La superficie del Sole fotografata dalla Terra: un vero spettacolo

La superficie del Sole fotografata dalla Terra: un vero spettacolo

Riprendere la superficie del Sole con una risoluzione mai vista prima: è lo scopo del nuovo Daniel K. Inouye Solar Telescope che aiuterà la Parker Solar Probe della NASA e Solar Orbiter di ESA/NASA a comprendere la nostra stella.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Il Sole è ancora ricco di misteri quando si tratta di conoscerne i processi che lo regolano così come alcune sue peculiarità. Per questo negli anni sono state inviate diverse sonde (come la Parker Solar Probe della NASA). Grazie al Daniel K. Inouye Solar Telescope, che si trova alle Hawaii, è ora possibile vedere la superficie del Sole con una risoluzione difficile da riscontrare in altre immagini suscitando curiosità e stupore, non solo tra gli scienziati.

Superficie del Sole fotografia

L'annuncio della National Science Foundation ricorda quanto la Terra sia piccola in confronto alla nostra stella (e la nostra stella non è certo "una gigante"). I vari segmenti visibili sulla superficie del Sole hanno la dimensione del Texas (o della Francia) mentre la zona inquadrata ha un lato di circa 36 mila chilometri.

La superficie del Sole vista come mai prima dalla Terra

Il nuovo Daniel K. Inouye Solar Telescope ha uno specchio da 4 metri di diametro ma non solo. Dovendo osservare il Sole e concentrando la sua luce ed energia (13 kW) in un punto molto ridotto è stato necessario provvedere a un raffreddamento particolare con 11 chilometri di tubazioni per il refrigerante (oltre a sfruttare il ghiaccio che si forma nella notte in loco).

sole

Click sull'immagine per ingrandire (dimensioni di circa 4 MB)

Per ridurre le interferenze indotte dall'atmosfera terrestre il telescopio ha un'ottica adattiva all'avanguardia. Grazie a questo sistema è possibile ottenere una risoluzione elevata cogliendo tutte le più piccole variazioni delle celle convettive (che sono visibili anche nelle immagini incluse in questa notizia) arrivando a risolvere dettagli fino a 30 km.

Ma a cosa servirà il telescopio terrestre per osservare il Sole? Insieme alla Parker Solar Probe e alla nuova missione congiunta ESA/NASA che sta per essere lanciata, permetterà di comprendere meglio le evoluzioni della nostra Stella ma anche le dinamiche del Sistema Solare (che sono influenzate dall'attività solare).

Valentin Pillet (direttore del National Solar Observatory) ha dichiarato "è un momento emozionante fare il fisico che si occupa dello studio del Sole. Il telescopio solare Inouye fornirà il telerilevamento degli strati esterni del Sole e dei processi magnetici che si verificano in essi. Questi processi si propagano nel sistema solare dove le missioni Parker Solar Probe e Solar Orbiter misureranno le loro conseguenze. Complessivamente, costituiscono un'impresa con più risvolti per capire come le stelle e i loro pianeti sono magneticamente connessi".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GaryMitchell03 Febbraio 2020, 18:26 #1
Ieri ho dimenticato l'olio per friggere sulla padella per un'oretta, quando sono tornato ho trovato lo stesso identico effetto.
Unrue04 Febbraio 2020, 10:10 #2
Per me è un risultato eccezionale, e mi stupisco che nessuno commenti.
aleardo04 Febbraio 2020, 13:22 #3
Non stupirti, se invece le foto fossero state realizzate con la fotocamera di uno smartphone alla moda, ci sarebbero innumerevoli commenti.
RattoMatto04 Febbraio 2020, 14:11 #4
Veramente emozionante vedere in movimento un "motore" di tale potenza ,sembra uno stereogramma animato ,quasi ipnotico....strepitosamente Notevole !!!!
marcram04 Febbraio 2020, 15:23 #5
Originariamente inviato da: Unrue
Per me è un risultato eccezionale, e mi stupisco che nessuno commenti.


È più una cosa da ammirare in silenzio, che da commentare...
Cappej04 Febbraio 2020, 15:32 #6
Tanta roba!
Da appassionato ingnorantissimo, chi riesce a spiegarmelo in parole semplici?
Cosa sarebbero esattamente? L'equivalente di numero assurdo di piccole esplosioni nucleari?
Grazie
Donagh04 Febbraio 2020, 19:25 #7
io mi commuovo a vederlo....
R@nda04 Febbraio 2020, 19:53 #8
Aspetto anche questo:
https://www.media.inaf.it/2020/02/04/solar-orbiter-tappe/

Con questo telescopio e questa missione (oltre a quelle già in atto) ce ne sarà di dati e da vedere.

Questo a schermo intero è una delle cose più belle che abbia mai visto:

https://www.youtube.com/watch?v=6tmbeLTHC_0
Xeon6004 Febbraio 2020, 22:02 #9
Rifletto sul fatto di quanto siamo piccoli, quella foto ne è la dimostrazione.
Ogni "bolla di quella foto è grande come un continente sulla terra, e ci sono migliaia di bolle. Se poi penso che il Sole è una stella di classe media, ovvero con dimensioni adatte ad avere una zona periferica abitabile, diventa un nano di fronte a certe ipergiganti della galassia, un microbo di fronte a UYScuti



Link ad immagine (click per visualizzarla)
Donagh04 Febbraio 2020, 23:50 #10
ogni bolla è tipo uno stato non un continente



Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^