TSMC, dipendente positivo al Coronavirus. Produzione a rischio? Per ora tutto regolare

TSMC, dipendente positivo al Coronavirus. Produzione a rischio? Per ora tutto regolare

Il produttore dei chip di AMD, Nvidia, Apple e molte altre aziende annuncia di aver registrato un caso di positività al Coronavirus tra i suoi dipendenti. L'azienda ha preso misure contenitive del problema e non si aspetta interruzioni nella produzione.

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Processori
TSMC
 

Un dipendente di TSMC, noto produttore di chip per conto terzi taiwanese, è risultato positivo al Coronavirus secondo quanto dichiarato dall'azienda al Taiwan Stock Exchange (TWSE) e riportato dal Digitimes. L'azienda è stata costretta a chiedere una trentina di dipendenti di un impianto di Taiwan, entrati in contatto con il collega, di stare a casa in auto quarantena per 14 giorni.

TSMC ha affermato che sta applicando gli "standard più rigorosi indicati dalle agenzie sanitarie governative" e monitorerà costantemente i dipendenti in quarantena e fornirà loro assistenza necessaria. TSMC ha anche migliorato la disinfezione delle aree degli uffici e rafforzato le misure precauzionali interne contro l'epidemia, ad esempio creando team che non entrano in contatto gli uni con gli altri.

Tutti i dipendenti sono tenuti ad indossare mascherine nelle aree comuni e quando partecipano a riunioni o corsi di formazione. TSMC non prevede che il caso di positività influirà sulla sua capacità produttiva e questa è una buona notizia per tutte le aziende come AMD, Nvidia ed Apple che realizzano i propri chip negli impianti dell'azienda.

Ovviamente tutte queste aziende, a fronte di una produzione stabile, temono un crollo degli ordini, sia da parte di aziende che di privati, visto il confinamento in casa di grandi fette di popolazione mondiale e l'impossibilità per molti di incassare denaro da spendere.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
daniluzzo19 Marzo 2020, 23:41 #1
Ma veramente avete scritto questo articolo?
Sul serio vi preoccupate dell’aspetto economico o finanziario di un’azienda quando sull’altro piatto della bilancia c’è la salute delle persone?
Boh, non so, fatevi un giro negli ospedali poi andate a dire a TMSC, nVidia, AMD e tutte le altre che fanno copia/incolla dei comunicati, che i loro prodotti non valgono un cazzo in confronto alla positività del dipendente
Manolo De Agostini20 Marzo 2020, 06:25 #2
Originariamente inviato da: daniluzzo
Ma veramente avete scritto questo articolo?
Sul serio vi preoccupate dell’aspetto economico o finanziario di un’azienda quando sull’altro piatto della bilancia c’è la salute delle persone?
Boh, non so, fatevi un giro negli ospedali poi andate a dire a TMSC, nVidia, AMD e tutte le altre che fanno copia/incolla dei comunicati, che i loro prodotti non valgono un cazzo in confronto alla positività del dipendente


Siamo su un sito di hardware, certo che parliamo di aspetti economici delle aziende del settore. TSMC muove l'intero mercato. Se in futuro comprerai una CPU AMD su Amazon e non ti arriverà, forse sarà legato a questo episodio, fortunatamente a quanto pare contenuto e che speriamo rimanga tale.

Sappiamo tutti che oggi le priorità sono altre a livello umano (le tue, le nostre e di tutti), ma ripeto, qui si sta solo aggiornando sulla situazione di TSMC, un'azienda cruciale per il settore hardware. Peraltro sembra pure una bella notizia, se effettivamente stanno riuscendo a contenere la cosa.
Tozzo7220 Marzo 2020, 13:07 #3
Originariamente inviato da: daniluzzo
Ma veramente avete scritto questo articolo?
Sul serio vi preoccupate dell’aspetto economico o finanziario di un’azienda quando sull’altro piatto della bilancia c’è la salute delle persone?
Boh, non so, fatevi un giro negli ospedali poi andate a dire a TMSC, nVidia, AMD e tutte le altre che fanno copia/incolla dei comunicati, che i loro prodotti non valgono un cazzo in confronto alla positività del dipendente


Chissà se lo stesso commento ci sarebbe stato qualche mese fa quando il virus sembrava un'epidemia solo cinese. Chissà se lo stesso commento ci sarebbe stato per le morti causate dalla sete di petrolio, di minerali, di foresta. Spero di sì.
Guardando i social mi sembra che buona parte della popolazione sia più interessata ai rimborsi da parte dallo Stato che della salute dei suoi concittadini.
Io spero davvero che il dipendente stia presto meglio e che l'azienda prenda davvero tutte le precauzioni necessarie alla salute degli altri dipendenti ma un sito dedicato all'hardware o all'economia deve comunque analizzare e raccontare le conseguenze delle tragedie umane sull'intero settore. E' la vita purtroppo.
daniluzzo24 Marzo 2020, 09:24 #4
Ipocrisia e qualunquismo a iosa vedo...

Nulla vieta ad un sito specializzato in tecnologia a chiosare l'articolo con un commento "umano" da parte del giornalista. Senza doversi preoccupare realmente se qualcuno avrà dei ritardi sulla consegna degli ordini.

E' la vita, purtroppo...
Chissà se fosse la vostra di vita.

La crisi economica non piace a nessuno, sicuramente si dovrà prevedere qualche scossone conseguente a questo periodo. Ma questo è un argomento diverso e complicato.
Sono sempre e comunque le persone, con i loro individualismi, che scriveranno la nostra storia. E se le persone sono "malate" chi porterà avanti la produzione?

I comunicati delle aziende valgono tanto quanto la bontà del vino dell'oste.

L'evoluzione recente di questa pandemia, anche a livello locale, vi dovrebbe aver fatto capire che da qualcuno è stata presa sottogamba. Sempre col culo degli altri, però.

La mia polemica mensile è terminata.
Chiedo scusa del disturbo.

Buona giornata e buon lavoro a tutti.
aqua8424 Marzo 2020, 09:45 #5
Originariamente inviato da: daniluzzo
Sono sempre e comunque le persone, con i loro individualismi, che scriveranno la nostra storia. E se le persone sono "malate" chi porterà avanti la produzione?


e aggiungo
questa eventuale produzione che si vorrebbe fare, chi la comprerebbe se mancano soldi o addirittura la gente muore?

io mi auguro che questa "lezione" serva a tante cose, oltre a capire che siamo veramente indifesi e abbiamo bisogno di proteggerci meglio, dobbiamo capire che NON CI CORRE DIETRO NESSUNO!!
se anche la produzione MONDIALE si ferma per qualche tempo, ovviamente escludendo produzione di cibo/acqua, la vita è la cosa fondamentale.

sulla situazione economica...
ci si lamenta delle borse che vanno a picco.
è proprio obbligatorio tenere La Borsa aperta?
c'è qualche forza Aliena che ci impedisce di chiudere La Borsa per 1 mese 2 mesi?

mi rendo conto che sono domande che portano tutte, o quasi, ad una unica risposta, e cioè che nonostante la crisi, nonostante l'epidemia, ci sono ancora troppi interessi economici, di pochi, da preservare fino alla fine.
Tozzo7225 Marzo 2020, 16:17 #6
Originariamente inviato da: aqua84
e aggiungo
questa eventuale produzione che si vorrebbe fare, chi la comprerebbe se mancano soldi o addirittura la gente muore?

io mi auguro che questa "lezione" serva a tante cose, oltre a capire che siamo veramente indifesi e abbiamo bisogno di proteggerci meglio, dobbiamo capire che NON CI CORRE DIETRO NESSUNO!!
se anche la produzione MONDIALE si ferma per qualche tempo, ovviamente escludendo produzione di cibo/acqua, la vita è la cosa fondamentale.

sulla situazione economica...
ci si lamenta delle borse che vanno a picco.
è proprio obbligatorio tenere La Borsa aperta?
c'è qualche forza Aliena che ci impedisce di chiudere La Borsa per 1 mese 2 mesi?

mi rendo conto che sono domande che portano tutte, o quasi, ad una unica risposta, e cioè che nonostante la crisi, nonostante l'epidemia, ci sono ancora troppi interessi economici, di pochi, da preservare fino alla fine.

Condivido molto, anzi quasi tutto. L'unico punto debole del discorso è dove parli di cibo e acqua che implicano sempre il fattore umano nella gestione, produzione e distribuzione. I problemi agli addetti a quei settori rimarrebbero "danni collaterali" per il sistema ma per gli individui sarebbero comunque tragedie.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^