine il sistema dice che c'è w10 ma cliccando su start non compare il nuovo menù, non c'è l'icona impostazioni ma cortana c'è come pure edge...insomma un po' si e un po' no...torno al 7?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^