Microsoft: Windows 10 è l'ultima versione di Windows

Microsoft: Windows 10 è l'ultima versione di Windows

Alla conferenza Ignite, uno sviluppatore della società ha detto che "Windows 10 è l'ultima versione di Windows". Una frase che si presta a molti malintesi, ma che ha un significato ben specifico

di Nino Grasso pubblicata il , alle 10:01 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

"Stiamo per rilasciare Windows 10, e visto che Windows 10 è l'ultima versione di Windows, stiamo ancora lavorando su Windows 10". L'affermazione di Jerry Nixon, sviluppatore nonché "evangelista" per la società di Redmond, ha causato un po' di grattacapi nella serata di giovedì, con varie testate giornalistiche online che si sono chieste il reale senso delle parole utilizzate. La frase è da intendersi in valore assoluto o relativo?

Bisogna scendere un po' in profondità per capire il reale significato delle parole di Nixon. L'anno scorso, quando lanciava Windows 8.1 Microsoft aveva già in mente Windows 10 e aveva già iniziato a svilupparne l'idea e il codice. Allora gli impiegati al lavoro sul progetto non potevano di certo sbottonarsi sull'argomento e sul futuro della piattaforma, restrizione oggi assente poiché al momento non sono previsti ulteriori aggiornamenti per Windows 10.

Microsoft Windows 10

Sebbene le parole di Nixon suonino come se Microsoft stesse pensando di eliminare qualsiasi release futura di Windows, in realtà la società sta sviluppando un concetto di cui discute ormai da tempo, e in cui Windows 10 è una parte fondamentale. Parliamo di "Windows as a service", ovvero un software sviluppato in modo che può essere continuamente aggiornato come se fosse un servizio. E Windows 10 è stato creato prendendo come riferimento proprio questo concetto.

È probabile di fatto che Windows 10 sarà l'ultima major release del sistema per parecchio tempo, probabilmente prendendo come esempio quanto fatto da Apple con Mac OS X. Ma questo non significa che lo sviluppo sul sistema operativo sarà cessato, anzi tutto l'opposto. Separando ad esempio le singole componenti del sistema operativo e le applicazioni, sarà molto più semplice aggiornarle singolarmente laddove necessario, il tutto indipendentemente dalla parte centrale del software di base.

"Commenti recenti su Windows 10 riflettono il modo in cui Windows sarà fornito come servizio, in cui verranno rilasciati aggiornamenti costanti nel corso nel tempo", ha dichiarato Microsoft a The Verge. "Non possiamo rivelare le strategie future che abbiamo per il branding, ma possiamo confermare che Windows 10 rimarrà aggiornato e alimenterà una serie di dispositivi molto diversi fra di loro, da Surface Hub ad Hololens e Xbox".

Niente di ufficiale quindi, tuttavia è probabile che le modalità di aggiornamento siano molto più simili a quelle di un software tradizionale che rispetto a quanto offriva Microsoft in passato. Del resto Windows 8.1 veniva già offerto sullo store ufficiale lo scorso anno, attraverso modalità che Microsoft vuole estremizzare con la prossima major release. Del resto, tale teoria potrebbe spiegare anche il motivo per cui è stata scavalcata di netto la versione "9" passando da 8 a 10: 10 è un numero più "completo e assoluto", proprio come la X usata dalla concorrente Apple.

L'obiettivo ultimo potrebbe essere quello di enfatizzare il nome Windows, e non la sua versione. E, considerando le qualità mostrate sinora dal 10, collegare la percezione del brand ad un'esperienza d'uso solida e perfettamente rifinita su tutti i dispositivi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

109 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar08 Maggio 2015, 10:21 #1
Beh, credo che per buona parte dei lettori di questo sito il senso di quelle parole fosse ovvio.
Secondo me è l'approccio migliore, venderanno in ogni caso le licenze sui nuovi PC ma il sistema rimarrà sempre aggiornato (per chi volesse aggiornarlo ovviamente).
Dovranno rinunciare agli introiti per gli aggiornamenti, ma alla fine probabilmente questo verrà compensato dagli introiti dovuti ai servizi.

Speriamo che per lo meno creino un sistema di aggiornamenti che non ti obblighi a passare una settimana ad aggiornare rispetto alla versione base, perchè con un unico Windows, utilizzando il sistema attuale, recuperare una versione non aggiornata da tempo potrebbe richiedere molto tempo.
Speriamo per lo meno che mantengano un sistema di distribuzione delle ISO con il sistema aggiornato per lo meno saltuariamente (una volta ogni sei mesi con tutte le patch? Anche una volta all'anno andrebbe bene), sarebbe un bell'aiuto in certi casi.

Certo, se si aveva in mente questo Windows come un'ultima versione, allora avrebbero potuto scegliere un nome migliore, dal Windows "e basta" al Windows One (abusato, ma almeno avrebbe avuto un senso).
atomico8208 Maggio 2015, 10:37 #2
la trovo una cosa molto positiva..
1) la licenza si comprerà una volta sola (magari molte persone che piratano (forse) lo compreranno sapendo che è onetime.
2) addio ai super formattoni dopo ogni release
3) compatibilità futura... fra qualche anno si saprà che il sistema da avere sarà win10.
4) bisogna solo fare attenzione alla compatibilità con vecchi sistemi..se il mio pc regge win 10.1 riuscirà a reggere anche win 10.6?
Bivvoz08 Maggio 2015, 10:44 #3
Originariamente inviato da: calabar
Certo, se si aveva in mente questo Windows come un'ultima versione, allora avrebbero potuto scegliere un nome migliore, dal Windows "e basta" al Windows One (abusato, ma almeno avrebbe avuto un senso).


Io lo avevo detto appena si è cominciato a parlare di win10 che dovevano chiamarlo windows one
Visto che è windows 10 potevano anche chiamarlo windows X come X-box ma poi non ci sarebbe più stato modo di far star zitti gli appleboys che urlavano come scimmie per il plagio da macosx (come se fosse la prima al mondo che chiama il 10 X)
peg198708 Maggio 2015, 10:57 #4
Mi accodo ai commenti precedenti però ho alcune perplessità

Per esempio dubito che la licenza si comprerà solo una volta, è più probabile un canone annuale, se se smetti di pagarlo non si aggiorna più (tipo gli antivirus).

Ci sono poi alcuni aggiornamenti che difficilmente si può fare senza formattare, per esempio, se dovessero decidere di cambiare il File system? NTFS esiste da circa 20 anni, quindi non mi plausibile che tra un po' lo vogliano sostituire (non che abbia qualcosa in contrario con NTFS).

Bisogna vedere in cosa consisteranno gli aggiornamenti, esempio...un aggiornamento mi potrà rendere incompatibile un driver obbligandomi quindi a reinstallarlo?

Poi sinceramente penso, (opinione opinabile), che nel 2015 si dovrebbero dedicare solo ad una versione a 64bit. Processori a 32 bit non li fanno più (in abito PC), e quelli esistenti tenderanno a scomparire ed ad essere sostituiti. Questo dovrebbe ridurre molto il lavoro di molte aziende (produttori di software, driver, giochi ecc...)
Davis508 Maggio 2015, 10:57 #5
ADDIO AI SUPER FORMATTONI???

milioni di utenti ci sono affezionati! dai tempi di windows98! Molti utenti attuali manco erano nati e gia' c'erano i super formattoni ogni tre mesi e adesso me li vogliono togliere????
argent8808 Maggio 2015, 11:00 #6
4) I requisiti da Vista in poi si sono fatti sempre più bassi.
2gb di ram oggi ce li hanno anche i cellulari, figurati i PC.
nelchael8108 Maggio 2015, 11:03 #7
Ma si sa che windows, a furia di ricevere input, prima o poi si inputtana e quindi va comunque formattato!
hrossi08 Maggio 2015, 11:15 #8
Originariamente inviato da: atomico82
la trovo una cosa molto positiva..
1) la licenza si comprerà una volta sola (magari molte persone che piratano (forse) lo compreranno sapendo che è onetime.


Tu sei sicuro che il servizio lo pagherai una sola volta?

Secondo me invece nel momento in cui Microsoft deciderà di cambiare versione cesserà di fornire il servizio alla precedente. A quel punto se tu vorrai continuare a usare il servizio pagherai per il nuovo servizio della nuova versione, altrimenti il servizio cessa di funzionare.

Detta in altri termini: hai Windows A con servizio pagato, Microsoft decide di rilasciare Windows B chiedendo l'abbonamento al nuovo servizio, se paghi rinnovi il servizio e Windows continua a funzionare, chiamandosi B, se non paghi il servizio e Windows cessano di funzionare.

Hermes
the_joe08 Maggio 2015, 11:19 #9
Originariamente inviato da: hrossi
Tu sei sicuro che il servizio lo pagherai una sola volta?

Secondo me invece nel momento in cui Microsoft deciderà di cambiare versione cesserà di fornire il servizio alla precedente. A quel punto se tu vorrai continuare a usare il servizio pagherai per il nuovo servizio della nuova versione, altrimenti il servizio cessa di funzionare.

Detta in altri termini: hai Windows A con servizio pagato, Microsoft decide di rilasciare Windows B chiedendo l'abbonamento al nuovo servizio, se paghi rinnovi il servizio e Windows continua a funzionare, chiamandosi B, se non paghi il servizio e Windows cessano di funzionare.

Hermes


Certo, se poi vuol fallire per le cause legali che dovrebbe affrontare per aver bloccato centinaia di milioni di PC sia di privati che di aziende, potrebbe farlo.
bobafetthotmail08 Maggio 2015, 11:21 #10
Tranquilli è come per la cosa dell'upgrade gratis per chi pirata. Qualcuno di MS uscirà fuori e dirà "ma che $&£% vi siete fumati?".

Per esempio dubito che la licenza si comprerà solo una volta, è più probabile un canone annuale, se se smetti di pagarlo non si aggiorna più (tipo gli antivirus).
Suicidio. Nessuno lo paga, il malware impazza, fine di Windows come lo conosciamo.

Ci sono poi alcuni aggiornamenti che difficilmente si può fare senza formattare, per esempio, se dovessero decidere di cambiare il File system?
Quando hanno messo NTFS lo hanno tolta la compatiblità con il FAT? No. Allora qual'è il problema esattamente?

Ma soprattutto, non cambiano il file system. Perchè dovrebbero?

Poi sinceramente penso, (opinione opinabile), che nel 2015 si dovrebbero dedicare solo ad una versione a 64bit. Processori a 32 bit non li fanno più (in abito PC), e quelli esistenti tenderanno a scomparire ed ad essere sostituiti. Questo dovrebbe ridurre molto il lavoro di molte aziende (produttori di software, driver, giochi ecc...)
I tablet con processore Atom sono generalmente 32 bit.
I programmi a 32 bit girano anche in sistemi a 64 bit, il contrario no.

1) la licenza si comprerà una volta sola (magari molte persone che piratano (forse) lo compreranno sapendo che è onetime.
Spero TANTO che sia un aggiornamento mensile. Non sono minimamente d'accordo ad essere bombardato di pubblicità.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^