Grazie ai dati di OSIRIS-REx, la NASA ha migliorato i modelli dell'orbita dell'asteroide Bennu

Grazie ai dati di OSIRIS-REx, la NASA ha migliorato i modelli dell'orbita dell'asteroide Bennu

I dati raccolti durante la missione NASA OSIRIS-REx hanno permesso di migliorare i modelli predittivi sviluppati dagli scienziati per capire quando l'asteroide Bennu potrà diventare effettivamente pericoloso per la Terra.

di pubblicata il , alle 07:31 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

A Maggio di quest'anno la sonda OSIRIS-REx della NASA ha lasciato l'asteroide Bennu dopo aver raccolti alcuni campioni che saranno riportati sulla Terra il 24 Settembre 2023. Ma la missione non prevedeva "solo" prelevare un po' di regolite dalla superficie del corpo celeste ma raccogliere informazioni aggiuntive su questo genere di oggetti.

Ci sono più motivazioni per questo genere di ricerche. Da un lato gli asteroidi forniscono informazioni sulla formazione del Sistema Solare e quindi permettono di conoscere la sua storia (e quella di sistemi simili). Dall'altro c'è la possibilità di studiare contromisure nel caso un asteroide dovesse diventare pericoloso per la Terra stessa. Un nuovo studio ha cercato proprio di rispondere a quest'ultimo quesito.

NASA OSIRIS-REx e la sua traiettoria nel Sistema Solare

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Icarus e ha come scopo quello di prevedere l'orbita dell'asteroide Bennu e se questo possa diventare nei prossimi secoli un pericolo per la Terra. Certo, non si tratta di un pericolo immediato considerando che la prima "data utile" potrebbe essere il 2135 ma questo evento non sarà pericolo.

bennu osiris-rex

Click sull'immagine per ingrandire alla massima risoluzione

Senza cadere nel catastrofismo, c'è comunque da considerare che anche altri oggetti NEO (Near-Earth Object) potrebbero essere pericolosi per il nostro Pianeta e conoscere le informazioni di Bennu grazie a OSIRIS-REx potrebbe aiutare anche in altri casi.

I dati ottenuti grazie alla sonda hanno permesso di migliorare i modelli predittivi aiutando gli scienziati a prevedere in maniera più precisa quando l'asteroide si avvicinerà (troppo) alla Terra. Nel 2135 Bennu si avvicinerà abbastanza da risentire in maniera marcata della gravità terrestre, modificandone la traiettoria. Attualmente la probabilità di impatto è data per 1/2700 (0,037%) il 24 Settembre 2182 e 1/1750 (0,057%) per tutto il 2300. Si tratta di probabilità relativamente basse, ma non nulle (soprattutto perché potrebbero variare in futuro).

bennu asteroidi

OSIRIS-REx è visibile nella parte bassa dell'immagine, vicino a Bennu

Per riuscire ad avere un modello tra i più precisi disponibili finora, sono stati considerati fenomeni come l'effetto Yarkovsky. Questo prevede che il Sole riscaldi uno dei lati dell'asteroide che, ruotando, andrà poi nella zona non più illuminata. Per via dell'emissione infrarossa durante il raffreddamento verrà generata una spinta che, pur essendo leggera, può deviare la traiettoria dell'oggetto.

Altra valutazione è stata fatta per la raccolta dei campioni della sonda OSIRIS-REx. Secondo i dati analizzati, questo genere di eventi ha avuto un effetto trascurabile sulla traiettoria dell'asteroide Bennu. Ci deve essere la consapevolezza che, oltre a tutti i problemi attuali (riscaldamento globale, etc.), c'è anche quello degli impatti di asteroidi. Per questo missioni come NASA DART saranno fondamentali per il futuro del genere umano.

Iscriviti subito al nostro canale Instagram!

Perché? Foto, video, backstage e contenuti esclusivi!

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sisko21412 Agosto 2021, 09:18 #1

per cui...

Salvo qualche sorpresa nei dati ed eventuali perturbazioni nelle orbite, niente impatto di meteorite per il 2135... peccato poteva essere la volta buona.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^