NASA Ingenuity, durante il terzo volo, ha fotografato il rover Perseverance

NASA Ingenuity, durante il terzo volo, ha fotografato il rover Perseverance

Il piccolo drone sperimentale NASA Ingenuity ha fotografato, durante il suo terzo volo, il rover NASA Perseverance mentre quest'ultimo si trovava a 85 metri di distanza. Anche se il livello di dettaglio non è elevato, è pur sempre una prima volta.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Abbiamo scritto recentemente di alcune curiosità che riguardano il drone NASA Ingenuity rivelate dagli ingegneri del JPL. Il dispositivo sperimentale è quasi giunto alla fine del suo periodo di test ma ci sta continuando a riservare sorprese e novità.

nasa ingenuity nasa perseverance

Click sull'immagine per ingrandire, il rover Perseverance è in alto a sinistra

Una delle ultime riguarda una fotografia aerea a colori che non mostra solamente la superficie di Marte ma anche il rover NASA Perseverance. Certo, l'immagine non ha una qualità elevata in termini assoluti. Si tratta comunque della "prima volta" che un dispositivo che decolla dalla superficie di un altro pianeta riprende un altro oggetto realizzato sempre dal genere umano.

La fotografia di NASA Ingenuity al rover Perseverance

In passato, nel 1997, era già accaduto qualcosa di simile. I protagonisti sono il lander Pathfinder che ha fotografato il piccolo rover Sojourner che si trovava sulla superficie di Marte. In questo caso però il lander non si è più mosso dalla posizione di atterraggio, a differenza di NASA Ingenuity. Uno degli scatti catturati è quello che si può vedere qui di seguito, anche se non è l'unico.

nasa marte

Un'altra fotografia di questo tipo, ma a distanze molto diverse, è stata catturata dalla fotocamera HiRISE che si trova a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter (MSO). Questa volta è riuscita a fotografare dall'orbita marziana i rover e le loro tracce sulla superficie. Un esempio sono le impronte lasciate da Opportunity mentre ispezionava il cratere Victoria nel 2007.

nasa

Sappiamo poi da tempo che, sia Curiosity che Perseverance (che condividono buona parte della struttura), possono scattarsi dei selfie grazie alla fotocamera presente sul braccio robotico. Ricordiamo che il braccio robotico non si vede nelle fotografie in quanto viene rimosso durante l'assemblaggio del mosaico di immagini.

nasa

Per quanto riguarda NASA Ingenuity invece, la fotografia è stata scattata con la fotocamera da 13 MPixel durante il terzo volo. A differenza degli altri test, questa volta il drone ha volato in modo tale che il rover fosse nella traiettoria della ripresa. Perseverance si trova a 64 metri di distanza dalla zona di decollo/atterraggio e nella fotografia era distante ben 85 metri. Il drone invece volava a 5 metri d'altezza.

nasa

nasa ingenuity

Nell'immagine si può anche vedere la zona di atterraggio del rover con la terra più superficiale che è stata smossa durante l'utilizzo dei razzi della skycrane. Certo, lo scopo ultimo del drone non è quello di riprendere Perseverance, ma questa possibilità con i modelli futuri potrebbe diventare più concreta.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^