La Cina riduce i costi di importazione per 859 beni

La Cina riduce i costi di importazione per 859 beni

Importante mossa del governo cinese che semplifica l'acquisto di beni e risorse dall'estero: una mossa per stimolare la produzione interna ma anche chiaro segnale al governo USA

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Mercato
 

Sono 859 le diverse tipologie di prodotti per i quali il governo cinese ha deciso di ridurre i dazi di importazione dall'estero verso il proprio territorio per le nazioni che rientrano nel World Trade Organization. Il ministero delle finanze cinese, come riporta Bloomberg, ha reso operativa questa decisione nella giornata di lunedì 23 dicembre.

E' evidente come questa manovra miri ad aprire il commercio dall'estero verso la Cina e non può essere valutata indipendentemente dalle tensioni in atto con il governo degli Stati Uniti legate proprio a tariffe di importazione e commercio di beni.

I prodotti inseriti all'interno di questa lista rappresentano indicativamente il 18%, in termini di controvalore, di quanto importato dalla Cina su base annuale: parliamo di 389 miliardi di dollari di acquisti contro un totale di circa 2.140 miliardi di dollari che rappresenta il valore complessivo delle importazioni sostenute dalla cina.

Con questa mossa la Cina punta a riaffermare la propria presenza in un mercato di libero commercio, nel quale le barriere al movimento delle merci da una nazione all'altra siano le più ridotte possibili. Possiamo vedere questo anche come un gesto di distensione verso il governo americano, con il quale è da tempo in atto una complessa controversia legata proprio al commercio di beni tra le due nazioni.

La riduzione nei costi di importazione punta anche ad accelerare la produzione interna, che nel corso del 2019 ha subito un rallentamento. Meno costi di importazione potrebbero infatti stimolare positivamente la produzione interna, pensando alla riduzione dei costi per l'approvvigionamento di materie prime.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
io78bis24 Dicembre 2019, 14:58 #1
Mettere il link a un PDF completamente in cinese è veramente utile....
turcone24 Dicembre 2019, 15:12 #2
comincia la paura che gli occidentali non comprino materiale cinese perchè loro vivono con l'esportazione ( esempio italia : invio in cina per 9 miliardi importati 24 )
quindi la politica di trump anche se non mi piace sta cominciando a far aprire gli occhi
turcone24 Dicembre 2019, 15:13 #3
Originariamente inviato da: turcone
comincia la paura che gli occidentali non comprino materiale cinese perchè loro vivono con l'esportazione ( esempio italia : invio in cina per 9 miliardi importati 24 )
quindi la politica di trump anche se non mi piace sta cominciando a far aprire gli occhi


PS : per il mondo 1.5 e 2.4 di esportazione https://oec.world/it/profile/country/chn/
canislupus24 Dicembre 2019, 15:41 #4
Originariamente inviato da: turcone
comincia la paura che gli occidentali non comprino materiale cinese perchè loro vivono con l'esportazione ( esempio italia : invio in cina per 9 miliardi importati 24 )
quindi la politica di trump anche se non mi piace sta cominciando a far aprire gli occhi


Trump non mi piace come personaggio, però devo ammettere che un po' di protezionismo (magari non contro l'Europa visto che siamo anche un loro mercato) non è poi una cosa tanto assurda.
E' giusto ragionare che il mondo ormai non ha più dei confini economici, ma farsi ingurgitare dalla macchina produttiva cinese non mi sembra la scelta migliore.
Sputafuoco Bill24 Dicembre 2019, 17:00 #5
La strategia di Trump funziona: una guerra negoziale in cui i dazi sono stati usati come leva per imporre alla Cina di abolire\abbassare i loro storici dazi che esistono da decenni.
Notturnia24 Dicembre 2019, 18:16 #6
era ora che aprissero un po' i loro confini perchè qua tutti a lagnarsi dei NOSTRI miseri dazi e a coprire con un grattacielo quello che faceva la CIna..

bloccano importazioni, inquinano più di tutti gli altri e poi ancora qualcuno che li difendeva..

fa piacere che abbiano mollato qualcosa anche se è ancora poco.. e non grazie alle politiche europee purtroppo..
canislupus24 Dicembre 2019, 18:16 #7
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
La strategia di Trump funziona: una guerra negoziale in cui i dazi sono stati usati come leva per imporre alla Cina di abolire\abbassare i loro storici dazi che esistono da decenni.


Ad onor del vero non mi sembra che lo stia facendo solo nei confronti della Cina, ti basti vedere tutti i recenti dazi (promessi o realizzati) nei confronti del vecchio Continente.
In linea generale sta cercando di riportare le produzioni e di conseguenza anche il lavoro negli USA.
canislupus24 Dicembre 2019, 18:23 #8
Originariamente inviato da: Notturnia

..fa piacere che abbiano mollato qualcosa anche se è ancora poco.. e non grazie alle politiche europee purtroppo..


L'Europa non può fare assolutamente nulla.
Noi siamo un insieme di stati senza alcun indirizzo comune se non esclusivamente una moneta e qualche regola economica.
Ti basti pensare agli aiuti dati all'Airbus (i cui principali fautori sono Francia e Germania) e per i quali adesso gli USA ci impongono dei dazi.
Anche se negli Stati Uniti esistono profonde differenze tra i vari stati, loro sono comunque una singola nazione quando si tratta di scelte che riguardano certi aspetti comuni.
Ginopilot24 Dicembre 2019, 19:34 #9
Il problema non erano i singoli dazi sui prodotti, non certo più alti da loro che da noi, ma il quantitativo e quindi il flusso di denaro in loro favore. Dubito che questa mossa possa minimamente cambiare la situazione.
canislupus24 Dicembre 2019, 20:45 #10
Originariamente inviato da: Ginopilot
Il problema non erano i singoli dazi sui prodotti, non certo più alti da loro che da noi, ma il quantitativo e quindi il flusso di denaro in loro favore. Dubito che questa mossa possa minimamente cambiare la situazione.


Questo francamente non so dirtelo, anche perchè gli effetti in economia non vanno mai visti nel breve o brevissimo periodo.
Solitamente però i dazi servono appunto per aiutare il mercato interno rispetto a quello estero. E in questo senso mi sembra che Trump si stia muovendo molto a favore degli USA.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^