Nuova generazione di batterie per portatili da Boston-Power

Nuova generazione di batterie per portatili da Boston-Power

Realizzati con i materiali normalmente utilizzati nelle tradizionali batterie, i nuovi modelli avranno un ciclo di vita molto più lungo e soprattutto un tempo di ricarica ridotto

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 15:31 nel canale Portatili
 

Hardware Upgrade ha particolarmente a cuore le tematiche energetiche, così come l'interesse verso le nuove tecnologie applicabili in campo informatico, ma non solo. Pur non mancando esempi di news e focus aventi per oggetto tecnologie che vedranno la luce fra qualche anno, è nel nostro interesse offrire una copertura informativa anche su quelle novità magari meno altisonanti, ma molto più concrete e a portata di mano nel breve termine.

E' il caso di questo focus, con il quale annunciamo la realizzazione da parte di Boston-Power di una nuova generazione di batterie per PC portatili di imminente commercializzazione, dotate di interessanti caratteristiche.

La nuova famiglia di batterie prende il nome di Sonata, ed introduce novità riguardanti l'accresciuto ciclo di vita ed i ridotti tempi di ricarica. Due proprietà tipiche delle batterie forse trascurate dal grande pubblico, ma che riverstono una grande importanza per chi utilizza il PC portatile quotidianamente. Un recente studio ha messo in mostra come la durata di una batteria standard sia mediamente di circa 300 cicli di ricarica. Oltre questo limite, la batteria sarà certo ancora utilizzabile, ma con prestazioni ed autonomia garantite drasticamente ridotte rispetto a quando era nuova.

La perdita di autonomia del portatile può ridursi dal 60 all'80%, costringendo il proprietario a sostituirla ben prima della fine del ciclo vitale dell'intero PC. Un utilizzo intenso può portare a sostituire fino a 3 batterie prima di cambiare PC portatile. Sempre parlando di batterie tradizionali, ammonta a circa un'ora il tempo necessario ad una ricarica dell'80%, tempo che sale a due ore per una ricarica completa.

Ebbene, le nuove batterie Sonata garantiranno un ciclo vitale della batteria superiore di ben 3 volte (1000 cicli di ricarica), oltre ad offrire tempi dimezzati per ricaricarsi. Le nuove batterie sono in ogni caso basate sugli ioni di litio, ma seguendo una tecnologia produttiva completamente differente. Maggiori dettagli sono ovviamente protetti dallo scudo del segreto industriale, anche se si sa che vi sono almeno 5 brevetti e 30 passaggi produttivi differenti rispetto ai metodi di produzione tradizionali. Le modifiche in ogni caso riguardano sia la composizione chimica del materiale che gli accoppiamenti dei materiali stessi, ora ottimizzati per le migliorie annunciate.

HP sarà il primo produttore ad utilizzare le batterie Sonata sui propri PC di fascia alta, molto probabilmente entro qualche mese. Maggiori informazioni reperibili sul sito EETimes, in lingua inglese.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7731 Gennaio 2007, 15:46 #1
Il nome fa schifo però il prodotto è ottimo!

Io non rientro nella fascia di persone che fanno grande uso di portatili e necessitano di continue ricariche ma mi fa piacere sapere che il prossimo portatile che avrò sarà dotato di una batteria più "solida" ed efficente!
RedFiresDragon31 Gennaio 2007, 16:02 #2
vediamo quanto sarà valido questo prodotto...
GabrySP31 Gennaio 2007, 16:03 #3
Originariamente inviato da: demon77
Il nome fa schifo però il prodotto è ottimo!


Non è un problema visto che dovranno cambiarlo
E' lo stesso di un famoso case Antec

Che queste batterie durino il triplo è tutto da dimostrare, comunque speriamo bene
nMOS31 Gennaio 2007, 16:10 #4
ma investire sulle celle a combustibile?
the.smoothie31 Gennaio 2007, 16:40 #5
Anche le celle a combustibile vanno ricaricate pure quelle, e se uno ne fa un uso intenso penso che si ritroverebbe a fare parecchie volte il rifornimento al portatile!

Certo che le batterie agli ioni di litio sono garantite per una vita di 10000 ricariche (mi sembrava addirittura 30000), 300 sono un pò pochine e riduzione della capacità dell'ordine del 60-80% inizia ad essere parecchio (e corrisponde anche a verità.

Batterie del genere almeno 3 anni dovrebbero durare, quanto il ciclo vitale del pc stesso.

Sarebbe interessante se trovassero applicazione anche in ambito della telefonia.

Ciauz!
lucusta31 Gennaio 2007, 16:44 #6
..veramente era un modello della hyunday

.. e le celle a combustibile hanno ancora le loro (enormi) pecche.

la differenza dovrebbe essere nel supporto degli ioni, che volevano ratificare in uno standard..
tempo fa' anche sony ha annunciato questo cambio di produzione..
darisole31 Gennaio 2007, 16:52 #7
Le celle a combustibile sono pericolose. Immagina se ti esplodesse il serbatoio per qualche motivo.
imayoda31 Gennaio 2007, 17:44 #8
Convinci una compagnia di aerei a farti salire con il portatile a metanolo..
lepre8431 Gennaio 2007, 17:49 #9
cerchiamo di togliere il combustibile dalle macchine e le mettiamo nei pc? pazzia.

quanto fa con un litro il tuo portatile? lol
cavasayan31 Gennaio 2007, 18:37 #10
Originariamente inviato da: lepre84
cerchiamo di togliere il combustibile dalle macchine e le mettiamo nei pc? pazzia.

quanto fa con un litro il tuo portatile? lol


Si però non si può sempre sparare contro tutto senza neanche cognizione di causa!
L'uso massiccio di celle a combustibile è una cosa su cui si sta lavorando da tempo e per fortuna i tempi cominciano ad essere maturi.
Per inciso : le "macchine ad idrogeno" di cui si sente parlare, utilizzeranno celle a combustibile alimentate ad idrogeno, solo la bmw sta sviluppando un motore in cui si brucia idrogeno direttamente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^