10 nanometri, modem e mercato: il CEO di Intel spiega presente e futuro dell'azienda

10 nanometri, modem e mercato: il CEO di Intel spiega presente e futuro dell'azienda

Bob Swan, CEO dell'azienda, spiega le cause dei problemi di produzione insufficiente che hanno caratterizzato l'attività di Intel nel corso degli ultimi 12 mesi. Cambio di prospettiva per il futuro: non solo processori ma componenti di silicio

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Processori
Intel
 

Durante una presentazione tenuta all'annuale technology conference del credit Suisse, il CEO di Intel Bob Swan ha fornito un interessante riepilogo di quelle che sono le dinamiche che hanno caratterizzato l'attività operativa dell'azienda nel corso dell'ultimo periodo.

La nota più interessante riguarda il cambio di mentalità che vuole introdurre all'interno dell'azienda: Intel non si deve vedere più come l'azienda capace di ottenere una quota di mercato del 90% nel settore dei processori, ma quella che aspira alla quota del 30% nel mercato dei componenti di silicio nel suo complesso.

Si tratta di un settore che al momento attuale vanta un TAM (total addressable market) cioè un mercato totale di circa 230 miliardi di dollari quale controvalore. Nel corso dei prossimi 4 anni tale dato aumenterà sino a circa 300 miliardi di dollari ed è verso questo che Intel deve puntare la propria attenzione.

Secondo Swan questo cambio di mentalità permetterà ad Intel di evirare il rischio di perdere dei trend tecnologici così come avvenuto nel corso degli ultimi anni. Basti pensare al mondo dei SoC per dispositivi mobile, settore nel quale Intel è giunta in ritardo rispetto ai concorrenti e non è stata capace di guadagnare quote di mercato significative sino a decidere alla fine di uscirne del tutto.

Permangono le difficoltà nella produzione a 10 nanometri ben note: questo processo è utilizzato al momento per alcuni dei processor notebook dell'azienda americana, relegando la maggior parte delle altre CPU in vendita alla tecnologia produttiva a 14 nanometri. La conseguenza diretta è l'incapacità attuale di Intel di poter adattare la produzione in modo flessibile rta i vari nodi produttivi, con la conseguenza dei ben noti shortage di CPU che hanno caratterizzato il mercato degli ultimi 12 mesi.

Lo shortage dei processori viene giustificato da 3 distinti fenomeni verificatisi assieme: una domanda di mercato superiore alle previsioni, con una stima iniziale del +10% che si è invece concretizzata in un +21%; le difficoltà produttive a 10 nanometri e la scelta di produrre all'interno i modem per smartphone con un impatto sulla capacità produttiva complessiva.

Swan ha inoltre confermato come il primo processore Intel costruito con tecnologia produttiva a 7 nanometri debutterà nel corso del quarto trimestre del 2021. Tale tecnologia sarà seguita da quella a 5 nanometri, per la quale il debutto è posizionato indicativamente nella seconda metà del 2024. Ricordiamo come la tecnologia produttiva di Intel a 7 nanometri corrisponda indicativamente a quella a 5 nanometri della taiwanese TSMC; allo stesso modo il processo a 5nm di Intel corrisponde a quello a 3nm di TSMC.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Est®emo09 Dicembre 2019, 14:25 #1
In che senso? Potreste fornire dettagli riguardo questa frase?
“ Ricordiamo come la tecnologia produttiva di Intel a 7 nanometri corrisponda indicativamente a quella a 5 nanometri della taiwanese TSMC; allo stesso modo il processo a 5nm di Intel corrisponde a quello a 3nm di TSMC.”
coschizza09 Dicembre 2019, 14:28 #2
Originariamente inviato da: Est®
In che senso? Potreste fornire dettagli riguardo questa frase?
“ Ricordiamo come la tecnologia produttiva di Intel a 7 nanometri corrisponda indicativamente a quella a 5 nanometri della taiwanese TSMC; allo stesso modo il processo a 5nm di Intel corrisponde a quello a 3nm di TSMC.”


la litografia intel è sempre stata nettamente superiore alla concorrenza e il singolo numero dei nm non basta. é per questo che intel ha avuto problemi con i suoi 10nm perche come erano nati erano anni avanti (troppi) alla concorrenza e avevano caratteristiche simili ai 7nm attuali dei concorrenti diretti.
omerook09 Dicembre 2019, 14:34 #3
Se i 7nm equivalgono i 5nm i 10nm di Intel corrispondono ai 7nm di AMD? Peccato che ai nuovi ryzen a 32core non glielo hanno detto e ciononostante frullano di brutto
phmk09 Dicembre 2019, 14:36 #4

Lo shortage Intel ??

Io lo vedo solo sugli AMD, dal 3900x in su ...
pipperon09 Dicembre 2019, 14:45 #5
Originariamente inviato da: omerook
Se i 7nm equivalgono i 5nm i 10nm di Intel corrispondono ai 7nm di AMD? Peccato che ai nuovi ryzen a 32core non glielo hanno detto e ciononostante frullano di brutto


perche AMD e' sempre stata efficace. Quando facevano i nanomeri molto piu' arretrati (circa la meta') erano comunque paragonabili per quanto inferiori.
Oggi con uno stampaggio simile manifestano il vantaggio acquisito a fare processori che subivano una FAB inferiore.

Comunque ha un senso importante l'intervista.

Per mantenere all'angolo AMD, che in molti settori comunque era conveniente anche nei momenti piu' bui, hanno speso cifre enormi e ridicole.
Cifre che sono state sottratte a vari mercati, come il mercato mobile (ricordiamo xscale), lasciando il campo libero a tutta una serie di attori che li hanno piallati come qualcomm&soci.

La risposta di intel, forte del suo 90% conquistato in tutte le maniere possibili, spese volte non certo tecniche, e costose era di usare gli x86 anche sui settori non certo idonei.

Per un po e' andata anche bene, fin troppo direi, ma quando il salto prestazionale e' GRANDE puoi regalarlo quel chip (cosa fatta) ma alla fine non conviene.
La grande intel si e' ritrovata ad essere solo uno dei player.
Certamente e' un player (sicuramente capace) che vinceva nella fascia remunerata bene dove non esisteva concorrenza e vendeva un chipettino a 1000E come ridere con ricarichi spaventosi.

Pero' e' bastato che UN player tornasse ad avere credibilita' (la capacita' in alcuni settori e' sempre stata superiore, la tecnica non ci azzecca con le vendite consumer) che la possibilita' di vendere un chip al triplo del valore di mercato odierno in quantita' milionarie e' svanita all'improvviso.

Questo ha fatto sicuramente pensare che potrebbero giungere altri player allenati in altri ambienti e forse e' il caso di metttere il naso fuori dal giardinetto.

se fara' seguire le azioni alle parole, vista la dimensione e capacita' dell'azienda, in molti la fuori dovrebbero preoccuparsi.
Intel non e' certo una cicciabubbole qualsiasi.
Cappej09 Dicembre 2019, 15:04 #6
mi sono perso un dettaglio

Produrre i modem all'interno dei processori...

Ma si intende di desktop-notebook o dei SOC Atom andati a farsi friggere?

non è chiaro..
Pkarer09 Dicembre 2019, 15:07 #7

Siamo messi maluccio qua...

Siamo messi maluccio qua...

"...Swan ha inoltre confermato come il primo processore Intel costruito con tecnologia produttiva a 7 nanometri debutterà nel corso del quarto trimestre del 2021..."

...e che stitico sto 10nm...
Cfranco09 Dicembre 2019, 15:14 #8
Originariamente inviato da: Est®
In che senso? Potreste fornire dettagli riguardo questa frase?
“ Ricordiamo come la tecnologia produttiva di Intel a 7 nanometri corrisponda indicativamente a quella a 5 nanometri della taiwanese TSMC; allo stesso modo il processo a 5nm di Intel corrisponde a quello a 3nm di TSMC.”


Perché i nm sono misure fatte in modo differente tra i vari produttori e ormai sono diventati come il contrasto dinamico delle TV, solo numeri messi a caso per farsi pubblicità a chi ce l' ha più piccolo.
https://www.techcenturion.com/7nm-10nm-14nm-fabrication
Link ad immagine (click per visualizzarla)
Come si vede il 10nm Intel è più denso del 7nm TSMC ( peccato solo che le rese facciano schifo, ma questo è un altro discorso )
Mparlav09 Dicembre 2019, 15:23 #9
In realtà TSMC non parla quasi piu di nanometri, ma sigle di processo, identificate come N7, N7+,N6, N5 ed N3, con cadenze di debutto annuali, fin'ora rispettate.
Lithios09 Dicembre 2019, 15:57 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
In realtà TSMC non parla quasi piu di nanometri, ma sigle di processo, identificate come N7, N7+,N6, N5 ed N3, con cadenze di debutto annuali, fin'ora rispettate.


N6? Mi manca.... al momento ho letto di un passaggio da N7+ nel 2020 direttamente ad N5 nel 2021 ed N3 nel Q4 2022 (presumibile 2023 IMHO)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^