Dell e computer con SuSE

Dell e computer con SuSE

Secondo Dell il mercato dei pc aziendali con sistema operativo Linux costituisce il 25%. Prossimi accordi anche con SuSE

di pubblicata il , alle 14:45 nel canale Programmi
Dell
 

Dell conferma il proprio interesse nei confronti di Linux. Secondo l'azienda leader in vari mercati IT i sistemi operativi Linux rappresentano il 25% del mercato aziendale e quindi un ambito decisamente profittevole.

Ad oggi Dell è stata impegnata in parecchi processi di migrazione da sistemi Unix verso altre soluzioni Linux. Al momento il partner preferenziali per queste attività è Red Hat, ma in futuro Dell si è detta intenzionata a supportare anche SuSE Linux.

La distribuzione del camaleonte, attualmente sviluppata e promossa da Novell, è assai diffusa anche in installazioni desktop. Proprio questa peculiarità la distingue da Red Hat e potrebbe aprire nuovi orizzonti nel mercato.

Va precisato che al momento Dell distribuisce sistemi con sistema operativo Linux tramite canali differenti da quelli a cui siamo abituati; si tratta di soluzioni server oppure forniture per grandi aziende. Per l'utente finale sono disponibili sono alcune workstation, ma non è detto che questa situazione non possa migliorare in futuro.

Fonte: ArsTechnica.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
franz89912 Giugno 2006, 15:18 #1
Buono a sapersi, è bello poter scegliere
bartolino320012 Giugno 2006, 15:31 #2
Originariamente inviato da: franz899
Buono a sapersi, è bello poter scegliere


Concordo in toto.
Su notebook, cmq il caso c' è e chi volesse può seguire l' esempio:
non premete F8 al primo avvio della macchina e richiedete di farvi rimborsare il costo di Windows.
Ripeto è già accaduto se non sbaglio con Asus, un utente italiano si è fatto rimborsare il costo dell' OS di microsoft tramite raddoppio della memoria di sistema.

Se trovo il link ve lo posto.

Brava DELL, questo si che è libero mercato!!!
Alla faccia dei Linux scettici.

[b]Ecco il link di cui sopra: http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1430062

Buona lettura e buon rimborso.[/b]
oatmeal12 Giugno 2006, 16:04 #3
Ottima notizia, ora aspetto anche quelli con ubuntu. In spagna hanno gia incominciato
http://www.tecnologia.carrefour.es/...286&ficha=3
bartolino320012 Giugno 2006, 16:10 #4
Originariamente inviato da: oatmeal]Ottima notizia, ora aspetto anche quelli con ubuntu. In spagna hanno gia incominciato
[url]http://www.tecnologia.carrefour.es/electronic_productdetails.asp?Query=&


christianr12 Giugno 2006, 16:10 #5
Originariamente inviato da: bartolino3200]Concordo in toto.
Su notebook, cmq il caso c' è
Ecco il link di cui sopra: http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1430062

Buona lettura e buon rimborso.[/b]


La cosa bella è che il tipo che ha ottenuto il rimborso, sostiene più volte di avere le DDR3...
oatmeal12 Giugno 2006, 16:26 #6
Originariamente inviato da: christianr
La cosa bella è che il tipo che ha ottenuto il rimborso, sostiene più volte di avere le DDR3...


Quindi?
La notizia è un'altra
The_misterious12 Giugno 2006, 16:45 #7
ottimo passo per la diffusione di linux
christianr12 Giugno 2006, 20:00 #8
Originariamente inviato da: oatmeal
Quindi?
La notizia è un'altra


Quindi era solo per ridere...
sirus12 Giugno 2006, 20:30 #9
La notizia è piacevole anche perché abbiamo quasi la certezza che con RedHat/Fedora o SUSE su notebook Dell si potrebbero evitare problemi di riconoscimento del layer ACPI (il maggior crucio di GNU/Linux sui notebook)!
JohnPetrucci12 Giugno 2006, 22:01 #10
Originariamente inviato da: The_misterious
ottimo passo per la diffusione di linux

Concordo in pieno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^