Dati e reputazione al sicuro con la ricetta di Axitea

Dati e reputazione al sicuro con la ricetta di Axitea

Proteggere i server aziendali dalle minacce informatiche è fondamentale ma non sufficiente. Grazie a social network e dispositivi Internet of Things, i malintenzionati hanno a disposizione nuovi metodi danneggiare la reputazione dei brand

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Sicurezza
axitea
 

Virus e ransomware non sono le minacce più difficili da fronteggiare per un’azienda, anche perché delle buone politiche di backup permettono di ripristinare i dati velocemente, riducendo al minimo i tempi di inattività dei server. Ci sono attacchi ben più subdoli e, soprattutto, difficili da rilevare, che potrebbero portare a danni infinitamente superiori. Un intruso che riuscisse ad ottenere l’accesso ai sistemi aziendali potrebbe sottrarre dati sensibili e rivenderli alla concorrenza o distribuirli nel dark web. Potrebbero volerci mesi prima di scoprire che i database sono stati violati e, nei peggiori casi, lo si realizza quando ormai il data breach è diventato pubblico, con tutto quello che ne può conseguire in termini di reputazione aziendale.

Il ruolo sempre più importante di Internet e la crescente adozione di soluzioni basate su Internet of Things hanno reso più efficiente il business aziendale, ma parallelamente contribuito ad aumentare i casi di furti di dati e violazioni di asset”, spiega Gianluca Vadruccio, CTO CyberSecurity di Axitea. “A questo scenario, noi rispondiamo con una serie di servizi avanzati, che coprono molti aspetti differenti, sempre però nell’ottica di una continua correlazione e di una visione di insieme della sicurezza.” Ecco perché Axitea ai suoi più classici servizi di Cyber Security (come i penetration test per verificare la sicurezza dei sistemi) affianca quelli di Cyber Threat Intelligence, tramite i quali garantire la sicurezza e l’affidabilità dei servizi esterni all’azienda, sui quali non si ha un diretto controllo. Verificando per esempio che nessuno stia creando falsi profili sui Social Network a nome dell’azienda, o che non abbia trovato il modo di accedere illecitamente a quelli ufficiali.

La stessa attenzione viene riservata al web, verificando l’assenza di pagine clone usate per tentativi di phishing ai danni di utenti e dipendenti. Fra i servizi di Cyber Intelligence, Axitea offre anche il monitoraggio del dark web alla ricerca di dati, informazioni o credenziali di accesso rubate, spingendosi a fornire un servizio di intelligence atto a prevenire attacchi informatici o azioni organizzate contro l’azienda, che si tratti di tentativi di DDoS oppure di un fiume di recensioni negative generate da bot per danneggiare la reputazione aziendale. Quest’ultima è uno dei beni più preziosi per molte realtà che operano online, Axitea si occupa anche di verificare che la reputazione online- il Sentiment in gergo - non sia negativa. Queste misure di controllo possono essere estese ai fornitori e partner esterni, garantendo che questi non rappresentino l’anello debole della catena e permettendo così di pianificare con più attenzione viaggi, trasferte e riunioni, così da garantire la sicurezza delle informazioni in qualsiasi scenario.

Per maggiori informazioni sui servizi di Cyber Threat Intelligence di Axitea e richiedere un servizio personalizzato, consultare il sito ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^