Intel annuncia Core M, le CPU mobile basate su architettura Broadwell

Intel annuncia Core M, le CPU mobile basate su architettura Broadwell

Al debutto nel corso dell'ultima parte dell'anno i processori Core M saranno costruiti con tecnologia produttiva a 14 nanometri e permetteranno di ottenere un netto contenimento dei consumi, pur con prestazioni incrementate

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Processori
Intel
 

Computex è importante evento anche per Intel, che ha nei giorni scorsi annunciato i processori della famiglia Devil's Canyon accanto al modello Pentium G3258 presentato per celebrare i 20 anni di questo brand. Durante il keynote introduttivo l'azienda ha rimarcato l'importanza del settore mobile per lo sviluppo di nuovi prodotti e tecnologie.

L'annuncio più interessante in questa direzione riguarda l'anticipazione di quella che sarà la prossima generazione di processori della famiglia Core a più basso consumo: Core M è il nome scelto per le CPU mobile della famiglia Broadwell, costruite per la prima volta utilizzando tecnologia produttiva a 14 nanometri.

Intel dichiara per queste soluzioni, nonché per i modelli Core M vPro destinati al segmento commercial, una riduzione del 60% del TDP rispetto alle proposte Haswell attualmente sul mercato, con un incremento delle prestazioni quantificato tra il 20% e il 40%, una riduzione del 50% dell'ingombro sul PCB oltre ad un calo tra il 10% e il 45% del consumo complessivo del SoC. Dati di questo tipo lasciano chiaramente immaginare come le soluzioni Core M permettano la costruzione di dispositivi mobile dallo spessore molto contenuto, capaci di elevata autonomia ma allo stesso tempo di valide prestazioni. Detto in altro modo un attacco diretto ad ARM, che con i propri prodotti punta da tempo sull'abbinamento tra dimensioni contenute e consumi limitati.

Jonney Shih, presidente nonché volto pubblico e figura carismatica di Asus, ha partecipato al keynote Intel mostrando Transformer Book T300 Chi: si tratta di un notebook 2-in-1 che vanta uno spessore estremamente contenuto ed è sprovvisto di sistema di raffreddamento attivo. Queste specifiche confermano come al suo interno vi sia una CPU Core M di futura generazione con TDP attorno ai 10 Watt quale massimo. Vedremo in commercio i primi sistemi basati su CPU Core M e architettura Broadwell nel corso dell'ultima parte dell'anno, in tempo per la stagione di vendite natalizia.

Non solo proposte della famiglia Core per i prodotti mobile da parte di Intel. Al Computex l'azienda americana ha anche fornito nuove informazioni su SoFIA, nome che identifica il SoC della famiglia Atom specificamente destinato a sistemi mobile. Troviamo in questa proposta un modem 3G affiancato alla componente CPU Atom, abbinamento che è orientato al mercato dei sistemi smartphone entry level e di fascia value nei quali Intel vuole guadagnare un proprio spazio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Raghnar-The coWolf-05 Giugno 2014, 10:25 #1
60% TDP in meno e 10% prestazioni in piu' rispetto ad Haswell?! O_o

Avremo quad core 8 thread con Iris Pro in 18W, e ottimi processori general purpose in 6W? o_O

Mi sembra un tantinello sparato...
PaulGuru05 Giugno 2014, 10:28 #2
Ed ecco che la nuova linea di AMD ancora non è uscita ed è già sorpassata.
Morghel7705 Giugno 2014, 10:36 #3
Si parla di cpu mobile confrontata con la vecchia cpu mobile, non centra nulla la versione desktop.
bonzoxxx05 Giugno 2014, 10:36 #4
Originariamente inviato da: PaulGuru
Ed ecco che la nuova linea di AMD ancora non è uscita ed è già sorpassata.


distrutta vorrai dire...
intel ha now-how e fondi per fare una mega CPU che scalda meno di un cerino, il guaio è che li farà pagare un colpo e una paralisi (ma quello è un problema relativo).

di certo sta spingendo a 2000 sul processo produttivo, cosa che AMD non fa: questo è un dato di fatto.
Cappej05 Giugno 2014, 10:38 #5
Intel, in periodi di crisi, sta tirando fuori soluzioni davvero valide...
Il segmento PC-fissi è in crisi?
Bene, invadono il mobile con un risorto Atom dai numeri convincenti che permette, con X86, di inserirsi sia in tablet che smartphone ANDROID-WIN8
Inoltre continuano a martellare con gli ultrabook settore se pur di nicchia, sempre crescente a discapito dei vecchi grossi e spessi notebook; Iris Pro non permetterà di fare numeri su Crisys, ma per tutto il resto è più che sufficiente compreso l'output video HDMI... e cmq non ricorrere a schede esterne per costi e consumi.
Intel win!

Imho
Rubberick05 Giugno 2014, 10:45 #6
si sta facendo molta confusione

i core M sono il sottosegmento dei portatili classici... quelli che potenziano generalmente i processori dei notebook da 15", i tablet sono su un altra linea..

i quad core in pratica.. purtroppo avremo aumenti di autonomie ma non sono stati annunciati octa o esa core su portatili quindi su portatili sempre massimo quad core.. che consumano meno si, da vedere con le configurazioni pronte e a che prezzi... temo salatissimi e inavvicinabili per il primo anno.. ma non esa/octa core fisici
Rubberick05 Giugno 2014, 11:23 #7
Originariamente inviato da: Cappej
Intel, in periodi di crisi, sta tirando fuori soluzioni davvero valide...
Il segmento PC-fissi è in crisi?
Bene, invadono il mobile con un risorto Atom dai numeri convincenti che permette, con X86, di inserirsi sia in tablet che smartphone ANDROID-WIN8
Inoltre continuano a martellare con gli ultrabook settore se pur di nicchia, sempre crescente a discapito dei vecchi grossi e spessi notebook; Iris Pro non permetterà di fare numeri su Crisys, ma per tutto il resto è più che sufficiente compreso l'output video HDMI... e cmq non ricorrere a schede esterne per costi e consumi.
Intel win!

Imho


se amd fosse concorrenziale per come stanno di r&d realmente in questo momento saremmo alla release dei 16 core fisici + ht sui proci mobile mid-range

per cui.. nn so se è una win :\

per loro sicuramente

per noi un pò meno
acerbo05 Giugno 2014, 11:24 #8
Core M non credo proprio sia una risposta ad ARM, al limite lo é SoFIA.
Comunque attendo implementazioni AIO interessanti a prezzi sempre piu' competitivi
qboy05 Giugno 2014, 11:42 #9
Originariamente inviato da: bonzoxxx
distrutta vorrai dire...
intel ha now-how e fondi per fare una mega CPU che scalda meno di un cerino, il guaio è che li farà pagare un colpo e una paralisi (ma quello è un problema relativo).

di certo sta spingendo a 2000 sul processo produttivo, cosa che AMD non fa: questo è un dato di fatto.


calabar05 Giugno 2014, 12:35 #10
Anche a me i numeri sembrano un po' esageratini se si tiene conto che l'architettura è la stessa e il processo produttivo si cambia, ma solo di "dimensione" (non c'è alcun passaggio come quello da planare a 3D avvenuto con i 22nm).

Per quanto riguarda la concorrenza, temo che fino a quando non verranno messi a punto i processi ad alte prestazioni a 16nm (non saprei dire se FD SOI sia ancora attuale come scelta per i 16 nm, o se verrà adottato il FinFET), la situazione rimarrà inevitabilmente quella attuale.

Comunque, al di la degli annunci, non resta che aspettare i test reali, così ci si potrà fare un'idea precisa di questi processori.
Certo, se dovessero rispettare le promesse, sarebbero una manna per ultrabook e subnotebook.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^