Toshiba rinnova la sua linea di portatili con Satellite P e L

Toshiba rinnova la sua linea di portatili con Satellite P e L

Toshiba rinnova la sua linea di portatili con le nuove proposte di fascia alta Satellite P e i più accessibili Satellite L

di pubblicata il , alle 10:11 nel canale Portatili
ToshibaSatellite
 

Toshiba Satellite P750 e P770 sono i nuovi portatili top di gamma presentati a Roma dal colosso giapponese. Questi prodotti offrono configurazioni hardware di fascia alta e hanno una chiara vocazione per l'entertainment domestico, per la creazione e la visualizzazione di contenuti multimediali.

Per il momento non abbiamo indicazioni specifiche relative ai modelli commercializzati in Italia, anche se Toshiba prevede l'utilizzo di processori Intel Core i7, Core i5, Core i3 di ultima generazione, a cui affianca la GPU NVIDIA GeForce GT 540M con tecnologia Optimus. Tra le altre caratteristiche si segnalano hard disk da 750GB@5400rpm, sensori accelerometrici e per alcuni modelli è prevista una tastiera retroilluminata.

Nelle schede tecniche distribuite da Toshiba viene anche citata la tecnologia Intel Wireless Display, soluzione recentemente aggiornata con la nuova piattaforma Sandy Bridge di Intel. Il peso approssimativo dei nuovi Satellite P è di 2,6Kg per i modelli con display da 15,6 pollici con risoluzione pari a 1366x768 pixel; il peso sale di circa un chilo per i modelli con display da 17 pollici, disponibili anche con risoluzione 1920x1080 pixel.

Tra i modelli mostrati abbiamo anche osservato Satellite P750 3D / P755 3D e Satellite P770 3D / P775 3D con display da 15, 6 e 17,3 pollici e dotati di tecnologia NVIDIA 3D Vision, la soluzione con occhialini attivi già disponibile su molti modelli della concorrenza. Toshiba non intende per il momento sviluppare notebook con tecnologia 3D di tipo passivo.

Sul fronte della connettività i nuovi Satellite serie P mettono anche a disposizione una porta USB 3.0. Per la conversione di contenuti 2D in 3D Toshiba ha previsto un'apposita suite software utilizzabile anche per l'upscaling di video in standard definition. Inoltre, il contenuto in 3D può anche essere inviato attraverso la connessione HDMI a un pannello esterno adeguato.

È stata anche aggiornata la serie Satellite L con caratteristiche tecniche mediamente inferiori rispetto a quanto visto per la serie Satellite P. In questa gamma di prodotto sono disponibili modelli da 13,3 pollici, oppure 15,6 e 17, inoltre sono previste configurazioni con processori Intel Core i3, i5 e i7 o in alternativa AMD Phenom II. Anche per la serie Satellite L non abbiamo al momento indicazioni precise relative a configurazioni hardware e prezzi previsti per il mercato italiano e integreremo le informazioni appena disponibili.

Durante l'evento di Roma non è stato dato spazio alle soluzioni tablet Folio. Toshiba ha da tempo presentato il modello Folio 100 per il quale l'azienda non nasconde alcuni problemi e per il momento ha preferito attendere in attesa di una situazione di mercato più chiara. È anche probabile che Toshiba voglia attendere alternative hardware e software più convincenti su cui costruire la propria strategia nei confronti del mercato tablet.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
crackman06 Aprile 2011, 10:14 #1
p750 e p750 hm... qualcosa non torna :P
Roberto Colombo06 Aprile 2011, 10:27 #2
Repetita iuvant ;-)

Ho corretto, il secondo era il modello P770, grazie per la segnalazione
papawebdesign07 Aprile 2011, 08:22 #3
Ma perchè i notebook da 15,6" continuano tutti ad avere la risoluzione orrenda di 1366x768 ?
E' odiosa. Solo Apple riesce a darti risoluzioni maggiori (e forse i Vaio più costosi)
Baboo8507 Aprile 2011, 10:41 #4
Originariamente inviato da: papawebdesign
Ma perchè i notebook da 15,6" continuano tutti ad avere la risoluzione orrenda di 1366x768 ?
E' odiosa. Solo Apple riesce a darti risoluzioni maggiori (e forse i Vaio più costosi)


Perche' sui 15" per ora va bene cosi'.

Risoluzioni maggiori sono solo fastidiose. E il FullHD e' una cosa inutile per questi schermi.

Se poi ci vuoi anche giocare...... ciao proprio. 1366x768 per questo scopo e' una manna dal cielo.

Ci hanno intortato ovunque col FullHD ma alla fine di sto FullHD ne ho piene le balle... FullBalls direi.

Le tv sono FullHD ma le trasmissioni televisive (se va bene, perche' altrimenti sono anche peggio) sono al massimo in HD.

I dvd normali non traggono vantaggi enormi da una risoluzione simile.

Le console vanno di interpolazione per arrivare al FullHD.

Nei pc la maggiorparte dei monitor non supera i 22" (a meno di non avere il monitor a 5 metri) e la differenza tra FHD e HD normale e' visivamente poca. Inoltre, soprattutto sui notebook, la risoluzione cosi' alta e' un massacro sulla GPU (contiamo che tra 1366x768 e 1920x1080 sono praticamente il doppio dei pixel da disegnare) e i videogiochi su pc, causa console, sono spesso "fermi" come grafica da un bel po' di tempo.

Infine, su un 15" il FullHD ti spacca gli occhi, fidati che io purtroppo ce l'ho e te lo posso confermare. All'inizio sembra tutto rose e fiori contando anche lo spazio maggiore che hai tra desktop, navigazione internet, ecc. Ma poi ti rendi conto che e' una cavolata pazzesca su un monitor cosi' piccolo.

Gli unici a trarre qualche vantaggio sono i film su bluray. O almeno credo, non so con che risoluzione vengono registrati.



Se la qualita' del monitor e' alta, un 1366x768 puo' risultare piu' piacevole di un'inutile 1920x1080.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^