La Blu-ray disc association al lavoro per uno standard stereoscopico

La Blu-ray disc association al lavoro per uno standard stereoscopico

La BDA ha annunciato di voler avviare un tavolo di lavoro per la definizione di uno standard per i contenuti 3D stereoscopici

di pubblicata il , alle 08:37 nel canale Multimedia
 

La Blu-Ray disc association ha annunciato nel corso della settimana l'intenzione di voler avviare un tavolo di lavoro per raggiungere la definizione di uno standard da applicare al formato Blu-Ray per quanto riguarda la visualizzazione di contenuti 3D stereoscopici.

La BDA ha dichiarato: "Il formato Blu-Ray è la piattaforma ideale per portare le tecnologie tridimensionali nelle case della gente. Il formato è stato largamente adottato dai consumatori, la qualità d'immagine a 1080p e l'esperienza d'uso complessiva sono diventati standard a dispetto di tutti gli altri sistemi di distribuzione di contenuti ad alta definizione. La capienza, la flessibilità e l'incomparabile qualità d'immagine fornita dal formato Blu-ray abbinata alle attività della task force della BDA per il 3D consentirà di arrivare a specifiche 3D home entertainment chestabiliranno un altro standard e porteranno ai consumatori un'esperienza 3D non raggiungibile da alcun altro sistema di distribuzione dei contenuti".

La possibilità di ricercare uno standard per i contenuti stereoscopici circola già da diverso tempo tra gli ambienti dei produttori di dispositivi consumer, in particolare l'edizione 2009 del NAB ha rappresentato il contesto ideale affinché si creasse una comune volontà da parte di tutti gli addetti ai lavori.

Alcuni produttori di apparecchi consumer stimano che lo standard possa essere finalizzato tra il 2010 ed il 2011, anche se potrebbe trattarsi di una previsione troppo ottimistica. La stessa BDA non ha rilasciato alcuna indicazione temporale di massima per il rilascio delle prime specifiche dello standard. Attualmente vi sono titoli Blu-Ray che vengono commercializzati con anaglifi blu-rossi che sono tuttavia in grado di fornire un'esperienza stereoscopica piuttosto limitata. E' verosimile supporre che lo standard comprenderà sistemi di visualizzazione con occhiali ad otturatore elettronico e televisori o schermi HD con frequenza di aggiornamento di 120Hz.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SuperSandro21 Maggio 2009, 08:53 #1

Frequenza non standard?

"E' verosimile supporre che lo standard comprenderà sistemi di visualizzazione con occhiali ad otturatore elettronico e televisori o schermi HD con frequenza di aggiornamento di 120Hz"


Cioè frequenze che non sono disponibili sui terminali attualmente in commercio: oggi in commercio ci sono infatti TV con frequenze di 100, 200 e (addirittura) 600 Hz. Dovremo quindi comprare altri dispositivi specifici, oppure ci sarà qualche espediente per aggirare l'ostacolo?

E poi, perché proprio 120 Hz e non 100 (o 200)? Problemi di multiplo di 30 fps?
dAvox8721 Maggio 2009, 09:03 #2

io non capisco

io gioco in 3d sul pc da un po' e non riesco a capire perchè devono imporre uno standard. con 2 flussi video il pc supporta il 3d sia con occhialini rosso/blu - sia con occhiali polarizzati - sia con gli shooter, sono tre tecnologie che hanno prezzi diversi e usano atrezzature diverse ma la sorgente video è sempre quella. ho visto i video 3d dal sito di nvidia sia con la mia tv 32 pollici con occhialini rosso/blu - sia con le lenti polarizzati (monitor aposito del prezzo di 300€ e gli ochiali presi dal cinema - sia con il monitor 120 Hz e occhiali shooter (350€ monitor 150€ ogni occhiale). penso di aver messo le tecnologie al momento disponibbili in ordine di efficacia, il tutto guardando sempre il solito filmato scaricato, allora perchè devono forzare una tecnologia sul bd ma non installano i driver come per il pc sul lettore ?

dopotutto le 3 tecnologie hanno costi differenti, per tutte le tasche allora perchè limitare la diffusione del 3d?

se mi è sfuggito qualche cosa e quindi il mio ragionamento risulta una cretinata chiedo scusa
!fazz21 Maggio 2009, 09:47 #3
Originariamente inviato da: SuperSandro
"E' verosimile supporre che lo standard comprenderà sistemi di visualizzazione con occhiali ad otturatore elettronico e televisori o schermi HD con frequenza di aggiornamento di 120Hz"


Cioè frequenze che non sono disponibili sui terminali attualmente in commercio: oggi in commercio ci sono infatti TV con frequenze di 100, 200 e (addirittura) 600 Hz. Dovremo quindi comprare altri dispositivi specifici, oppure ci sarà qualche espediente per aggirare l'ostacolo?

E poi, perché proprio 120 Hz e non 100 (o 200)? Problemi di multiplo di 30 fps?


abbastanza sicuro visto che dovranno proiettare nello stesso tempo il doppio dei fotogrammi
die8121 Maggio 2009, 10:05 #4
60 HZ per occhio
clovis21 Maggio 2009, 10:37 #5
Nenco21 Maggio 2009, 12:32 #6
Originariamente inviato da: SuperSandro
"E' verosimile supporre che lo standard comprenderà sistemi di visualizzazione con occhiali ad otturatore elettronico e televisori o schermi HD con frequenza di aggiornamento di 120Hz"


Cioè frequenze che non sono disponibili sui terminali attualmente in commercio: oggi in commercio ci sono infatti TV con frequenze di 100, 200 e (addirittura) 600 Hz. Dovremo quindi comprare altri dispositivi specifici, oppure ci sarà qualche espediente per aggirare l'ostacolo?

E poi, perché proprio 120 Hz e non 100 (o 200)? Problemi di multiplo di 30 fps?


quei 100Hz di cui parli sono solo effetti di interpolazione dei frame, per il 3d c'è bisogno che la tv accetti i segnali a 120Hz in entrata, come i monitor crt.
Ad oggi quasi tutte le tv lcd e plasma accettano segnali fino a solo 60Hz
Nenco21 Maggio 2009, 12:37 #7
Originariamente inviato da: dAvox87
il tutto guardando sempre il solito filmato scaricato, allora perchè devono forzare una tecnologia sul bd ma non installano i driver come per il pc sul lettore ?

dopotutto le 3 tecnologie hanno costi differenti, per tutte le tasche allora perchè limitare la diffusione del 3d?

se mi è sfuggito qualche cosa e quindi il mio ragionamento risulta una cretinata chiedo scusa


Quale solito filmato? Il video deve essere stato girato in 3d, e lo standard dovrà definire in che modo questo filmato deve essere codificato oltre che le caratteristiche del lettore, degli occhiali, monitor e connessioni, non si puo fare senza uno standard, si creerebbero mille incompatibilità
II ARROWS21 Maggio 2009, 13:06 #8
Porno in 3D!
Comunque, mi immagino la qualità video con immagini a 1080p a 60 fotogrammi...
Di sicuro il limite per film 3D scenderà a 720p se si vuole tenere qualità, a meno di fare effettivamente il tutto su 4 strati che entro il 2011 dovrebbero essere pronti.
dAvox8721 Maggio 2009, 13:08 #9
@ nenco

i filmati stereoscopici scaricabili da nvidia non un filmato normale sia chiaro

cioè è un filmato stereoscopico ma funziona con qualunque tecnologia (visionabile anche in 2d) quindi non vedo la necessita di forzare una tecnologia quando i filmati VANNO BENE PER TUTTE E 3 chiaramente filmato stereoscopico
praticamente il filmato contiene le 2 tracce video e i driver decidono se utilizzare i 120Hz, la tecnologia rosso/blu o la polarizzazione.

fare decidere al suporto quale tecnologia utilizzare invece di sfruttare un driver che trasforma la sconda traccia video nel formato desiderato mi sembra una

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^