Red Hat: con Cambridge si cambia

Red Hat: con Cambridge si cambia

Red Hat ha annunciato sostanziali modifiche al proprio modello di sviluppo: niente più cd rom e manuali, ma solo abbonamenti

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 17:51 nel canale Programmi
 

Red Hat ha annunciato sostanziali modifiche al proprio modello di sviluppo; tali innovazioni permetteranno di ottimizzare il servizio e rendere ancora più rapidi gli update.

Non saranno più vendute le versioni "boxed", ovvero cd rom + manuali, ma verranno resi disponibili i download e ci si potrà iscrivere a vari piani di abbonamento.

Queste modifiche andranno in vigore dal rilascio della prossima main-release (nome in codice Cambridge) e permetteranno anche un puntuale aggiornamento dei vari pacchetti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
the_joe21 Luglio 2003, 17:56 #1
Già così se uno non ha l'ADSL è fregato!
Muscy_8721 Luglio 2003, 19:04 #2
se li fa scaricare da chi ha fastweb !!
kaioh21 Luglio 2003, 20:52 #3
se li fa scaricare da chi ha fastweb !!

e poi se li fa spedire via posta prioritaria
Dreadnought21 Luglio 2003, 21:22 #4
Se uno paga fior di soldi per l'assistenza IBM vuol dire che ha in genere una 2Mbit CDN sotto il culo
Marisel22 Luglio 2003, 05:20 #5
Mah, forse hanno visto che il loro mercato principale sono gli USA e li' l'adsl ce l'hanno (quasi) tutti.....
Mi sembra che in italia comunque esca una rivista di Redhat, con dentro la distro, ad ogni nuova release...
the_joe22 Luglio 2003, 08:50 #6
Rivista a parte, qui stiamo parlando del prodotto che si comprava con tanto di manuali e software aggiuntivo e sopratutto assistenza garantita, capisco che per essere sempre aggiornati l'unico sistema è internet, ma tagliare fuori tutti quelli che non hanno la possibilità di scaricarsi centinaia di Mb, mi sembra un po' troppo radicale.
sbobbo22 Luglio 2003, 09:14 #7
A mio avviso la RH ha imboccato una strada pericolosa.... gia' la release 9 contiene scelte molto "personali" (pacchetti tolti o sostituiti a discrezione), alcune forzature (window manager con il loro bluecurve come UNICA scelta) e altro ancora. Se la prossima distro si allontana ancora dalla strada maestra...
Forse con questa strategia si avvicinano di piu' alle aziende, ma si allontanano dai comuni utenti.
Certo le aziende hanno MOOOLTI piu' soldi di noi :-(
the_joe22 Luglio 2003, 11:21 #8
Dal punto di vista commerciale, non ci sarebbe niente di male se RH diventasse solo a pagamento un po' come SuSe, sarebbe solo un peccato per noi utenti free....
Però il fatto di essere solo scaricabile da internet secondo me taglia fuori un po' di utenza, tutti quelli che non possono o non hanno necessità di essere connessi in broadband a internet.
WarDuck23 Luglio 2003, 14:54 #9
Si avvicina a mamma Microsoft... e qui va tutto un bel LOL.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^