Satelliti GPS anche per la Russia

Satelliti GPS anche per la Russia

Anche la Russia costruirà la sua costellazione di satelliti per un sistema di posizionamento

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 11:28 nel canale Portatili
 

Il monopolio statunitense sui segnali satellitari per il posizionamento vede all'orizzonte un nuovo concorrente, come riportato dal New York Times. A quella dell'europeo Galileo, che sarebbe dovuto entrare in funzione nel 2011, ma probabilmente slitterà al 2014, si aggiungerà anche una costellazione di satelliti lanciati dalla Russia, base di un sistema di navigazione che prenderà il nome di GLONASS (Global Navigation Satellite System).

Questo concorrente del GPS dovrebbe entrare in funzione sul territorio russo alla fine di quest'anno, espandendo poi la copertura alle zone confinati di Europa e Asia. Entro il 2009 la copertura dovrebbe essere globale. In realtà una costellazione di satelliti per il posizionamento per scopi militari è in orbita dal 1983, ma visto il declino dell'URSS negli anni successivi la rete era diventata praticamente inutilizzabile, arrivando a soli 8 satelliti operativi nel 2002 dei 24 lanciati in origine.

I nuovi satelliti andranno a ricostruire la costellazione, con prestazioni decisamente superiori a quelle offerte dalla vecchia rete, che offriva nel periodo di massima efficienza una accuratezza in orizzontale di 55 metri, verticale 70 metri (fonte dei dati Wikipedia). Le prestazioni secondo quanto riportato dal giornale americano dovrebbero essere superiori a quelle dell'attuale GPS dove non è disponibile la correzione di quest'ultimo segnale tramite stazioni di terra, ossia al di fuori di USA, Giappone e Europa occidentale.

Le ragioni di questa concorrenza al GPS sono molte: tale sistema è nato per scopi militari, e per questi ultimi può continuare ad essere usato, negandone ad esempio l'accesso a Paesi ostili. In molti ritengono molto remota l'ipotesi di un oscuramento, vista la diffusione dei servizi commerciali basati sul GPS, quali ad esempio la gestione delle flotte aziendali e l'utilizzo in sistemi antifurto, ma in casi estremi le ragioni militari potrebbero avere il sopravvento su quelle commerciali: oscurare un Paese potrebbe avere effetti molto gravi sulla sua economina provoncando di fatto la paralisi di diversi servizi. Raggiungere l'indipendenza da questo punto di vista sembra quindi un passo necessario per entrare nel numero delle superpotenze.

Saranno disponibili dispositivi compatibili con entrambi gli standard, così come sono stati annunciati terminali capaci di gestire sia il segnale GPS che quello dei satelliti Galileo. Comunque non è stata a guardare neanche la Cina, che ha già lanciato i satelliti per il suo sistema Baidu.

Nel frattempo il sistema GPS, che è attivo dal 1993, ha ricevuto dal Congresso americano nuovi fondi per la sua modernizzazione e dovrebbe offrire in futuro nuovi servizi e canali, come ad esempio la tecnologia L2C, attiva in alcune zone degli Stati Uniti, pensata tra l'altro per migliorare le comunicazioni cellulari via satellite.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick10 Aprile 2007, 11:35 #1
... si e poi tra poco anche l'iran se ne uscira' con suo sistema di puntamento.. mah... troppi satelliti in giro ci vuole una regolazione in ambito internazionale, cosa c'e' di galileo che non andava bene ai russi?
HenryTheFirst10 Aprile 2007, 11:41 #2
@ Rubberick
forse il fatto che non si è in grado di renderlo operativo

Scherzi a parte, probabilmente i russi considerano strategico il fatto di avere un proprio sistema di posizionamento
Pancho Villa10 Aprile 2007, 11:48 #3
Galileo solo nel 2014 !?
Ma perché l'Europa non si sbriga
monsterman10 Aprile 2007, 11:48 #4
c'è un po' troppa roba in cielo
mecca10 Aprile 2007, 11:50 #5
si troppi satelliti ognino pensa sempre al proprio interesse che schifo
tarek10 Aprile 2007, 11:57 #6
troppa roba in cielo? non avete idea di quanti ancora ce ne stanno...
Ratatosk10 Aprile 2007, 12:08 #7
Originariamente inviato da: Pancho Villa
Galileo solo nel 2014 !?
Ma perché l'Europa non si sbriga


Perché invece di decidere deve mettere prima daccordo 25 paesi i quali guardano ognuno al proprio spicchio di cielo e ai propri interessi particolari. In questo modo la nostra paralisi ci rende inadeguati alle sfide che il resto del mondo ci propone costantemente.
Super Vegetto10 Aprile 2007, 12:10 #8
Solo il leggere "Satelliti GPS anche per la Russia" fa capire che chi ha scritto l'articolo non sa nemmeno di cosa sta parlando; senza contare che la decisione di potenziare il GLONASS è già anni che è stata presa, non vedo la "news". L'articolo è poi un'accozzaglia di imprecisioni, IMHO dal punto di vista "tecnico" è un articolo pessimo
Ramolaccio10 Aprile 2007, 12:46 #9

@ Super Vegetto

Visto che sono un utilizzatore di GPS e cerco di documentarmi il più possibile, visto che critichi in TOTO l'articolo e lo dici pieno di inesattezze, non è che potresti anche spiegare dove queste stanno?
Almeno chi è appassionato come me può ricevere una corretta informazione.
Window Vista10 Aprile 2007, 12:58 #10
Questo articolo ha preso praticamente tutto da wikipedia italiano e inglese:tranne alcune cose.

http://it.wikipedia.org/wiki/Sistem...namento_Galileo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^