48 core in un singolo chip x86 per il futuro di Intel

48 core in un singolo chip x86 per il futuro di Intel

Intel mostra un nuovo prototipo frutto delle ricerche Tera-Scale: 48 core integrati capaci di gestire codice x86, per applicazioni cloud computing

di pubblicata il , alle 10:22 nel canale Processori
Intel
 

Intel ha dimostrato pubblicamente, nella giornata di ieri, la propria prima architettura che integra al proprio interno un totale di 48 core. Il progetto è stato sviluppato dal gruppo di ricerca Tera-Scale interno a Intel, responsabile dello sviluppo di future architetture che abbinino un elevato numero di core in un singolo chip sfruttando la possibilità di parallelizzare il codice da eseguire.

terascale_48core.jpg (37584 bytes)

Il nuovo chip, a tutti gli effetti un SCC o Single-Chip Cloud Computing così come indicato dal produttore americano, integra al proprio interno il memory controller, un nuovo bus di interconnessione oltre ovviamente ai 48 core. L'architetura interna prevede 24 titles, che possiamo considerare di fatto come dei processori dual core separati, collegati tra di loro da una mesh 2D capace di una bandwidth massima di 256 Gbytes al secondo di picco. L'interfaccia memoria integrata prevede 4 memory controller DDR3, con i quali gestire un massimo di 64 Gbytes di memoria di sistema.

Una delle caratteristiche tecniche peculiari di questa soluzione è data dalla possibilità data all'applicazione di gestire dinamicamente il numero di core istante per istante, configurandone la frequenza di clock in funzione del livello di consumo fissato come limite e del livello prestazionale che vuole essere ottenuto. E' evidente come la strategia di Intel sia quella, in futuro, di mettere a disposizione architetture multicore che siano quanto più possibile spinte verso una elevata interazione tra parte hardware e componente software, con quest'ultima che controlla la prima ad un maggior livello di dettaglio rispetto a quanto disponibile al momento.

Questo chip rappresenta l'evoluzione di un primo progetto di architettura multicore sviluppato da Intel, reso disponbile da Intel Labs nel 2007: il nome in codice di quella soluzione, dotata di 80 core e appartenente alla famiglia delle soluzioni Tera-Scale, era Polaris. A differenza di quella prima architettura della famiglia Tera-Scale, la nuova proposta è pienamente compatibile con codice x86 e quindi in grado di eseguire lo stesso tipo di codice degli altri processori Intel in commercio.

E' evidente, considerando numero di core e dimensione complessiva del chip, come la potenza elaborativa di ognuno di questi core sia ridotta. Prendendo quale riferimento l'attuale serie di processori Intel la potenza di elaborazione di un singolo core è più riconducibile a quella delle cpu della famiglia Atom rispetto alle cpu basate su architettura Nehalem.

Il vero beneficio prestazionale di un'architettura di questo tipo è quello di mettere a disposizione un elevato numero di core che possono operare con valori di consumo che a pieno carico arrivano ad un massimo di 125 Watt, scendendo attorno alla soglia di 25 Watt in idle. Ogni tile integrata nel chip può operare ad una differente frequenza rispetto alle altre, con 28 differenti livelli; ogni gruppo di 4 tiles può operare con una tensione di alimentazione specifica, selezionabile in un intervallo di 8 valori.

Intel ha reso disponibile un video registrato con lo staff del proprio Intel Labs, che mostra il dietro le quinte dello sviluppo del chip SCC a 48 core.

Intel ha annunciato di voler proporre 100 di questi chip a propri partner, affinché ne possano esplorare le funzionalità tecniche implementate e sviluppare software che possano beneficiare della presenza di un così elevato numero di core in un singolo chip. Con architetture multicore così spinte è proprio la possibilità di avere software ottimizzato per l'esecuzione fortemente parallela a rappresentare il principale ostacolo, soprattutto considerando quante applicazioni siano ancora per loro natura single threaded, cioè di sfruttare solo un core per volta.

Quando vedremo architetture di questo tipo sul mercato? Non prima di vari anni: quanto mostrato è infatti un prototipo, sicuramente più affinato della prima architettura Tera-Scale a 80 core mostrata alcuni anni fa, ma che necessita ancora di vari affinamenti prima di poter venir proposta per utilizzi in sistemi server disponibili sul mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Galeots03 Dicembre 2009, 10:32 #1
48 Core cosi vista si apre in un ms
roccia123403 Dicembre 2009, 10:36 #2
Originariamente inviato da: Galeots
48 Core cosi vista si apre in un ms


Puoi mettere anche 2000 core, ma se l'hard disk è un vecchio maxtor da 80 gb ora che vista si apre diventi vecchio. Piuttosto un bel ssd farebbe al caso tuo
fpg_8703 Dicembre 2009, 10:36 #3
bah... penso che l'unica cosa interessante sian la gestione energetica tra voltaggi e frequenza... Lambree ha + core, ed anch'esso supporta le istruzioni x86...
lowenz03 Dicembre 2009, 10:38 #4
C'è sempre la legge di Amdahl a porre un limite

http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_Amdahl
Simedan198503 Dicembre 2009, 10:40 #5
Cmq Intel la vedo proprio bene ,ha i soldi e investe e investe sullo sviluppo ,diciamo che nn si culla.....ecco perche poi ha un vantaggio di 2Ghz(virtuali) su amd a pari frequenza.
Severnaya03 Dicembre 2009, 10:44 #6
nn apriamo dibattiti in merito plz
lowenz03 Dicembre 2009, 10:48 #7
2 Ghz mi pare un po' troppo , anche perchè l'HT non permette un incremento onnipresente
Dany16vTurbo03 Dicembre 2009, 10:49 #8
Sarò cieco ma la ventola sul dissipatore non ha nessuna utilità?
shaka44403 Dicembre 2009, 11:18 #9
Visto che ancora nessuno l'ha detto

Chissà come girerà crysis ^^
SwatMaster03 Dicembre 2009, 11:42 #10
Originariamente inviato da: Simedan1985
Cmq Intel la vedo proprio bene ,ha i soldi e investe e investe sullo sviluppo ,diciamo che nn si culla.....ecco perche poi ha un vantaggio di 2Ghz(virtuali) su amd a pari frequenza.


Se, come no.
Questo non è nemmeno fanboysmo, ma ignoranza. -_-

Originariamente inviato da: shaka444
Visto che ancora nessuno l'ha detto

Chissà come girerà crysis ^^


Di merda, missà, dato che Crysis è parallelizzabile come mia nonna.
...Poi ti voglio vedere senza vga, lol.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^