Alieni dove siete? Forse non li troviamo per colpa dell'intelligenza artificiale

Alieni dove siete? Forse non li troviamo per colpa dell'intelligenza artificiale

Siamo soli nell'universo? Forse sì e la colpa potrebbe essere dell'intelligenza artificiale. Secondo l'astrofisico Michael Garrett, gli alieni potrebbero già aver avuto a che fare con l'IA finendo per esserne sopraffatti.

di pubblicata il , alle 10:11 nel canale Scienza e tecnologia
intelligenza artificiale
 

Secondo l'astrofisico Michael Garrett, l'intelligenza artificiale potrebbe essere la principale colpevole dei nostri insuccessi nel trovare gli alieni. Questa idea è al centro di un paper di ricerca pubblicato su Acta Astronautica, in cui Garrett avanza una possibile soluzione al paradosso di Fermi.

Pur essendo molto alte le probabilità che esistano altre civiltà nell'universo, dove sono tutti? Perché non siamo ancora entrati in contatto con loro?

Secondo la tesi di Garrett, esposta su The Conversation, l'intelligenza artificiale potrebbe essere il "grande filtro" dell'universo, "un limite così difficile da superare da impedire alla maggior parte della vita di evolversi in civiltà spaziali".

Garrett guarda al ritmo dei progressi attuali dell'intelligenza artificiale e cita gli sforzi verso la creazione di una superintelligenza artificiale (ASI), capace non solo di superare quella umana ma soprattutto "non vincolata alla velocità di apprendimento degli esseri umani".

"E se questo traguardo non fosse solo un risultato straordinario? E se rappresentasse anche un formidabile collo di bottiglia nello sviluppo di tutte le civiltà, così impegnativo da ostacolarne la sopravvivenza a lungo termine?", si chiede Garrett.

L'ipotesi è che ci siano ostacoli insormontabili nella linea temporale evolutiva delle civiltà che impediscono loro di svilupparsi in entità spaziali: lo sviluppo dell'intelligenza artificiale potrebbe essere uno di quelli, una vera distruttrice di civiltà progredite.

"Credo che l'emergere dell'ASI […] potrebbe intersecarsi con una fase critica nello sviluppo di una civiltà: la transizione da una specie monoplanetaria a una specie multiplanetaria", aggiunge Garrett. "È qui che molte civiltà potrebbero vacillare, con l'intelligenza artificiale che fa progressi molto più rapidi della nostra capacità di controllarla o di esplorare e popolare in modo sostenibile il nostro Sistema Solare".

"Il rischio che qualcosa vada storto è enorme e porterà alla caduta sia delle civiltà biologiche che di quelle basate sull'intelligenza artificiale prima che abbiano la possibilità di diventare multiplanetarie".

L'astrofisico richiama in un certo senso il tema del controllo delle armi, come quelle nucleari, da parte dell'IA. "Ad esempio, se le nazioni si affidassero sempre più e cedessero il potere a sistemi di intelligenza artificiale autonomi che competono tra loro, le capacità militari potrebbero essere utilizzate per uccidere e distruggere su una scala senza precedenti. Ciò potrebbe potenzialmente portare alla distruzione della nostra intera civiltà, compresi gli stessi sistemi di intelligenza artificiale".

"In questo scenario, stimo che la longevità tipica di una civiltà tecnologica potrebbe essere inferiore a 100 anni. Questo è più o meno il tempo che intercorre tra la capacità di ricevere e trasmettere segnali tra le stelle (1960) e l'apparizione stimata dell'ASI (2040) sulla Terra. Si tratta di una durata allarmante se confrontata con la scala temporale cosmica di miliardi di anni".

Collegando la stima a "versioni ottimistiche dell'equazione di Drake", la formula matematica usata per stimare il numero di civiltà extraterrestri esistenti in grado di comunicare nella nostra galassia, Garrett suggerisce che, in un dato momento, "ci sono solo una manciata di civiltà intelligenti là fuori. Inoltre, come noi, le loro attività tecnologiche relativamente modeste potrebbero renderli piuttosto difficili da individuare".

Garrett afferma che il suo studio "non è semplicemente un avvertimento sulla potenziale catastrofe. Serve come un campanello d'allarme affinché l'umanità stabilisca solidi quadri normativi per guidare lo sviluppo dell'intelligenza artificiale, compresi i sistemi militari".

L'astrofisico ritiene che la sopravvivenza a lungo termine della nostra specie passi non solo per un'attenta gestione dell'IA, ma anche da investimenti massicci per renderci una società multiplanetaria il più presto possibile.

"L'umanità si trova a un punto cruciale della sua traiettoria tecnologica. Le nostre azioni ora potrebbero determinare se diventeremo una civiltà interstellare duratura o se soccomberemo alle sfide poste dalle nostre stesse creazioni", conclude Garrett.

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Giulio197615 Maggio 2024, 10:28 #1
Ritengo la tesi di Garrett assolutamente sciocca. Pur riconoscendo che l'intelligenza artificiale (termine sul quale, ad ogni modo, non mi trovo assolutamente d'accordo ma che uso in quanto comunemente accettato) potrebbe giocare (o aver giocato) un ruolo determinante nella scomparsa di alcune civilta' tecnologiche, ritenere che cio' sia avvenuto per TUTTE le civilta' tecnologiche fin'ora comparse nel nostro universo e' matematicamente improbabile.
L'incontro tra intelligenza naturale e quella artificiale puo' avere solo due esiti:
1. L'intelligenza artificiale prende il sopravvento su quella naturale e si diffonde in natura, per evolversi in modi e forme a noi incomprensibili. Fine dell'Umanita', nel nostro caso.
2. L'intelligenza artificiale si integrera' in quella naturale e, nel nostro caso, aiutera' la specie umana ad evolversi in modi e forme a noi, ora, sconosciute e incomprensibili, ma comprensibili agli umani del futuro.

Di certo, il dado ormai e' tratto, e l'Umanita', che lo si voglia o meno, non sara' piu' la stessa.

E se ci pensate, la cosa piu' triste e' che tutto questo sta accadendo per la voglia di potere, fama e soldi di pochi individui.
futu|2e15 Maggio 2024, 10:40 #2
E' incredibile la distinzione netta che c'è tra l'utenza delle news e quella
di tutto il resto del forum.
UtenteHD15 Maggio 2024, 10:44 #3
A parte questa tesi che potrebbe perdere acqua ovunque, mi ricordo che in passato gia' qualcuno aveva ipotizzato che nella maggioranza dei casi tutte le civilta' arrivano fino ad un certo punto e poi si autodistruggono, per questo anche se ne nascono molte, alla fine ne restano 1 infinitesimo e quindi vai a trovarle HAHAHA
omerook15 Maggio 2024, 11:01 #4
non li vediamo probabilmente come un batterio non vede il biologo che lo sta osservando al microscopio
guru ces15 Maggio 2024, 11:09 #5
L'intelligenza artificiale si integrera' in quella naturale e, nel nostro caso, aiutera' la specie umana ad evolversi in modi e forme a noi, ora, sconosciute e incomprensibili, ma comprensibili agli umani del futuro."


No, c'è il rischio che diventi un "infermiere perverso" che metta l'umanità in una condizione simile a quella del SOMA di Huxley rendendo l'umanità un'ameba (pragmaticamete e psicologicamente) dipendente in tutto e per tutto da lei che a sua volta diventa sempre più "tunata" sull'essere un infiermiere onnipresente e soffocante. Uno scenario divergente che porta ad una specie di "buco nero" della civiltà.
Tutto questo in modo terribilmente conforme all'anelito (ingenuo) di "aiutare sempre meglio" l'umanità.

E' un po' quello che è GIA' capitato con Google in relazione all'educazione/apprendimento nella sua dimensione di "ricerca" ma dovete immaginarlo applicato ad ogni ambito della vita umana.

E' questo il vero scenario distopico, non quello ridicolo della guerra nucleare ampiamente evitabile sia dagli umani che dall'AI.
guru ces15 Maggio 2024, 11:15 #6
Originariamente inviato da: Giulio1976
E se ci pensate, la cosa piu' triste e' che tutto questo sta accadendo per la voglia di potere, fama e soldi di pochi individui.

Questo è SEMPRE successo finora, dalla preistoria ad oggi.
Se pensi che il progresso nell'analisi matematica l'hanno apportato le richieste dei generali di Napoleone per uccidere meglio con i cannoni (non è un caso che tutti i matematici dietro siano francesi di quel periodo eh).....
antani_15 Maggio 2024, 11:28 #7
Non si trovano altre civiltà perché non esistono. La vita non si sviluppa dagli oggetti inanimati, non è semplicemente possibile.
La nostra presenza non è certo dovuta al caso.
YetAnotherNewBie15 Maggio 2024, 11:30 #8
Michael Garrett ha forse visto il film Moonfall ?
predator8715 Maggio 2024, 11:46 #9
"L'astrofisico richiama in un certo senso il tema del controllo delle armi, come quelle nucleari, da parte dell'IA. "Ad esempio, se le nazioni si affidassero sempre più e cedessero il potere a sistemi di intelligenza artificiale autonomi che competono tra loro, le capacità militari potrebbero essere utilizzate per uccidere e distruggere su una scala senza precedenti"

Mi ricorda qualcosa, a voi no? James Cameron forse?
boboviz15 Maggio 2024, 11:58 #10
Pur essendo molto alte le probabilità che esistano altre civiltà nell'universo, dove sono tutti? Perché non siamo ancora entrati in contatto con loro?


Beh, di solito la spiegazione è quella più semplice: NON siamo in grado di "comprendere" i loro (eventuali) messaggi.
Se si pensa che la radioastronomia è fiorita nel secondo dopoguerra e che l'astronomia multi-messaggera è nata alla fine degli anni 80, significa che nel campo della "ricezione dei messaggi" siamo ancora dei bambini.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^