Da Microsoft Live Drive

Da Microsoft Live Drive

Microsoft parla del progetto Live Drive: spazio di storage remoto per condividere i dati

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 08:50 nel canale Programmi
Microsoft
 

Ray Ozzie, CTO di Microsoft, ha confermato l'esistenza di un progetto denominato Live Drive. Si tratta di un hard disk virtuale e l'iniziativa rientra nei tanti elementi che costituiranno Windows Live.

Con Live Drive gli utenti avranno a disposizione uno spazio di archiviazione remoto, accessibile attraverso internet e attraverso cui condividere documenti, email, file e dati. L'accessibilità ad uno spazio di storage virtuale è il giusto complemento per la moltitudine di tool già anunciati: Windows ive Messenger e Office Live.

Non sono noti i dettagli dell'iniziativa, nè tantomeno lo spazio a disposizione degli utenti e il livello di sicurezza offerto. Live Drive costituisce la risposta Microsoft all'iniziativa Gdrive di Google le cui informazioni sono state difuse qualche settimana fa.

A questo indirizzo è disponibile il testo dell'intervista completa a Ray Ozzie.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
k0nt322 Aprile 2006, 09:09 #1
suona un pò come GDrive

adesso però voglio vedere la gente preoccupata per il loro dati come era stato per gdrive
Rubberick22 Aprile 2006, 10:32 #2
lol i dati nn li do a google ora li do alla microsoft seeeeeeeeeeeeeee
Luk3D22 Aprile 2006, 10:32 #3
beh apple l'aveva pensato da tempo,mi ricordo che c'era già una cosa così nei primi imac....
Redvex22 Aprile 2006, 10:49 #4
Magari per tenerci su le Iso dei sistemi windows scaricati sul mulo....dite che se ne accorgerebbero?
Dias22 Aprile 2006, 11:20 #5
beh apple l'aveva pensato da tempo,mi ricordo che c'era già una cosa così nei primi imac....


Come mai non ti ricordi che tale servizio Apple te lo fa pagare un centinaio di dollari?
Luk3D22 Aprile 2006, 11:55 #6
xkè apple nn è scema era un servizio + professionale ke "casalingo" e x chi lavorara in posti diversi era molto utile (in quanto le pennette usb al tempo nn c'erano se nn erro)....tuttavia nn ne ho mai sentito parlar bene
The_Snake22 Aprile 2006, 12:04 #7
Originariamente inviato da: Redvex]Magari per tenerci su le Iso dei sistemi windows scaricati sul mulo....dite che se ne accorgerebbero? [/QUOTE]


[QUOTE]
Originariamente inviato da: Luk3D
beh apple l'aveva pensato da tempo,mi ricordo che c'era già
[QUOTE=Dias]Come mai non ti ricordi che tale servizio Apple te lo fa pagare un centinaio di dollari?


Cavoli che mal di testa...non riesco a ricordare nulla di quello che volevo dire...sarà un amnesia?
Sig. Stroboscopico22 Aprile 2006, 12:43 #8
Mi chiedo come controlleranno cosa un utente decide di metterci dentro...
Mi viene da chiedermi se verificheranno anche l'autenticità del software usato per creare quei file...

Sinceramente mi fido molto di più di Google per la riservatezza dei dati.
riva.dani22 Aprile 2006, 13:44 #9
Beh di certo non è adatto a dati preziosi e sensibili, ma potrebbe avere la sua utilità!
Criceto22 Aprile 2006, 14:24 #10
Originariamente inviato da: Luk3D
beh apple l'aveva pensato da tempo,mi ricordo che c'era già una cosa così nei primi imac....


Sì c'è ancora, ed è ottimamente integrato con l'OS: l'iDisk appare come un normale HD nel Finder.

Il problema, come riportato da Dias, è che è un servizio che fa parte del pacchetto .Mac, che è a pagamento (100$/anno, mi pare).
Include però (tra le altro cose) anche un programma di Backup che salva, appunto, su iDisk. Questa cosa in effetti tornerebbe molto utile...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^