Intel, nuova sede produttiva in Israele

Intel, nuova sede produttiva in Israele

Intel ha recentemente annunciato l'apertura di una nuova sede produttiva in Israele, attiva da metà del 2008

di pubblicata il , alle 16:40 nel canale Processori
Intel
 

Intel ha annunciato l'intenzione di costruire una nuova sede produttiva presso Kiryat Gat, in Israele, confermando quindi le voci che già giravano da tempo dentro e fuori l'azienda. La fab 28, questo il nome in codice della sede, sarà operativa dalla metà del 2008, adottando il processo produttivo a 45nm.

Quando sarà completata, la sede sarà la settima in grado di produrre wafer da 300mm di diametro, a tutto vantaggio dell'economia di produzione che potrebbe avere effetti benefici sul prezzo di acquisto finale. Per fare un paragone, a parità di macchinari e personale, cinque linee produttive con wafer da 300mm fanno il lavoro comunemente svolto da otto della "vecchia" generazione da 200mm, con differenze a livello economico facilmente immaginabili.

Ben conscia della posizione di mercato e delle prospettive future, Intel ha inoltre annunciato l'investimento di ben 3 miliardi di dollari per la realizzazione di un'altra fabbrica per la produzione di wafer da 300mm, questa volta sul suolo nazionale statunitense, più precisamente a Chandler, in Arizona.

Fonte: Intel

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MaxN01 Dicembre 2005, 16:47 #1
Peccato, in Italia sembra non voler investire più nessuno.
Dreadnought01 Dicembre 2005, 16:52 #2
...e chi investe con i sindacati che rompono i maroni ogni 2x3? ...con la gente che pretende stipendi da capogiro quando non combina una ceppa da mattina a sera?
Uriziel01 Dicembre 2005, 16:53 #3
e mi pare il minimo.

l'italia è un paese senza testa ne voglia di essere al passo coi tempi...

guarda la storia del tav per dire...se fossi un big delle multinazionali non verrei in italia manco a pagamento.

tra la politica, la mentalità retrograda e frivola della gente,i sindacati che remano sempre contro, un'università pessima che non fornisce laureati in gamba chi cavolo ce li fa venire???
diabolik198101 Dicembre 2005, 16:56 #4
ovvio che non investa nessuno, siamo un ex paese sviluppato, e in via di lento ma inesorabile declino, come scritto qualche giorno fa dall'Economist.
Genesio01 Dicembre 2005, 17:03 #5
Magari per i commenti politico-sociali ci sono posti più adeguati.
TheDarkAngel01 Dicembre 2005, 17:04 #6
nessuno appunto...
davidon01 Dicembre 2005, 17:05 #7
sono contento per Israele, che anche prima di questo annuncio rappresentava una oasi di tecnologia e avanguardia, a dispetto della arida e polverosa situazione mediorientale
un altro buon esempio per chi è al centro del mediterraneo...

ciaobye
diabolik198101 Dicembre 2005, 17:05 #8
Originariamente inviato da: Genesio
Magari per i commenti politico-sociali ci sono posti più adeguati.



ho semplicemente riportato la realtà dei fatti...
Luca6901 Dicembre 2005, 17:06 #9
Vorrei ricordare che ci sono fabbriche nel settore semiconduttori anche in Italia come centri di progettazione. Certo la "tendenza" per le multinazionali é di investire al di fuori dell'europa (non solo dall'italia): unica eccezzione è la Germania con le fabbriche a Dresden grazie ai contributi avuti dopo la riunificazione.
Tera01 Dicembre 2005, 17:11 #10

In israele

Faranno delle CPU col BOTTO

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^