Polizia usa dito stampato in 3D per sbloccare lo smartphone della vittima

Polizia usa dito stampato in 3D per sbloccare lo smartphone della vittima

La Polizia dello Stato del Michigan starebbe utilizzando un dito stampato in 3D per accedere alle informazioni di uno smartphone appartenente ad una vittima di un caso di omicidio

di pubblicata il , alle 11:05 nel canale Sicurezza
 

Pare che la polizia americana stia utilizzando un nuovo strumento per sbloccare gli smartphone all'interno delle indagini: la stampa 3D. Secondo un nuovo articolo pubblicato da Rose Eveleth per Fusion, gli ufficiali delle forze dell'ordine hanno contattato alcuni esperti del settore per riprodurre l'impronta di una vittima all'interno di un caso di omicidio partendo da una scansione registrata precedentemente. Creato il modello tridimensionale sarebbe infine possibile realizzare una finta impronta, da utilizzare al fine di sbloccare lo smartphone e ottenere l'accesso ai suoi file.

L'indagine è ancora in corso, quindi i dettagli sul funzionamento del procedimento pensato dalle autorità di legge americane sono ancora scarsi. Sono ancora più scarsi i dettagli a riguardo dell'eventuale efficacia della nuova tecnica. Si tratta comunque di una procedura simile a quella utilizzata da altri ricercatori per ricreare degli stampi funzionanti con le impronte digitali da immagini scansionate precedentemente, spesso anche in quei casi con la collaborazione delle forze dell'ordine. Nel nuovo caso riportato da Fusion non si tratta, però, di ricerca.

Se confermata la notizia, ci potremmo trovare di fronte al primo caso in cui la tecnica è stata utilizzata per sbloccare uno smartphone appartenente ad un'indagine attiva. Le tecniche di sblocco "coatto" da parte delle autorità di legge statunitensi hanno catturato l'attenzione del pubblico a partire dal caso di San Bernardino degli scorsi mesi, in cui Apple si è coraggiosamente rifiutata di collaborare ad un ordine della FBI che richiedeva lo sblocco di uno smartphone appartenente ad uno degli attentatori. A maggio Apple ha infine cambiato le modalità di accesso via impronta digitale.

Lo smartphone adesso richiede un passcode aggiuntivo se non è stato utilizzato per più di otto ore e se il codice non è stato inserito negli ultimi sei giorni. Non è chiaro quale sia il dispositivo coinvolto nell'indagine del Michigan, o se quest'ultima sia partita prima dell'attivazione delle nuove regole su iOS. Tuttavia secondo Eveleth la stampa 3D si rivelerebbe necessaria dal momento che lo stato attuale di decomposizione del cadavere è troppo avanzato per poter applicare direttamente l'impronta sul dispositivo o raccogliere il calco direttamente dalle dita della vittima.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Avatar026 Luglio 2016, 11:08 #1
Sarebbe anche utile per incastrare qualcun' altro in caso di omicidio premeditato ?

...(pre)meditate gente, (pre)meditate.
yurizena26 Luglio 2016, 11:29 #2
fermi tutti ho sistemato il problema dei fondi per questa ricerca inutile: usate una volta il dito reale della vittima e togliete la protezione per lo sblocco.
paulgazza26 Luglio 2016, 11:42 #3
Originariamente inviato da: yurizena
fermi tutti ho sistemato il problema dei fondi per questa ricerca inutile: usate una volta il dito reale della vittima e togliete la protezione per lo sblocco.


Tuttavia secondo Eveleth la stampa 3D si rivelerebbe necessaria dal momento che lo stato attuale di decomposizione del cadavere è troppo avanzato per poter applicare direttamente l'impronta sul dispositivo o raccogliere il calco direttamente dalle dita della vittima.


*
pingalep26 Luglio 2016, 12:10 #4
fa molto "bones"...per le nuove regole apple sulla data credo che si possa agilmente fregare un cell a credere che sia in giorno mese anno diverso attaccandolo ad una linea fasulla giusto?

domanda: ma non si potrebbe creare un'eccezione alla privacy dando consenso esplicito per cui il cell fa backup di certe informazioni su server dello stato?
l'ho detta molto grezzamente ma credo che molti di noi avrebbero piacere di condividere i cazzi propri oltre che con facebook e google anche con qualcuno che metta in galera l'eventuale assassino stupratore ladro etc.
Barco Maldini26 Luglio 2016, 13:10 #5
Originariamente inviato da: paulgazza
*


Non risponde al quesito, perchè non sbloccare il telefono col dito "vero" e poi rimuovere la protezione? Se possono farne la scansione vuol dire che il dito è sano.
Mi pare una cagata di proporzioni apocalittiche.
riuzasan26 Luglio 2016, 13:33 #6
barco maldini, in USA c'è un DB di impronte enorme perchè anche per una multa per eccesso di velocità ti vengono prese le impronte, idem per la sottoscrizione di qualsiasi assicurazione medica.
Eress26 Luglio 2016, 13:58 #7
Originariamente inviato da: riuzasan
barco maldini, in USA c'è un DB di impronte enorme perchè anche per una multa per eccesso di velocità ti vengono prese le impronte, idem per la sottoscrizione di qualsiasi assicurazione medica.

Gli USA per fortuna non fanno testo, loro sono il paese più libero del mondo ed esportatori di democrazia a mezzi e a quarti di pacche!
Però con l'iride mi sa che avranno da lavorare molto di più
Dumah Brazorf26 Luglio 2016, 14:34 #8
Originariamente inviato da: Barco Maldini
Non risponde al quesito, perchè non sbloccare il telefono col dito "vero" e poi rimuovere la protezione? Se possono farne la scansione vuol dire che il dito è sano.


Hanno usato le impronte che avevano in archivio.
rokis28 Luglio 2016, 08:11 #9
Originariamente inviato da: Eress
Gli USA per fortuna non fanno testo, loro sono il paese più libero del mondo ed esportatori di democrazia a mezzi e a quarti di pacche!
Però con l'iride mi sa che avranno da lavorare molto di più


Libero? Lo sai che tutti gli italiani dai a 40 anni in su sono schedate le impronte digitali? Anche tuo padre tuo zio e tuo Nonno, eppure non mi sembra di vivere in Nord Korea, o sbaglio? Ahhhhh l'ignoranza che brutta cosa......

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^