Il piccolo satellite FEES dell'italiana GP Advanced Projects è in orbita

Il piccolo satellite FEES dell'italiana GP Advanced Projects è in orbita

La società bresciana GP Advanced Projects ha annunciato che il suo satellite FEES è riuscito a immettersi in orbita correttamente e a iniziare la parte sperimentale del test. Ora si punterà a realizzare una costellazione con altre unità.

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Abbiamo scritto diverse volte di come lo Spazio stia vivendo una nuova giovinezza grazie all'ingresso di moltissime società del settore privato che vanno a unire le forze con le grandi agenzie governative. Nomi come quello di SpaceX sono ormai molto conosciuti ai più, ma ce ne sono molte altre.

satellite italia

In Italia abbiamo realtà come Thales Alenia Space che sta aiutando a realizzare il Lunar Gateway. Ma ci sono anche nomi meno conosciuti al grande pubblico, come la bresciana GP Advanced Projects che ha annunciato recentemente la messa in orbita di un nuovo satellite FEES (Flexible Experimental Embedded Satellite).

Il satellite di GP Advanced Projects

Si tratta di una soluzione molto compatta considerando che le dimensioni pari a 10 x 10 x 3 cm con una massa di 300 grammi. Al suo interno troviamo una batteria 18650 ai polimeri di litio che forniscono 3,5 Ah che vengono ricaricate dai pannelli solari disposti lungo i bordi esterni. Ci sono poi un microcontrollore STM32F4 (ARM Cortex-M4) da 40 MHz, un giroscopio a 3 assi, un magnetometro, un accelerometro e un modulo GPS con antenna.

satellite

Il lancio in ride-sharing è avvenuto a bordo di un lanciatore Soyuz 2.1a Fregat che trasportava altri 37 satelliti di diverse nazioni. GP Advanced Projects ha annunciato che dopo 95 minuti dal rilascio in orbita, il satellite ha iniziato a comunicare con il centro controllo a terra. Questo ha permesso l'inizio della parte sperimentale della missione. I test verteranno sulle prove di connettività attraverso il protocollo LoRa (Long Range), ricezione dei segnali GPS e Iridium, analisi del livello di radiazioni, scattare immagini della Terra e verificare i sistemi di controllo. Nei prossimi due mesi dovrebbe poi essere lanciata una nuova unità.

satellite

Interessante notare come un satellite FEES possa avere le stesse funzioni dei più grandi CubeSat (che hanno un volume superiore di 2/3). Per riuscire a integrare tutte le funzionalità in un formato ridotto è stato necessario l'impiego di nuove tecnologie che derivano da investimenti in ricerca e sviluppo della stessa GP Advanced Projects. L'azienda non sottovaluta la questione legata ai detriti in orbita. Queste operazioni oltre che economiche sono sostenibili da questo punto di vista. L'orbita scelta è quella eliosincrona (SSO) a 575 km.

Guido Parissenti (fondatore dell'azienda) ha anche spiegato quali saranno i progetti futuri di GP Advanced Projects. Dopo la fase di validazione a terra e il lancio con successo, ora si punterà a portare in orbita più di 50 satelliti entro il 2025 realizzando una costellazione PiCo-IoT (Picosatellite Constellation for Internet of Things) già entro il 2022. Si stima che oltre 30 milioni di dispositivi IoT potranno sfruttare la connettività satellitare entro i prossimi anni.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko_00101 Maggio 2021, 10:30 #1
avete tralasciato quelli messi in orbita settimane fa
da un razzo russo
erano di 2 uni italiane
non ho voglia di cercare quali
comunque
SpaceX ha avuto sospeso il contratto per mandare
sulla Luna Mankind USA (beghe burocratico/giudiziarie)
io78bis01 Maggio 2021, 10:46 #2
Ma quindi realizzeranno un sorta di Sigfox Satellitare?
Qarboz03 Maggio 2021, 22:37 #3
Complimenti alla bresciana GP Advanced Projects.
Però, ad essere onesto, non ho capito lo scopo finale della futura costellazione di FEES.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^