Google Chrome compie 10 anni: ecco come ha rivoluzionato il web

Google Chrome compie 10 anni: ecco come ha rivoluzionato il web

Il browser più usato al mondo compie dieci anni e nella sua breve carriera ha bruciato diverse tappe, superando i capisaldi della categoria grazie alla fedeltà degli standard e alla possibilità di installare estensioni e app

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Programmi
GoogleChrome
 

Sono passati 10 anni dal rilascio della prima versione del browser Chrome, che veniva promosso come una ventata di aria fresca in ambito browser. Il debutto è stato annunciato con un fumetto, e la prima versione beta funzionava solo su PC Windows. Solo dopo oltre un anno, nel 2009, Chrome è arrivato anche su Linux e su macOS. Il lancio del browser web è avvenuto con un tempismo perfetto, quando cresceva la frustrazione nei confronti di Internet Explorer e Firefox che progressivamente guadagnava quote di mercato ai danni della soluzione di Microsoft.

Google ha utilizzato alcuni componenti dell'engine di rendering WebKit di Apple per il suo Chrome, rendendo aperto il codice sorgente attraverso il progetto Chromium. Rispetto a IE Google voleva utilizzare un approccio più conservativo, rivolto alla fedeltà agli standard rispettando le regole di HTML5. Come risultato, già al tempo del rilascio della versione originale il browser riusciva a superare i fatidici test Acid1 e Acid2. Allo stesso tempo Microsoft non riusciva a fare lo stesso con Internet Explorer, e faticava a far aderire agli standard il proprio software per la navigazione web.

Un'altra interessante idea di Chrome sin dagli albori è stata quella di racchiudere le singole tab all'interno delle cosiddette sandbox, in modo da utilizzare processi diversi sul sistema. In questo modo se una tab va in crash è l'unica che viene arrestata, con le altre che possono continuare a funzionare a tutto vantaggio della stabilità (nettamente superiore agli albori rispetto ad Internet Explorer) e della velocità di navigazione in generale. Sul fronte delle performance Chrome poteva affidarsi all'engine JavaScript V8 della stessa Google.

Dopo dieci anni il volto del web è cambiato drasticamente, tuttavia Google è riuscita a dominare il mercato in tempi relativamente brevi con Chrome che occupa oggi una stabile prima posizione nella categoria. Su desktop ha oltre il 60% del mercato, secondo i dati NetMarketShare, e i tecnici della compagnia continuano a lavorare sodo su novità per quanto riguarda feature e prestazioni. Definirlo un semplice browser è oggi un eufemismo, dal momento che può eseguire anche estensioni e intere applicazioni su qualsiasi sistema operativo, sia esso Windows, macOS o Linux. 

Chrome è disponibile anche sulle piattaforme mobile principali, Android e iOS, e rappresenta la base di Chrome OS, il leggero sistema operativo installato su alcuni computer portatili e tablet. Su ChromeOS è possibile installare le applicazioni per Android, con l'utente che può già utilizzare le Progressive Web App (PWA) e nel prossimo futuro potrà eseguire anche applicazioni previste per Linux. Il browser non si aggiorna da anni sul piano stilistico, tuttavia è in dirittura d'arrivo un nuovo pesante restyling grafico che porta il Material Design anche sul desktop.

Ci sono alcune paure fra gli addetti ai lavori sul fatto che Chrome possa divenire il nuovo Internet Explorer 6: vista la sua base d'utenza gli sviluppatori potrebbero utilizzare solo il browser di Google come riferimento per i propri progetti, e il programma "Works best with Chrome" potrebbe spingerli a continuare proprio su questo percorso. Per gli altri produttori di browser non è inoltre semplice restare al passo con gli ultimi standard con la stessa velocità del colosso di Mountain View, rendendo la competizione piuttosto ostica e improbabile a vantaggio della soluzione di Google.

Nato come un browser e divenuto una piattaforma alla base di un sistema operativo, il futuro di Chrome sembra particolarmente roseo. Immaginarlo però non è facile, e chissà dove arriverà il software di Big G nei prossimi dieci anni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
WarSide04 Settembre 2018, 18:46 #1
Senza Chrome non ci sarebbe stato V8. Senza V8 non avremmo NodeJS.

Senza NodeJS il web sarebbe meno javascript dipendente sia frontend che backend side.
zephyr8304 Settembre 2018, 20:58 #2
Scusate ma rivoluzionato cosa e perché?
Nui_Mg05 Settembre 2018, 00:02 #3
Originariamente inviato da: zephyr83
Scusate ma rivoluzionato cosa e perché?

Se non hai capito, rileggi l'articolo o cerca sul web.
Considerando la situazione presente al momento della sua uscita, è stato oggettivamente una rivoluzione sotto vari aspetti, senza se e senza ma.

Oggi la situazione è decisamente diversa e la cara google inizia a fare la furbina pure partendo dai sorgenti di chromium (levati alcuni flag utili).
ningen05 Settembre 2018, 09:59 #4
E' stato più rivoluzionario Opera che non Chrome, ma giustamente Opera non se lo fila quasi nessuno.
DanieleG05 Settembre 2018, 10:00 #5
Il browser peggiore che esista dopo Safari. Una porcheria che funziona quando gli pare, e sorvolo sulla privacy.
futu|2e05 Settembre 2018, 10:06 #6
Obiettività e capacità di giudizio, questa sconosciuta da anni sui forum.
mak7705 Settembre 2018, 10:58 #7
Il grande pregio di Chrome è stato introdurre il multi-processing e la sandbox, inoltre ha rilanciato la battaglia al motore javascript più performante. Sicuramente se oggi abbiamo browser migliori, più veloci e più sicuri, è anche merito di questa concorrenza.
Sfortunatamente, anche tramite bundle non proprio trasparenti (installando antivirus, giochi o altre app viene installato anche Chrome), e siti che "funzionano solo con Chrome" (solitamente falso), o che funzionano meglio in Chrome per scelte interne (Youtube, Gmail, Google Docs...) Chrome sta ora ammazzando la stessa sana concorrenza che aiuterebbe il Web. Il rischio di tecnologie Web Google/Webkit-only è già reale.
Dal punto di vista del Web non vedo tutta questa rivoluzione, Pepper è un niente di fatto, Native Client è stato surclassato da WebAssembly (Mozilla). WebGL e webVR sono nati da Mozilla. WebGPU è di Apple.

Disclaimer: sono di parte.
emiliano8405 Settembre 2018, 13:17 #8
Originariamente inviato da: WarSide
Senza Chrome non ci sarebbe stato V8. Senza V8 non avremmo NodeJS.

Senza NodeJS il web sarebbe meno javascript dipendente sia frontend che backend side.


e senza non avremmo un nuovo framework al giorno

e senza non avremmo electron

e senza non avremmo questa mania di usare quell'aborto di JS ovunque, anche per le app, con app non native lente e pesanti

p.s.
un minuto di silenzio per tutte le risorse prosciugate inutilmente da chrome (e electron)
maxy0405 Settembre 2018, 14:29 #9
Originariamente inviato da: emiliano84
e senza non avremmo un nuovo framework al giorno

e senza non avremmo electron

e senza non avremmo questa mania di usare quell'aborto di JS ovunque, anche per le app, con app non native lente e pesanti

p.s.
un minuto di silenzio per tutte le risorse prosciugate inutilmente da chrome (e electron)


NemesiAlata06 Settembre 2018, 12:17 #10
Originariamente inviato da: emiliano84
e senza non avremmo un nuovo framework al giorno

e senza non avremmo electron

e senza non avremmo questa mania di usare quell'aborto di JS ovunque, anche per le app, con app non native lente e pesanti

p.s.
un minuto di silenzio per tutte le risorse prosciugate inutilmente da chrome (e electron)


Sono totalmente d'accordo... l'abuso di un linguaggio come il pesantissimo javascript ha portato nel corso degli anni ad avere gravissimi problemi lato performance e soprattutto lato sicurezza... il cosiddetto "web 2.0" poggia le sue basi fondanti sull'esecuzione di codice interpretato direttamente nel browser..negli anni 90 era vitato usare soluzioni del genere proprio per un discorso di sicurezza... da ajax in poi è stato un continuo disastro da quel punto di vista...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^