Elpida ammette di aver fatto "Cartello"

Elpida ammette di aver fatto Cartello

Uno tra i più importanti produttori di memorie del continente Asiatico ha dichiarato di aver preso parte ad un accordo di cartello con altri tre produttori di memorie

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Memorie
 

Elpida, la joint-venture giapponese formata da Hitachi e NEC, sarà la quarta compagnia a dover pagare un'ammenda per un'operazione di cartello orchestrata con altre tre compagnie del settore. Elpida ha ammesso di aver preso parte in una sorta di accordo che ha avuto lo scopo di stabilire prezzi ricaricati per alcuni clienti tra cui HP, Sun, Dell e Apple, nel periodo tra Aprile 1999 e Giugno 2002.

Il caso è scaturito da un conflitto esistente sin dalla notte dei tempi tra due fazioni, Rambus da una parte e il cartello asiatico dall'altra, in lotta tra loro per la spartizione del mercato delle memorie. Si tratta di una disputa che ha inoltre coinvolto due autorità statunitensi, la Federal Trade Commission e il Dipartimento di Giustizia, una contro l'altra.

L'accordo è stato stipulato tra Elpida, Infineon, Samsung e Hynix, con questi ultimi tre che hanno acconsentito a pagare un'ammenda di 645 milioni di dollari per quello che il Dipartimento di Giustizia Statunitense ha definito come "uno dei più grossi cartelli mai scoperti". Il cartello ha obbligato i produttori di sistemi PC ad alzare i prezzi del prodotto finito o a contenere il quantitativo di memoria RAM installata sulle macchine.

Nel corso del 2002 le due autorità statunitensi si sono occupate del caso ponendosi in modo opposto: la FTC ha intrapreso indagini nei confronti di Rambus, mentre il Dipartimento di Giustizia si è scagliato contro i "DRAMurai" ottenendo, a quanto pare, maggiore successo. Nel dicembre 2004 il caso sollevato dalla FTC è stata respinto da un giudice ma la Federal Trade Commission è ricorsa in appello e il presidente della FTC, Timothy Muris, ha deciso di rappresentare Hynix nell'azione legale intentata contro Rambus.

Ricordiamo inoltre che anche Rambus ha intentato diverse azioni legali nei confronti di alcuni produttori di memorie; tali procedimenti per ora sembrano essere approdati solamente ad un nulla di fatto.

Fonte: The Register

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sig. Stroboscopico01 Febbraio 2006, 08:34 #1
Mi chiedo dove finiscono i soldi di quella multa...
Non mi ricordo bene quanto, ma di ram ne ho comprato di sicuro anche in quegli anni... penso che un 5 milioni di usd mi potrebbero bastare anche nell'incertezza...

^__-

eheheheh
mjordan01 Febbraio 2006, 09:08 #2
Io non ho capito bene cosa è successo...
Che cos'è un'operazione di cartello?
chiaro_scuro01 Febbraio 2006, 09:10 #3
Quello che avviene ogni giorno in italia per le compagnie telefoniche, per le compagnie petrolifere, per le compagnie assicurative e le banche.

In pratica si mettono daccordo, invece che farsi concorrenza, per tenere artificiosamente alti i prezzi del prodotto.

Ciao.
raptus01 Febbraio 2006, 09:24 #4

In Italia ...

Questo non accadrà MAI!

E mi viene da piangere.
Dumah Brazorf01 Febbraio 2006, 09:42 #5
Ma noooooooo, cosa dite! Cartello????? Ma quando maiiii!!!
E ricordate: la Mafia non esiste!
capitan_crasy01 Febbraio 2006, 09:53 #6
Originariamente inviato da: raptus
Questo non accadrà MAI!

E mi viene da piangere.


hai presente le assicurazioni in italia???
e i distributori di benzina???
mah......................................
mjordan01 Febbraio 2006, 10:02 #7
Originariamente inviato da: chiaro_scuro
Quello che avviene ogni giorno in italia per le compagnie telefoniche, per le compagnie petrolifere, per le compagnie assicurative e le banche.

In pratica si mettono daccordo, invece che farsi concorrenza, per tenere artificiosamente alti i prezzi del prodotto.

Ciao.


Grazie, ora ho capito. Ma se mettono prezzi alti, come possono comunque non farsi concorrenza a vicenda? Comunque una differenza di prezzo la devono fare.
benotto01 Febbraio 2006, 10:02 #8
...ma se sono riusciti a fare cartello con compratori di quel calibro (che mi sembrano "abbastanza" attrezzati a difendersi) , sui piccoli acquirenti cosa fanno? Come minimo gli puntano un fucile in fronte...
benotto01 Febbraio 2006, 10:04 #9
Come fanno a non farsi concorrenza a vicenda? Io oggi vendo a Dell ad un certo prezzo e quindi tu fai un'offerta più alta; tu domani vendi a Apple ed io faccio un'offerta più alta della tua...

Semplice.
Drakonis01 Febbraio 2006, 10:05 #10
e noi paghiamo....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^