Approccio fabless per la futura AMD

Approccio fabless per la futura AMD

E' lo stesso Dirk Meyer a confermare il prossimo completamento della cessione delle fabbriche AMD ad un nuovo partner

di pubblicata il , alle 08:39 nel canale Processori
AMD
 

In occasione di un'intervista pubblicata su Fortune a questo indirizzo, il nuovo CEO di AMD Dirk Meyer ha direttamente confermato la prossima concretizzazione del proprio progetto "Assets Light", che prevede lo scorporo delle attività di produzione di AMD all'interno di un'altra azienda.

“We’re going to go away from a captive fab model to more of a fables model for the CPU part of the business. Longer-term, it relieves us of the burden of having to shell out cash for these gigantic factories. So it will be more of a pay-as-you-go model like a traditional fables semiconductor company.”

Meyer conferma quindi le indiscrezioni emerse nelle scorse settimane: AMD sta completando l'operazione di cessione delle proprie fabbriche produttive, così da potersi sgravare di tutti gli elevati costi fissi legati sia all'utilizzo di una fabbrica produttiva, sia al suo necessario e periodico rimodernamento richiesto per poter implementare le nuove tecnologie di produzione dei chip.

Restano ora da capire alcuni elementi pratici; in primo luogo le tempistiche dell'operazione, che potrebbe venir annunciata entro la fine dell'anno stando a precedenti dichiarazioni a tal riguardo fatte dal precedente CEO Hector Ruiz. In secondo luogo, quale sarà il partner che andrà ad acquistare le fabbriche produttive di AMD e a che prezzo: in questo caso si parla di un importante gruppo asiatico che già vanta una partecipazione di minoranza al capitale di AMD.

Da ultimo ma non meno interessante è capire quale sarà il tipo di rapporto che legherà AMD con la nuova azienda che diventerà proprietaria delle fabbriche produttive; si può pensare, banalizzando molto il discorso, che AMD stia da un lato vendendo le proprie fabbriche, dall'altra predisponendo una sorta di contratto di affitto con il nuovo proprietario per il loro utilizzo, di fatto almeno inizialmente in esclusiva. E' ovviamente ipotizzabile che la nuova proprietà sceglierà di utilizzare queste fabbriche produttive anche per partner tersi, ovviamente in funzione di quanto le linee di produzione verranno sfruttate da AMD con i propri prodotti.

E' inoltre interessante evidenziare come Dirk Meyer riconduca buona parte delle difficoltà incontrate da AMD in questi ultimi anni all'acquisizione della canadese ATI. In particolare, accanto a difficoltà tecnologiche e produttive interne in AMD si sono evidenziati nello stesso periodo problemi in prodotti sviluppati da ATI: la conseguenza è stata quella di una difficoltà generalizzata del produttore americano in tutti i segmenti di mercato, con l'aggravante di risultati eccellenti ottenuti nel periodo da tutti i principali concorrenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
angel11010 Settembre 2008, 08:45 #1
Mamma mia spero non sia l'inizio della fine!
Il più grande errore di Amd è stato comprare Ati a quel prezzo, non se la doveva comprare.
Altro errore è tenersi hector ruiz come dirigente.
cata8110 Settembre 2008, 08:49 #2
Spero che ora gli itellisti vedano l'inizio del loro (nostro) baratro e il caro vecchio ritorno ai proci castrati e i top di gamma a 999€/$
Ratatosk10 Settembre 2008, 08:54 #3
Stanno tutti andando verso la stessa direzione, ci sarà posto per 3-4 produttori di silicio nel mondo, gli altri saranno solo progettisti dello stesso...
Notturnia10 Settembre 2008, 08:55 #4
lo avevo pensato anche quando ho visto il primo articolo su AMD che si smebra e lo penso tutt'ora.. ma spero profondamente che AMD non stia per fallire..
za8710 Settembre 2008, 08:56 #5
Speriamo che sia un'operazione positiva e non un'altra fregatura...
Catan10 Settembre 2008, 09:03 #6
si ma oggettivamente ci hanno messo anche del loro e non possono dare la colpa solo all'acquisizione di ati.
l'acquisizione di ati è stata si sopravallutata a detta di tutti di almeno un 25%, diciamo che molti analisti indicavano come prezzo giusto i 4mld di dollari americani ed amd ha comprato a 5.4mld.
ma nsomma stiamo parlando di 1.4mld di dollari in piu, se contiamo la recente vendita a broadcom della sezione hdtv, per 0.2mld di dollari praticamente amd ha un buco di 1.2mld.
ora secondo me la crisi di amd non è tutta da implicare a questo buco di denaro speso in piu.
su parliamoci chiaro, sono entrati in un mercato vga senza averne le conoscenze, e hanno affossato una vga come la hd2900xt, con un ritardo di 6 mesi dalla commercializzazione prevista da ati. (e vorrei vedere quanti commenti negativi sulla hd2900xt uscita con 6 mesi di anticipo, che costava quanto la 8800gts 640mb e aveva prestazioni leggermente superiori).
poi hanno iniziato solo dopo 1 anno e mezzo a capire questo mercato e con la linea 4xx0 hanno iniziato a riprendersi.
mettiamoci anche il che il core business di amd è stato fallimentare, nonostante io abbia un phenom, il problema è che anche qui le tempistiche di lancio, i modi del lancio, il fatto di aver fatto uscire un prodotto beta praticamente hanno tagliato le gambe ad un ottimo prodotto che solo adesso con il b3 e il futuro daneb sta diventando competitivo.

il lato chipset, praticamente il vero motivo per cui amd ha comprato ati, per avere subito e pronta una divisione chipset all'altezza.
e poi fanno questo casino avedo un ottimo nb, tutta la serie 7 è ottima dal 770 al 790fx, o cmq superiore alla controparte nvidia presentata da amd come chipset, e poi fanno un casino con il sb, prima il 700, poi il 750, il tutto per dare un ulteriore spintarella al phenom.

cioè un azienda con progetti validi e gia avviati ,anche se accusa il colpo di un investiamento sbagliato da 1.2mld di dollari di buco, sicuramente lo accusa, ma ha una lineup di prodotti per risollevarsi subito, e sopratuttoha un reparto marcheting come dio comanda, invece anche questo è calato.

adesso sono costretti a vendere le fab, forse anche quella in costruzione a new york, praticamente alla fine, stanno seguiendo il modelli business dell'azienda che hanno comprato.

alla fine sembra piu che ati abbia comprato amd che non il contrario.
M4R1|<10 Settembre 2008, 09:08 #7
questa è proprio brutta!
concordo con quello che ha detto il CEO di AMD, cioè che una buona parte dei problemi che hanno avuto deriva dalle tecnologie ATI, ad esempio R600 (architettura futuristica con prestazioni pietose), oppure alcuni SB (SB600), ecc...

quella di vendere le fabbriche per poi affittarsele cmq mi pare abbastanza brutta, spero di sbagliarmi ma nn credo che AMD andrà avanti molto....
degac10 Settembre 2008, 09:10 #8
Non 'svendono' le fabbriche: l'idea è quella di creare 2 aziende - una dedicata alla produzion, l'altra alla progettazione.
La prima potrà - in caso qualcosa vada storto - produrre anche per conto terzi (quindi sarà quasi un concorrente di TMSC...)
La secondo invece sarà più o meno come è stata ATI (ed in parte AMD) e come altre società (Nvidia?): una società che 'crea' chip sulla carta e poi li fa produrre da altri.

Vorrei far notare che le GPU (se non erro) sono già prodotte all'esterno da TMSC, e se non erro anche alcune CPU.

Una scelta corretta in un momento di crisi finanziaria (ed economica): anche AMD avesse 10 fab bisogna sempre usarle al 100%; se le proprie CPU/GPU non sono le preferite dal mercato l'investimento diventa inutile, ed è quindi meglio operare una strategia differente.

Se poi a questo aggiungiamo il fatto che lo scorporo porterà via un pò di debiti (o comunque li spartirà su 2 aziende diverse) si accontentano anche gli investitori.

Insomma è come avere una scuderia con 2 cavalli anzichè 1 solo.
Mparlav10 Settembre 2008, 09:18 #9
Sarà importante definire le modalità di appalto della produzione di cpu al partner che acquisirà le Fabs.
Secondo il contratto di licenza x86 con Intel (del 2001 validità 10 anni), la maggior parte delle cpu devono essere autoprodotte, o prodotte da una società di cui Amd abbia il totale controllo, pena decadimento della licenza (vale anche per Intel)

Il punto focale è questo.
Sig. Stroboscopico10 Settembre 2008, 09:18 #10
Quelli dell'ATI sono stati proprio dei farabutti, ci tenevano proprio alla loro azienda e ai loro dipendenti, bah!

Saranno contenti gli Intel fanboy, Intel ha di nuovo il monopolio del mercato e dell'evoluzione e non avrà problemi con l'antitrust.

Grazi a tutti quelli che erano sicurissimi che i chip AMD costavano meno perchè duravano meno (la madre degli stupidi è sempre incinta...)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^