Via il marchio IBM dai pc Lenovo

Via il marchio IBM dai pc Lenovo

Lenovo decide di anticipare di due anni l'eliminazione del logo IBM dai propri pc. A supporto di tale azione la società cinese sarà sponsor delle olimpiadi di Pechino

di pubblicata il , alle 09:08 nel canale Portatili
IBMLenovo
 

Quando Lenovo annunciò l'acquisizione del comparto pc di IBM venne anche stabilito il diritto per il produttore cinese di utilizzare il brand IBM sui prodotti commercializzati; tale diritto d'uso scadrà nel 2010. Questa operazione doveva aiutare Lenovo nel processo di transizione, evitando quindi la disaffezione da parte dei clienti di Big Blue.

XBitlabs riporta che Lenovo ha scelto di non utilizzare più il logo IBM sui PC di nuova produzione: la società cinese è convinta che ormai il grande pubblico sia pronto per questa fase e l'eliminazione del logo IBM, sempre secondo Lenovo, non arrecherà danni alle vendite.

In questi anni Lenovo ha attuato un lento processo di migrazione durante il quale il logo IBM è stato sempre più accantonato: al suo posto è stata data enfasi al brand Think, anch'esso originariamente coniato da IBM, che attualmente compare anche nei diffusi e apprezzati software forniti con i notebook ThinkPad.

Per supportare al meglio quest'ultima fase critica il marketing di Lenovo ha avviato ingenti campagne pubblicitarie: tali strumenti consentiranno di dare maggior visibilità al marchio Lenovo e Think, accantonando ulteriormente il marchio IBM. Stando sempre a quanto riportato dalla fonte, Big Blue continuerà a fornire servizi e assistenza a Lenovo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
apocalysse66605 Novembre 2007, 09:14 #1
peccato, un logo storico andrà in pensione.
enryfox05 Novembre 2007, 09:22 #2
... e qualita' dei portatili in picchiata: la mia azienda usa portatili IBM da anni, ho visto e usato i T201/22 i T42/43 ed ora i lenovo T60: plasticosi, con seri problemi di FW e driver, lenti ... come al solito produzione cinese e' sempre sinonimo di alta qualita!

ciao
fdfdfdddd05 Novembre 2007, 09:23 #3
Non vorrei dire castronerie, ma a livello di puro "desktop" IBM ormai non mi sembrava particolarmente competitiva. Ma è stato un peccato l'abbandono di BigBlue della serie dei ThinkPad. Da utente Mac convinto, devo ammettere, che i ThinkPad erano dei portatili fantastici, materiali eccellenti, design funzionale (magari non estetico) al massimo e soluzioni sempre all'avanguardia.
Magari Lenovo continuerà questa tradizione, ma IBM poteva comunque garantire, secondo me, ben altri sviluppi.
Paganetor05 Novembre 2007, 09:43 #4
credo (correggetemi se sbaglio) che la forza di IBM in questo settore fosse legata più ai servizi (indispensabili per i professionisti) che alla mera potenza dell'HW...

mad_hhatter05 Novembre 2007, 09:53 #5
Originariamente inviato da: enryfox
... e qualita' dei portatili in picchiata: la mia azienda usa portatili IBM da anni, ho visto e usato i T201/22 i T42/43 ed ora i lenovo T60: plasticosi, con seri problemi di FW e driver, lenti ... come al solito produzione cinese e' sempre sinonimo di alta qualita!

ciao


la produzione cinese sforna una quota non indifferente di tutta l'elettronica odierna... forse non è il made in china a essere sinonimo di scarsa qualità...
andrzejg05 Novembre 2007, 10:05 #6
Non è solo il discorso di plastica, perché davanti alla qualità di altri brand i cinesi di Lenovo reggono ancora, ma il crimine imperdonabile è che NON MONTANO PIU' GLI SCHERMI FLEX VIEV che erano i migliori in assoluto tra i portatili, con le risoluzioni da 1600x1200 e la qualità visiva da favola. A che cosa serve un portatile con lo schermo da schifo LG? Neanche per vedere i film. Meglio Macintosh. Che peccato, conquisteranno forse una buona fetta di mercato abbassando i prezzi, ma arrivederci indistruttibili macchine ThinkPad perfette per un intenso lavoro professionale. Peccato.
3nric005 Novembre 2007, 10:32 #7
fino a Aprile/Maggio vedevo arrivare in azienda t60 con la scritta IBM Thinkpad poi è cambiata in Thinkpad Tseries ( ho un t60)

Cmq la cosa che mi manca di piu è quella sensazione di vellutato che si aveva sfiorando i thinkpad.

Anchio ho notato che sti thinkpad si incartano spesso, non vi dico poi quando si cerca di undockarlo anche seguendo la procedura spesso e volentieri si freeza
Lanfi05 Novembre 2007, 10:41 #8
@ andrzejg

Guarda che i tanto decantati schermi a led dei macbook pro sono degli lg :-)....
Gandalf6405 Novembre 2007, 10:50 #9
Ho un t61 preso un mese fa e ha ancora il logo ibm,
nei pezzi di ricambio c'e' l'appoggia mani con logo ibm o think
quindi e' gia' un opzione ma il mio ha ancora il logo storico...

Per quanto riguarda la qualita' il mio t61 non e' peggiore al mio t43,
anzi e sono anche gli unici che montano ancora monitor 4:3 se si vuole...

http://www5.pc.ibm.com/it/products....epi=web_express

basta scegliere
enryfox05 Novembre 2007, 11:04 #10
@ mad_hhatter

Hai ragione, non e' tanto la produzione, quanto proprio il complesso produttivo dalla progettazione alla produzione: da quando e' passato da IBM a lenovo le differenze in peggio si sono viste. Come qualcuno ha gia' detto, vengono ancora usati schermi a 1024x768 (!) ed il laptop si blocca 2 volte su 3 quando viene rimosso dalla docking station (e non c'e' procedura o update di FW che tenga ...) .

ciao

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^