Equifax: la violazione del 2017 è per mano dei militari Cinesi

Equifax: la violazione del 2017 è per mano dei militari Cinesi

Il Dipartimento di Giustizia Americano ha sollevato accuse contro quattro persone legate al corpo militare Cinese per la violazione di sicurezza avvenuta ai danni di Equifax nel 2017 che ha esposto informazioni sensibili di 143 milioni di cittadini Americani

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Sicurezza
 

Nel corso della giornata di ieri il Dipartimento di Giustizia USA ha formalizzato le accuse verso quattro membri delle forze militari cinesi in connessione alla violazione di sicurezza avvenuta nel 2017 ai danni di Equifax, società specializzata nell'elaborazione di rapporti e graduatorie di credito, che ha esposto le informazioni di 143 milioni di cittadini americani. Avevamo raccontato la vicenda in questa notizia: Equifax violata, sottratte le informazioni di 143 milioni di persone.

Tutti e quattro gli uomini - Wang Qian, Xu Ke, Liu Lei, e Wu Zhiyong - sono membri del 54esimo Research Institute dell'Esercito Cinese e tutti con nove capi d'accusa a carico, tra cui associazione per frode informatica, associazione per spionaggio economico e associazione per frode telematica.

"La portata del crimine è stata sconvolgente. Il deliberato e indiscriminato furto di un vasto quantitativo di dati sensibili personali di civili, come accaduto in questo caso, non può essere tollerato. [...] E' un'intrusione deliberata nelle informazioni private del popolo Americano" ha dichiarato il Procuratore Generale William Barr.

Secondo i fatti stabiliti dal Dipartimento, il gruppo ha compromesso i sistemi di Equifax, situati presso la città di Alpharetta in Georgia, a partire dal mese di maggio 2017 sfruttando una vulnerabilità nota del framwork Apache Struts usato da Equifax. Il furto di informazioni che ne è conseguito, per portata e per profondità del tipo di dati rubati, ha messo 143 milioni di persone a rischio di episodi di furto di identità.

Relativamente alla vicenda il Vicedirettore dell'FBI, David Bowdich, ha dichiarato che attualmente non vi sono prove che i dati Equifax siano stati usati. Bowdich ha però espresso una certa frustrazione per l'approccio generale che il pubblico sta avendo verso le violazioni di questo tipo: "Siamo quasi diventati immuni a questi episodi. Non possiamo pensare in questa maniera. L'economia Americana non può essere pigra nel proteggere le informazioni e la proprietà intellettuale dai nostri avversari. I cittadini americani non possono essere pigri nel proteggere i loro dati sensibili" ha dichiarato, riferendosi al fatto che il pubblico si è ormai abituato a episodi di questo tipo senza mettere in atto procedure e pratiche di prevenzione adeguate.

Non si tratta delle prime accuse che il Dipartimento di Giustizia ha stabilito in merito al caso Equifax. A luglio l'ex-CIO dell'azienda, Jun Ying, è stato condannato a 4 mesi di reclusione per insider trading: aveva venduto le sue stock option dopo aver appreso dell'incidente.

E non è nemmeno la prima volta che il Dipartimento di Giustizia si scaglia contro membri del corpo militare cinese in un caso di spionaggio industriale. Durante il 2014, sotto l'amministrazione Obama, furono sollevati 31 capi d'accusa per furto di segreti industriali, furto di identità, associazione per frode informatica e altri crimini contro cinque ufficiali dell'esercito cinese, e per i quali la Cina ha negato qualsiasi coinvolgimento. Si trattò di un episodio che fu visto come un'allargamento senza precedenti dei poteri interni, ma da allora questo genere di accuse sono divenute sempre più frequenti sulla scia di quel caso.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Max81M12 Febbraio 2020, 13:09 #1
La Dark Army esiste davvero quindi...
chico_ve15 Febbraio 2020, 12:11 #2
Originariamente inviato da: Max81M
La Dark Army esiste davvero quindi...


No, esiste solo NSA amerikana

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^