MakerBot: niente più produzione a Brooklyn, le prossime stampanti 3D potrebbero arrivare dalla Cina

MakerBot: niente più produzione a Brooklyn, le prossime stampanti 3D potrebbero arrivare dalla Cina

MakerBot ha deciso infatti di fermare la produzione delle stampanti a filamento fuso che avveniva nel sobborgo di New York affidandone la produzione a Jabil, compagnia con sede negli USA, ma che fa leva su stabilimenti produttivi sparsi in giro per il mondo, Cina compresa.

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Periferiche
MakerBotStampa 3D
 

"Alle regole del mercato non si scappa": potrebbe essere questo il commento più facile alla notizia in arrivo da Brooklyn. MakerBot ha deciso infatti di fermare la produzione delle stampanti a filamento fuso che avveniva nel sobborgo di New York affidandone la produzione a Jabil, compagnia con sede negli USA, ma che fa leva su stabilimenti produttivi sparsi in giro per il mondo, Cina compresa. Chi comprerà prossimamente una MakerBot, che fino a ora si era fregiata di un DNA statunitense, potrebbe trovarsi sulla scrivania una stampante 3D costruita in Cina.

Il primo risultato dell'operazione è la chiusura degli stabilimenti produttivi di Brooklyn, con l'annesso licenziamento di parte della forza lavoro. In un post sul blog aziendale il CEO di MakerBot, Jonathan Jaglom, ha spiegato che la decisione è stata difficile, ma che è un passo verso il posizionamento dell'azienda per il futuro e che va vista come una parte di una strategia di lungo periodo. Saranno gli addetti alla produzione quelli interessati dai licenziamenti, mentre le aree di logistica, riparazione, controllo qualità e quelle operative come la pianificazione rimarranno attive nella sede di Brooklyn.

Il prossimo sarà un periodo di transizione in cui MakerBot passerà a Jabil le proprie competenze in materia, nel contempo cercando di acquisire quelle nel campo della qualità produttiva della seconda. La qualità è un punto su cui ha molto lavorato MakerBot in questi ultimi tempi, soprattutto dopo l'acquisizione da parte di Stratasys (che aveva già portato a un ridimensionamento della forza lavoro).

Il mercato della stampa 3D è in rapida evoluzione e MakerBot ha bisogno di strumenti per essere più agile nella fornire risposte convincenti ai consumatori. Non avere la produzione in casa, ma potersi appoggiare a fornitori esterni è certamente un passo importante in quest'ottica, anche considerata la guerra dei prezzi dichiarata dai prodotti cinesi e dai concorrenti. Si tratta poi di un mercato molto volatile, dove serve poter tagliare o aumentare la produzione in breve tempo, senza dover fare i conti coi costi fissi che attualmente sono da sostenere portando avanti la fabbrica newyorchese.


CEO di MakerBot, Jonathan Jaglom, al taglio del nastro del nuovo edificio lo scorso luglio

MakerBot ha deciso di fermare la produzione delle stampanti a filamento fuso che avvenivaa Brooklyn affidandone la produzione a Jabil

A chi gli chiedeva come questa mossa si possa conciliare con la pompa magna e le dichiarazioni in merito all'intenzione di rimanere nella città di New York dell'estate scorsa all'inaugurazione di un nuovo padiglione, il CEO Jaglom ha risposto di guardare come operano altre importanti aziende americane, in primis Apple. "Se giochiamo bene le nostre carte, e sono sicuro che lo stiamo facendo" - ha detto a The Verge - "nel tempo la compagnia continuerà a crescere e attraverso questa crescita porteremo ancora più talenti sotto il nostro tetto. Il nostro DNA e la nostra cultura rimangono quelle di Brooklyn e siamo fieri di essere qui".

Avevamo provato tempo fa MakerBot Replicator Mini, trovate le nostre impressioni sulla stampante 3D a questo indirizzo.

[HWUVIDEO="1678"]MakerBot Replicator Mini: eccola all'opera in un timelapse[/HWUVIDEO]

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia26 Aprile 2016, 15:04 #1
fieri di essere qui ma adesso vendiamo made in china.. bravi.. marketing e bla bla bla.. ora scriveranno Engineered in Brooklyn - Made in china..
Pino9026 Aprile 2016, 15:04 #2
Mi spiace per gli operai licenziati, potrebbe essere difficoltoso per loro trovare un nuovo lavoro.
gd350turbo26 Aprile 2016, 15:38 #3
Del resto, per rimanere sul mercato, la soluzione è quella !
Tempi moderni, c'è poco da fare !
LMCH26 Aprile 2016, 19:58 #4
Spero che mentre fanno questo stiano anche puntando a diversificare sulla produzione di stampanti custom e/o di grandi dimensioni. Quelle richiedono assemblaggio e messa in marcia (montaggio dal cliente, test, taratura iniziale assi e calibrazioni varie) fatte da gente esperta e questo gli permetterebbe di dare un lavoro almeno a parte degli operai che hanno gia per fare cose che non di possono spostare all'estero.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^