EK Water Blocks, spunta un misterioso dissipatore: è una cella di Peltier?

EK Water Blocks, spunta un misterioso dissipatore: è una cella di Peltier?

Linus Tech Tips mostra un dissipatore inedito di EK Water Blocks, funzionale a raffreddare un 10900K pesantemente overcloccato: potrebbe trattarsi di una cella di Peltier?

di pubblicata il , alle 09:21 nel canale Periferiche
EK Water Blocks
 

EK Water Blocks č da sempre specialista del raffreddamento a liquido, ma potrebbe essere al lavoro su un sistema di raffreddamento termoelettrico, meglio noto come cella di Peltier. A farlo intuire č l'ultimo video di Linus Tech Tips, in cui viene mostrato un velocissimo PC gaming con un Core i9-10900K overcloccato a 5,4 GHz.

Per raggiungere e mantenere tali prestazioni e frequenza, Linus ha usato un inedito waterblock di EK Water Blocks, ma ha "oscurato" un'altra parte fondamentale del sistema potrebbe essere una cella di Peltier. Il waterblock si presenta come un grande blocco con il logo EK al centro e secondo lo youtuber č uno dei pių pesanti su cui ha messo le mani da tempo. Si vedono inoltre diversi cavi fuoriuscire dal blocco, tra cui quello che sembra un connettore di alimentazione PCIe.

I sistemi di raffreddamento a cella di Peltier non sono una novitā, ma il loro impiego č raro in quanto richiedono molta energia per funzionare e presentano altri possibili inconvenienti: sono quindi molto efficaci per dissipare il calore dalla CPU, ma non esattamente "user friendly". Forse non č un caso che, overclock della CPU a parte, Linus abbia usato un alimentatore da 1600W per il PC.

La cella di Peltier si basa sull'effetto Peltier, un fenomeno termoelettrico in cui una corrente elettrica che scorre tra due metalli differenti a contatto (giunzione Peltier) produce un trasferimento di calore. In questo modo il calore si sposta dalla superficie a contatto con la CPU a quella opposta che s'interfaccia con il dissipatore. Per ora non ci sono conferme da EKWB, sarā quindi interessante vedere se l'ipotesi della cella di Peltier si rivelerā corretta oppure no.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MALEFX04 Novembre 2020, 12:18 #1

Condensa

Ho sempre pensato a questa soluzione, realizzarla anche in modo artigianale è molto semplice, ma, escludendo i consumi della cella che sono enormi, mi ha sempre frenato il problema della condensa. Come l’hanno risolto??
lucusta04 Novembre 2020, 12:25 #2
che non vanno sotto la temperatura di rugiada.
(parlo per le conoscenze della mia poca esperienza su questo tipo di raffreddamento, perchè ho solo una decina di peltier da 1 a 250W... anzi, ad 1 KW, visto che le usavo 4 in serie).
MadMax of Nine04 Novembre 2020, 15:35 #3
Originariamente inviato da: MALEFX
Ho sempre pensato a questa soluzione, realizzarla anche in modo artigianale è molto semplice, ma, escludendo i consumi della cella che sono enormi, mi ha sempre frenato il problema della condensa. Come l’hanno risolto??


La Ybris ne aveva già fatto uno circa nel 2005, il Trex III, con una peltier da 256W, io ne avevo uno, non era male, ma bisognava coibentare bene, in ilde scendeva sotto zero, ma comunque per raffreddarla serviva un radiatore enorme e temperature ambiente basse o addirittura acqua ghiacciata.

Avranno messo un controller per evitare problemi ma la CPU dovrà essere downvoltata per evitare la che si crei un effetto di surriscaldamento, perchè oltre una certa soglia si impalla tutto e il waterblock diventa tipo una fissione nucleare
voodooFX04 Novembre 2020, 15:44 #4
premetto che sono abbastanza ignorante in materia, ma mi chiedo: perche non basta mettere un regolatore di potenza in base alla temperatura?
magari anche un range, come si fa con le curve delle ventole, in modo da avere una temperatura target

cioe non capisco perche in idle le CPU la devi tenere a 0 gradi, diminuisci la potenza della cella e la fai stare a 30, no?

P.S. in cantina da qualche parte ho ancora tutti i miei WB della Ybris, che tempi... quando il liquid colling non era una cosa da fighetti come oggi
lucusta04 Novembre 2020, 16:19 #5
per inerzia termica.
quando stacchi la corrente dalle peltier la temperatura della CPU sale vertiginosamente (non sono un'interfaccia ottimale per il raffreddamento), mentre per ottenere nuovamente il raffreddamento adeguato ci vuole un certo tempo, che non è sufficiente per riuscire a calmierare le CPU in quel periodo di tempo...
con CPU che passano da 250W a 10W in qualche millesimo di secondo sei costretto a mantenere potenze di raffreddamento costantemente alte (peltier solo leggermente sotto alimentata), sennò non hai tempo pratico per raffreddare la CPU quando passa al 100%.

ci vorrebbero peltier con una buona conduzione termica anche da spente e con una risposta di raffreddamento molto più veloce.

sulle CPU l'ho provato per un paio di anni, poi l'ho usato su altre applicazioni e spesso ho trovato più utile usarle come sistemi a doppio circuito (uno da peltier a parte calda, uno per raffreddare le peltier).
se usi un liquido con una buona capacità termica hai la possibilità di mantenerlo sempre ad una temperatura costante, basta che ce ne sia a sufficienza per fare da polmone termico.

poi l'ho usato anche per la cryo-separazione dei gas... ma altra storia (altro consumo... 10kW, di sane me ne saranno rimaste si e no una decina.. si rompevano facile, soprattutto in multistrato).
https://ibb.co/qkHVhNb
a -180° facevano tutte sta fine..
MALEFX04 Novembre 2020, 19:15 #6
Invece di controllarla in tensione non si puó controllare in corrente? Comunque forse hanno semplicemente aggiunto un sensore per regolarla in corrente senza farla scendere sotto la temperatura ambiente, evitando quindi la formazione di condensa. Ovviamente il lato caldo è raffreddato da un comunissimo wb
andbad05 Novembre 2020, 09:04 #7
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
La Ybris ne aveva già fatto uno circa nel 2005, il Trex III, con una peltier da 256W, io ne avevo uno, non era male, ma bisognava coibentare bene, in ilde scendeva sotto zero, ma comunque per raffreddarla serviva un radiatore enorme e temperature ambiente basse o addirittura acqua ghiacciata.


Originariamente inviato da: voodooFX

P.S. in cantina da qualche parte ho ancora tutti i miei WB della Ybris, che tempi... quando il liquid colling non era una cosa da fighetti come oggi


E' la prima cosa a cui avevo pensato. Ricordo bene che fu presentato come la rivoluzione del liquid cooling. Noi italiani eravamo troppo avanti.

By(t)e
mackillers05 Novembre 2020, 10:01 #8
Originariamente inviato da: voodooFX
premetto che sono abbastanza ignorante in materia, ma mi chiedo: perche non basta mettere un regolatore di potenza in base alla temperatura?
magari anche un range, come si fa con le curve delle ventole, in modo da avere una temperatura target

cioe non capisco perche in idle le CPU la devi tenere a 0 gradi, diminuisci la potenza della cella e la fai stare a 30, no?

P.S. in cantina da qualche parte ho ancora tutti i miei WB della Ybris, che tempi... quando il liquid colling non era una cosa da fighetti come oggi


è più o meno quello che mi domando io, oppure non basterebbe sfruttare la peltier per raffreddare il radiatore dell'acqua e non direttamente la CPU? si avrebbe una produzione costante di acqua a 5-10gradi che sarebbe in grado di raffreddare perfettamente la CPU senza generare troppa condensa.

Originariamente inviato da: lucusta
per inerzia termica.
quando stacchi la corrente dalle peltier la temperatura della CPU sale vertiginosamente (non sono un'interfaccia ottimale per il raffreddamento), mentre per ottenere nuovamente il raffreddamento adeguato ci vuole un certo tempo, che non è sufficiente per riuscire a calmierare le CPU in quel periodo di tempo...
con CPU che passano da 250W a 10W in qualche millesimo di secondo sei costretto a mantenere potenze di raffreddamento costantemente alte (peltier solo leggermente sotto alimentata), sennò non hai tempo pratico per raffreddare la CPU quando passa al 100%.

ci vorrebbero peltier con una buona conduzione termica anche da spente e con una risposta di raffreddamento molto più veloce.

sulle CPU l'ho provato per un paio di anni, poi l'ho usato su altre applicazioni e spesso ho trovato più utile usarle come sistemi a doppio circuito (uno da peltier a parte calda, uno per raffreddare le peltier).
se usi un liquido con una buona capacità termica hai la possibilità di mantenerlo sempre ad una temperatura costante, basta che ce ne sia a sufficienza per fare da polmone termico.

poi l'ho usato anche per la cryo-separazione dei gas... ma altra storia (altro consumo... 10kW, di sane me ne saranno rimaste si e no una decina.. si rompevano facile, soprattutto in multistrato).
https://ibb.co/qkHVhNb
a -180° facevano tutte sta fine..


sei stato molto esaustivo circa il problema di gestire in modalità on-off la peltier a diretto contatto con la cpu. ma se invece la si usasse per raffreddare l'acqua che poi il waterblock porta a contatto con la CPU?
anche quando spenta l'azione dissipante non si fermerebbe del tutto.

Originariamente inviato da: MALEFX
Invece di controllarla in tensione non si puó controllare in corrente? Comunque forse hanno semplicemente aggiunto un sensore per regolarla in corrente senza farla scendere sotto la temperatura ambiente, evitando quindi la formazione di condensa. Ovviamente il lato caldo è raffreddato da un comunissimo wb


se il lato caldo della peltier ha bisogno di raffreddamento come mai non si sposta la peltier direttamente sul radiatore del AIO in modo da produrre acqua fredda ed usare la medesima acqua in ricircolo per raffreddare la peltier?
forse sarebbe inutile da una parte raffreddarla ed da un altra riscaldarla, oltre che essere un abominio a livello di efficenza energetica.

ma diciamo che per soluzioni per appassionati non mi preoccuperei così tanto dell'efficienza energetica, alla fine chi fa OC già sfrutta l'hardware oltre il punto di maggiore bilanciamento performance/consumi.
mackillers05 Novembre 2020, 10:04 #9
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
La Ybris ne aveva già fatto uno circa nel 2005, il Trex III, con una peltier da 256W, io ne avevo uno, non era male, ma bisognava coibentare bene, in ilde scendeva sotto zero, ma comunque per raffreddarla serviva un radiatore enorme e temperature ambiente basse o addirittura acqua ghiacciata.

Avranno messo un controller per evitare problemi ma la CPU dovrà essere downvoltata per evitare la che si crei un effetto di surriscaldamento, perchè oltre una certa soglia si impalla tutto e il waterblock diventa tipo una fissione nucleare


come era composto esattamente questo KIT? sarei molto curioso di capirlo.
la peltier era a diretto contatto con la CPU in una sorta di waterblock che andava ben coibentato. c'era un circuito idraulico che portava acqua al lato caldo della peltier per tenerlo fresco?

in pratica la peltier raffredda la cpu e l'impianto a liquido raffredda la peltier?
andbad05 Novembre 2020, 11:12 #10
Originariamente inviato da: mackillers
come era composto esattamente questo KIT? sarei molto curioso di capirlo.
la peltier era a diretto contatto con la CPU in una sorta di waterblock che andava ben coibentato. c'era un circuito idraulico che portava acqua al lato caldo della peltier per tenerlo fresco?

in pratica la peltier raffredda la cpu e l'impianto a liquido raffredda la peltier?


C'era una placca di rame, poi la peltier, poi un waterblock.
Il tutto andava coibentato per limitare la condensa. La peltier (se non ricordo male) era collegata ad un circuito di alimentazione regolabile. Il circuito a liquido doveva essere ben dimensionato perché oltre a smaltire il calore della CPU doveva smaltire anche quello della peltier.

By(t)e

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^