Una fonte di energia potenzialmente infinita grazie a IA e specchi, finanziata da Bill Gates

Una fonte di energia potenzialmente infinita grazie a IA e specchi, finanziata da Bill Gates

Una startup rimasta segreta fino a pochi giorni fa, ma finanziata da illustri personalità del mondo della tecnologia come Bill Gates, ha realizzato una tecnologia che sfrutta l'energia solare che potrebbe risolvere i problemi ecologici del pianeta

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Scienza e tecnologia
 

Heliogen ha dichiarato di aver messo a punto una tecnologia che, tramite soluzioni di intelligenza artificiale, è in grado di orientare un campo di specchi in modo tale da riflettere così tanta luce solare da generare temperature superiori ai 1.000 gradi Celsius. Lo scopo è supportare quelle industrie che fanno largo uso di combustibili fossili con una fonte di energia pulita e potenzialmente infinita.

La startup è rimasta segreta fino a pochi giorni fa, ma è finanziata da illustri personalità del mondo della tecnologia, come Bill Gates. Il co-fondatore di Microsoft non è nuovo alle sperimentazioni, visto che negli ultimi anni ha curato in prima persona soprattutto il campo del nucleare per combattere il riscaldamento globale.

Heliogen

Concentrare l'energia solare in un unico punto può tradursi in una fonte energetica di inestimabile valore per alcuni processi industriali, come quelli alla base della produzione di cemento, acciaio e vetro, che richiede temperature molto alte per la fusione dei materiali. La luce solare senza emissione di carbonio per la produzione di energia può rappresentare una svolta nell'industria pesante e siderurgica, un tema che, come ben noto, sta coinvolgendo anche il dibattito politico in Italia per via del caso Ex-Ilva.

Si ritiene che questa tecnologia sia in grado di ridurre drasticamente le emissioni di gas a effetto serra. L'industria del cemento, ad esempio, rappresenta il 7% delle emissioni globali di CO2, secondo l'Agenzia internazionale dell'energia.

Alla base del processo sofisticate tecnologie di intelligenza artificiale, utilizzate per orientare gli specchi al fine di riflettere l'energia solare in un unico punto. Si tratta di un metodo già sperimentato in passato per produrre elettricità e, in modo limitato, per generare calore per l'industria pesante o per rifornire di energia le trivelle che estraggono il petrolio. Il problema è che fino a oggi non si è riusciti a concentrare l'energia solare in maniera talmente efficiente da generare temperature abbastanza alte per produrre cemento e acciaio.

Per ovviare al problema, Heliogen usa software di computer vision, rilevamento automatico dei bordi e altre tecnologie per gestire il movimento degli specchi al fine di seguire i raggi solari e rifletterli in modo tale da mantenere alte temperature in un unico punto.

Heliogen ha affermato che sta generando così tanto calore che, utilizzando circa mille specchi, la sua tecnologia potrebbe eventualmente essere utilizzata per la produzione di idrogeno pulito su larga scala. L'idrogeno prodotto in assenza di carbonio potrebbe quindi essere trasformato in combustibile pulito per camion e aeroplani, ed eventualmente auto.

"Stiamo implementando una tecnologia in grado di superare in convenienza i combustibili fossili e anche di non produrre emissioni di CO2", ha dichiarato Bill Gross, fondatore e CEO di Heliogen, a CNN Business. La compagnia è supportata anche da Patrick Soon-Shiong, proprietario del Los Angeles Times. "Sono lieto di essere stato uno dei primi sostenitori della nuova tecnologia di concentrazione solare di Bill Gross", ha dichiarato Gates in una nota. "La sua capacità di raggiungere le alte temperature necessarie per completare certi processi industriali permetterà alla ricerca di trovare un modo per sostituire i combustibili fossili".

La startup proverà a risolvere anche il problema dell'incostante fornitura di energia da parte del Sole. Sta lavorando su sistemi di accumulo in grado di trattenere l'energia solare per i giorni di maltempo. Per il momento si concentrerà sul dimostrare come questi sistemi possono essere di sostegno per l'industria del cemento. Lo scopo è attrarre i finanziamenti necessari a portare avanti il progetto ed, eventualmente, in una seconda fase quotarsi in borsa. Heliogen ha rifiutato di fornire informazioni sugli investimenti che ha raccolto finora, ma Gross ha dichiarato che l'azienda ha parlato privatamente con potenziali clienti e ha in programma di annunciare presto i suoi primi accordi di collaborazione.

Heliogen promette alle aziende dell'industria del cemento maggiore convenienza perché l'energia che è in grado di produrre, derivando dal Sole, è molto meno costosa rispetto a quella generata con i combustibili fossili. "L'unico modo per competere è essere estremamente intelligenti nel modo in cui si usano i materiali. E utilizzando il software, siamo in grado di farlo", ha detto Gross.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zappy20 Novembre 2019, 18:53 #1
veramente si fa da decenni, con ottimi risultati.
Senza bisogno di nessuna IA.

notizia che oscilla fra fake e hype.
Ragerino20 Novembre 2019, 19:05 #2
Originariamente inviato da: zappy
veramente si fa da decenni, con ottimi risultati.
Senza bisogno di nessuna IA.

notizia che oscilla fra fake e hype.


Evidentemente non è cosi efficiente, visto che 'da decenni' non conta un c@zzo .
Gates investe in tecnologie serie, vedi il nucleare. Il solare termico è l'unico che ha veramente senso, di certo non il fotovoltaico. Vediamo se questa tecnologia si evolve.
mircocatta20 Novembre 2019, 19:41 #3
la butto li, cosa succederebbe se in quell'unico punto in cui viene diretta questa luce riflessa, si piazza un pannello fotovoltaico? assorbe il 32482035285 % in più di quanto assorbirebbe con la normale luce solare?
BlueKnight20 Novembre 2019, 19:56 #4
Originariamente inviato da: mircocatta
la butto li, cosa succederebbe se in quell'unico punto in cui viene diretta questa luce riflessa, si piazza un pannello fotovoltaico? assorbe il 32482035285 % in più di quanto assorbirebbe con la normale luce solare?


Succede che fonderebbe!

Hai letto a quanti °C puntano ad arrivare?!
emb20 Novembre 2019, 20:10 #5
Originariamente inviato da: Ragerino
Il solare termico è l'unico che ha veramente senso, di certo non il fotovoltaico.


...che è l'esatto contrario delle tendenze tecnologiche attuali a detta di tutti i professionisti del settore energetico.
MiKeLezZ20 Novembre 2019, 20:41 #6
"raga, domani han messo pioggia"
"evvaiii! a casa! non si lavora!"
demon7720 Novembre 2019, 22:43 #7
Originariamente inviato da: Ragerino
Evidentemente non è cosi efficiente, visto che 'da decenni' non conta un c@zzo .
Gates investe in tecnologie serie, vedi il nucleare. Il solare termico è l'unico che ha veramente senso, di certo non il fotovoltaico. Vediamo se questa tecnologia si evolve.


Non è che non conta un c*zzo, è solo che una centrale di questo tipo ha bisogno di particolari condizioni che ovviamente non si trovano ovunque.
Se ne fai una in inghilterra dove è nuvolo o piove ogni due ore hai solo buttato soldi, se la fai nel deserto del mojave allora ha senso e rende decentemente.

Poi la storia dell'IA lascia un po' perplesso pure me. Alla fine per far girare gli specchi nel modo ottimale basta un semplice sensore che attiva i motori direzionali puntando gli specchi sempre verso il sole.. immagino che questo sistema avanzato ottimizzi molto anche tutta una serie di altri processi. Perchè comunque se c'è poco sole puoi avere tutte le IA del mondo ma la centrale non rende.

Sul dire che il solare termico è l'unico che abbia senso mi pare una sparata. Il solare termico volto alla produzione di energia elettrica ha senso quando ci sono le giuste condizioni come detto prima. E soprattutto ha senso quando si parla di una centrale. Perchè fare piccoli impianti sparsi per il territorio è semplicemente impensabile.
Il fotovoltaico al contrario è estremamente semplice, facilmente scalabile, praticamente privo di manutenzione e realizzabile ovunque.
Non è che sono fattori che si possono ingnorare se mettiamo tutto sul piatto della bilancia.

Si aggiunga poi che la ricerca per il milgioramento dei pannelli è costante e il loro rendimento è in continua crescita, oltretutto con costi sempre minori.
joe4th20 Novembre 2019, 23:05 #8
In verità campi solari ne esistono un po' ovunque e anche di dimensioni notevoli, anche se non chiamano "AI" gli algoritmi di orientamento dei pannelli solari (riflettenti o fotovoltaici che siano).

Per esempio cercate "Solar Benban Park" su Maps, e troverete un parco solare di 2000 MW in Egitto. Si tratta un parco a pannelli fissi (fotovoltaici) dislocato su un'area desertica di circa 25 km^2 (destinati a crescere), praticamente un quadrato in cui ciascun lato misura 5 km. Per rendere l'idea, l'impianto idroelettrico della diga di Assuan, il cui bacino imbrifero è più grande della Valle d'Aosta produce circa 2100 MW.

In Spagna ad Albengoa hanno costruito un parco solare di 300MW, solare-termodinamico (gli specchi concentrano su dei tubi contenenti liquidi ad alta capacità termica), con la stessa tecnologia della centrale "Progetto Archimede" italiana di Priolo Gargallo, che esiste da vent'anni, ma quest'ultimo è rimasto poco piu' di un esperimento. In pratica in Italia siamo rimasti fermi. Su Maps si possono vedere i pannelli, equivalenti a una superficie di qualche campo di calcio.

In Brasile a Bom Jesus da Lapa, ci sono due centrali solari per un totale di 160MW.

In California usano le centrali con i concentratori Sterling e ce ne sono da 500MW e oltre in costruzione, con singole unità da 10 e 15 kW che puoi mettere anche in giardino. Se non ricordo male erano stati introdotti durante l'amministrazione di Arnold Schwarzenegger.

Quanto alle "fornaci" solari, a Mont-Louis nei Pirenei Francesi, c'è una fornace, costruita negli anni '70 in grado di produrre temperature di oltre 3000 gradi. Anzi proprio nella prima metà degli anni '70 c'era un notevole interesse per questo tipo di tecnologia, tanto da ispirare film di James Bond, ad esempio in "L'uomo dalla pistola d'oro", si parlava di un dispositivo "il Solex", che poi era un concentratore di raggi solari... ;-)
dr-omega20 Novembre 2019, 23:47 #9
Originariamente inviato da: joe4th
In verità campi solari ne esistono un po' ovunque e anche di dimensioni notevoli, anche se non chiamano "AI" gli algoritmi di orientamento dei pannelli solari (riflettenti o fotovoltaici che siano).

...cut...


Grazie! Molto interessante.
+Benito+21 Novembre 2019, 08:27 #10
Ma che notizia è? Bah...spazzatura

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^