Windows 10 19H1 introdurrà lo Spazio Riservato: fino a 7 GB per i file degli aggiornamenti

Windows 10 19H1 introdurrà lo Spazio Riservato: fino a 7 GB per i file degli aggiornamenti

Microsoft ha annunciato che introdurrà la funzionalità "Spazio Riservato" per destinare una porzione del disco esclusivamente alla gestione dei file temporanei, compresi quelli degli aggiornamenti di sistema

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Con i recenti problemi nella gestione degli aggiornamenti di Windows 10, Microsoft ha deciso di introdurre delle novità nel modo in cui gestisce i file temporanei che riguardano gli aggiornamenti. La novità annunciata dall'azienda si chiama "Spazio Riservato" (Reserved Storage) e consiste nel "mettere da parte" una porzione dello spazio di un disco per far spazio ai file temporanei di applicazioni e sistema, inclusi i file che Windows deve gestire per installare gli aggiornamenti.

Uno dei problemi con cui Windows deve fare i conti quando il sistema viene aggiornato è infatti quello dello spazio occupato dai file degli aggiornamenti: si tratta di file temporanei per i quali il sistema deve avere a disposizione sufficiente spazio - che può essere anche una quantità notevole. Microsoft afferma che per l'aggiornamento 19H1, il prossimo a essere rilasciato, saranno necessari 7 GB di spazio. Nel caso in cui il sistema nasca con Windows 10 19H1 o su cui venga effettuata un'installazione "pulita", tale spazio sarà già riservato; in caso contrario sarà necessario attivare la funzionalità manualmente, almeno in un primo momento.

Questa funzionalità non è molto distante, almeno a livello concettuale e di finalità, dall'utilizzo di diverse partizioni per il sistema all'interno del mondo Linux: è infatti possibile specificare, ad esempio, diverse partizioni per /var e /tmp, che contengono i file di log e i pacchetti per gli aggiornamenti (tra le altre cose) nel primo caso e i file temporanei nel secondo. Utilizzando partizioni differenti è possibile far sì che la disponibilità di spazio della partizione principale del sistema non venga intaccata.

Il funzionamento dello Spazio Riservato in Windows 10 è però diverso a livello pratico: non si tratta infatti di partizioni differenti, ma di un sistema interno a NTFS che viene introdotto proprio con Windows 10 19H1. Il sistema può infatti segnalare al file system che una porzione dello spazio su un disco è riservata, facendo sì che l'operazione risulti totalmente trasparente all'utente: quest'ultimo vedrà infatti come disponibile solo lo spazio non riservato. Facendo un esempio pratico, se fisicamente il disco C: ha a disposizione 100 GB, l'utente ne vedrà 93 GB poiché 7 GB saranno gestiti come riservati. Il vantaggio pratico è che i file saranno sempre sulla stessa partizione, senza dunque la necessità di dover effettuare copie fisiche: il file system potrà semplicemente gestire la nuova versione del file tramite hard link, ad esempio.

Sarà possibile gestire la quantità di spazio riservato, ma non disabilitare la funzionalità. In tal modo Microsoft si assicura di avere sempre un certo margine per operare con gli aggiornamenti, senza ricadere nei casi in cui l'installazione fallisce (o causa altri problemi, ad esempio cancellando file erratamente) per mancanza di spazio.

Essendo la funzionalità integrata all'interno di NTFS, non sarà possibile vedere la parte riservata nel caso in cui si connetta un disco con una quota di spazio riservato a un sistema che non supporta la stessa versione del file system. In questo caso il sistema mostrerà il disco come è fisicamente sul disco (mostrando, dunque, tutti i 100 GB dell'esempio precedente). Ciò potrebbe causare incoerenze nel caso in cui vengano cancellati o modificati file nella parte riservata, sebbene Microsoft assicuri che sia possibile prevenire errori.

Con questo sistema, gli aggiornamenti non occuperanno più lo spazio a disposizione dell'utente e delle applicazioni, diminuendo la probabilità di problemi legati alla disponibilità di archiviazione.

La funzionalità, come riportato sul blog Storage at Microsoft, è disponibile a partire dalla build 18298 per gli iscritti al programma Windows Insider.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

151 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LukeIlBello11 Gennaio 2019, 15:03 #1
ma veramente ci sono gia le shadow copy (la roba dedicata al ripristino di sistema) a "riservare" spazio in modo trasparente all'utente
Paganetor11 Gennaio 2019, 15:03 #2
"Con questo sistema, gli aggiornamenti non occuperanno più lo spazio a disposizione dell'utente e delle applicazioni, diminuendo la probabilità di problemi legati alla disponibilità di archiviazione."

già perché anziché avere spazio occupato una volta ogni tanto così invece è occupato sempre e ciao.

E come la mettiamo con quelli (come me) che hanno uno di quei portatilini con 32 giga di memoria a stato solido, dei quali 18 occupati dal sistema operativo e da qualche applicazione e che ne ha solo 8 liberi rimanenti? (caso mio attuale)

Fino allo scorso aggiornamento era sufficiente collegare un disco esterno "di appoggio" per questi file - soluzione per me molto comoda - ma se al prossio aggiornamento mi fa sparire 7 giga "riservandoli" per Win Update a me non sta bene...
the_joe11 Gennaio 2019, 15:08 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
"Con questo sistema, gli aggiornamenti non occuperanno più lo spazio a disposizione dell'utente e delle applicazioni, diminuendo la probabilità di problemi legati alla disponibilità di archiviazione."

già perché anziché avere spazio occupato una volta ogni tanto così invece è occupato sempre e ciao.

E come la mettiamo con quelli (come me) che hanno uno di quei portatilini con 32 giga di memoria a stato solido, dei quali 18 occupati dal sistema operativo e da qualche applicazione e che ne ha solo 8 liberi rimanenti? (caso mio attuale)

Fino allo scorso aggiornamento era sufficiente collegare un disco esterno "di appoggio" per questi file - soluzione per me molto comoda - ma se al prossio aggiornamento mi fa sparire 7 giga "riservandoli" per Win Update a me non sta bene...


In effetti è la prima cosa che ho pensato.....

E merd@, a parte che già ora era un casino, così verranno tagliati fuori.
LukeIlBello11 Gennaio 2019, 15:11 #4
Originariamente inviato da: Paganetor
"Con questo sistema, gli aggiornamenti non occuperanno più lo spazio a disposizione dell'utente e delle applicazioni, diminuendo la probabilità di problemi legati alla disponibilità di archiviazione."

già perché anziché avere spazio occupato una volta ogni tanto così invece è occupato sempre e ciao.

E come la mettiamo con quelli (come me) che hanno uno di quei portatilini con 32 giga di memoria a stato solido, dei quali 18 occupati dal sistema operativo e da qualche applicazione e che ne ha solo 8 liberi rimanenti? (caso mio attuale)

Fino allo scorso aggiornamento era sufficiente collegare un disco esterno "di appoggio" per questi file - soluzione per me molto comoda - ma se al prossio aggiornamento mi fa sparire 7 giga "riservandoli" per Win Update a me non sta bene...

te conviene spostare il file di swap su una pennetta usb, oppure disabilitare il file hyber.sys e guadagnare qualche gigaB
WarDuck11 Gennaio 2019, 15:14 #5
Io non capisco perché MS non adotta una strategia molto semplice: file di Windows in una partizione riservata e in sola lettura, salvo nel caso di aggiornamenti. Lì allora avrebbe senso riservare spazio.

Così, da come si capisce, sembra che il SO occuperà 7 giga in più, senza alcun motivo pratico.
Paganetor11 Gennaio 2019, 15:29 #6
Eh ma io aggiornerei volentieri il "disco", il fatto è che sono quelle eMMC saldate e non rimovibili...

Tra l'altro MS ha fornito licenze a bassissimo prezzo proprio a quei produttori che installano su dischi a bassa capacità (32 giga, appunto)... spero ci sia un meccanismo di "valutazione" e che i 7 giga vengano riservati solo in presenza di almeno un tot (svariate decine) di giga liberi...
sintopatataelettronica11 Gennaio 2019, 15:32 #7
Credo che sia la soluzione peggiore che si poteva trovare ad uno pseudo-problema in realtà semplicissimo da risolvere (in altre più efficienti - e rispettose per l'utente - maniere.)

Cioè.. adesso non è per parlarne male, ma invece di risolvere i problemi (decennali) che questo pachiderma di sistema si porta dietro, alla Microsoft si inventano solo altre complicazioni inutili o impongono scelte che tolgono libertà e possibilità di scelta all'utente.

Anche perché tra file e directory temporanee che il sistema già da sempre ficca OVUNQUE.. e spazio occupato su disco da non-si-sa-nemmeno-che... ci mancava solo questa ulteriore... "novità".

La cosa più preoccupante, comunque, per me, della nuova politica Microsoft.. è appunto questo non lasciare più ALCUNA possibilità di scelta all'utente: imporre cose (spesso assurde e nemmeno ottimali, quando non proprio dannose ) e basta..mentre TUTTI i problemi seri e consolidati dell'architettura windows son lì fermi, mai risolti, da decenni.. boh... non la vedo per niente rosea.. onestamente.
sintopatataelettronica11 Gennaio 2019, 15:39 #8
Originariamente inviato da: WarDuck
Io non capisco perché MS non adotta una strategia molto semplice: file di Windows in una partizione riservata e in sola lettura, salvo nel caso di aggiornamenti. Lì allora avrebbe senso riservare spazio.

Così, da come si capisce, sembra che il SO occuperà 7 giga in più, senza alcun motivo pratico.


Sì: e ciò in aggiunta al fatto che il sistema di aggiornamento/update, già in sé (senza 'sta novità ), è quanto più lontano dall'ottimale e dal "pulito" che si sia mai visto.. almeno avessero sistemato prima quello

Comunque di soluzioni semplicissime ed infinitamente più efficienti delle attuali per gestire in sicurezza e praticità tutto il processo ce ne sarebbero.. ma sembra che non gliene importi niente..

Ogni volta che capitano problemi (vedi l'anno scorso) tutto quello che fanno è aggirarli maldestramente con un inadeguato "rattoppo".. e via così fino al prossimo casino che capita .. e allora ancor meno scelta e altre inutili e maldestre complicazioni imposte per tutti..

E' preoccupante, onestamente, l'andazzo.
biometallo11 Gennaio 2019, 15:51 #9
Originariamente inviato da: Paganetor
E come la mettiamo con quelli (come me) che hanno uno di quei portatilini con 32 giga di memoria a stato solido, dei quali 18 occupati dal sistema operativo e da qualche applicazione e che ne ha solo 8 liberi rimanenti? (caso mio attuale)


Non è che invece lo fanno apposta per questi sistemi?

Proprio il mese scorso mi è stato portato un Lenovo Miix630 su cui non si poteva fare nemmeno il ripristino di sistema a causa della mancanza di spazio, Alla fine dopo aver ricevuto il consenso dal proprietario ho piallato tutto da pennetta usb, forse con questi 7 giga di spazio riservato si sarebbe potuto evitare (per quanto comunque il sistema era lento in modo indecente quindi una bella formattate non gli ha fatto altro che bene.. )
acerbo11 Gennaio 2019, 15:54 #10
e che ci devono fare con 7giga di aggiornamento, una copia intera dell'OS?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^