5nm nel 2020, 3nm nel 2022: questa la roadmap dei chip costruiti da TSMC

5nm nel 2020, 3nm nel 2022: questa la roadmap dei chip costruiti da TSMC

TSMC conferma di essere a buon punto con la tecnologia produttiva a 5 nanometri, che debutterà nel corso della seconda metà del 2020. A seguire, dal 2022, ci sarà il passaggio al più sofisticato processo a 3 nanometri

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Processori
TSMCAppleiPhoneAMDRyZen
 

TSMC è azienda taiwanese alla quale si deve la produzione, per conto terzi, di un gran numero di processori e SoC che ritroviamo in dispositivi mobile e personal computer in commercio quest'oggi. Basti pensare che con la propria tecnologia produttiva a 7 nanometri TSMC fornisce soluzioni come quelle che sono integrate negli smartphone iPhone di Apple, oppure i processori AMD Ryzen passando poi per un gran numero di soluzioni per device mobile basate su architettura ARM.

L'azienda taiwanese è al lavoro per definire la prossima generazione di tecnologia produttiva, quella basata su processo a 5 nanometri. Informazioni pubblicate dal sito China Times confermano i buoni risultati che TSMC starebbe ottenendo già ora con questa nuova tecnologia: circa il 50% dei chip ottenuti da questo tipo di wafer sarebbe infatti perfettamente funzionante, con la restante parte dotata di difetti che però non pregiudicherebbe l'utilizzo di tutti i wafer per versioni meno complesse dei chip.

Questa tecnologia produttiva dovrebbe essere utilizzata per la prossima generazione di SoC sviluppati da Apple e Huawei (HiSilicon), attesi al debutto nel corso dell'autunno 2020. Non solo: a 5 nanometri saranno costruiti anche i processori AMD basati su architettura Zen 4, appartenenti alle famiglie Ryzen e EPYC, attesi in commercio a partire dal 2021.

La nuova tecnologia produttiva a 5 nanometri permette a TSMC di offrire prodotti caratterizzati da una densità di transistor pari a 1,8 volte quella del processo a 7 nanometri. Questo è abbinato ad un aumento di circa il 15% della frequenza di clock a parità di consumo, o ad una riduzione del 30% del consumo a parità di frequenza di clock.

La logica conseguenza di tutto questo è che il processo produttivo a 5 nanometri permetterà di ottenere chip che integreranno un maggior numero di transistor a parità di superficie complessiva, in grado di offrire superiore frequenza di clock e quindi prestazioni a parità di consumi oppure di diminuire questi ultimi senza ridurre la frequenza.

A seguire TSMC è intenzionata a passare alla tecnologia produttiva a 3 nanometri, per la quale viene indicato da Digitimes un tempo di debutto sul mercato nell'anno 2022 stando a quanto anticipato da un portavoce dell'azienda. Un arco di tempo di circa 2 anni quindi separerà la produzione in volumi con tecnologia a 5 nanometri da quella a 3 nanometri: quest'ultima arriverà, se le tempistiche saranno rispettate, circa 1 anno prima di quanto inizialmente preventivato dall'azienda.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
McRooster2309 Dicembre 2019, 14:29 #1
E poi? Dal 2022 finisce per sempre la miniaturizzazione o hanno trovato il modo per andare sotto il nanometro come unità di misura?
giuliop09 Dicembre 2019, 14:47 #2
Originariamente inviato da: McRooster23
E poi? Dal 2022 finisce per sempre la miniaturizzazione o hanno trovato il modo per andare sotto il nanometro come unità di misura?


"Dai tempo al tempo"
Lithios09 Dicembre 2019, 15:12 #3
Sarebbe il caso di iniziare a parlare di picometri invece che nanometri.

L'attuale unità di misura, oltre ad essere poco indicativa dei progressi (sembra poco passare da 5 a 3 nm, invece stiamo parlando di una miniaturizzazione del 40%!!!), è anche poco precisa:

cosa vorranno dire con 3nm? 3000 pm o 3900 pm? Ci sta una bella differenza di ben il 30% in più della dimensione, ma entrambe possono essere "troncate" con un generico "3 nm".
chris19009 Dicembre 2019, 15:14 #4
@McRooster23

Non ti preoccupare, dopo il 3 arriva il 2 dopo addiruttura l'uno, guarda qua che roba!

https://www.hdblog.it/2019/06/18/ts...luppo-nodo-2nm/
https://www.ilsoftware.it/articoli....m-e-fatto_14482
voodooFX09 Dicembre 2019, 16:38 #5
Originariamente inviato da: Lithios
Sarebbe il caso di iniziare a parlare di picometri invece che nanometri.

L'attuale unità di misura, oltre ad essere poco indicativa dei progressi (sembra poco passare da 5 a 3 nm, invece stiamo parlando di una miniaturizzazione del 40%!!!), è anche poco precisa:

cosa vorranno dire con 3nm? 3000 pm o 3900 pm? Ci sta una bella differenza di ben il 30% in più della dimensione, ma entrambe possono essere "troncate" con un generico "3 nm".


da 3490 pm non si arrotonda a 4nm?
chaosblade09 Dicembre 2019, 17:39 #6
Poi arriva la legge delle emorroidi a decretare la fine
Lithios09 Dicembre 2019, 17:54 #7
Originariamente inviato da: voodooFX
da 3490 pm non si arrotonda a 4nm?


eheh... dipende quanto vuoi essere paracu... ehm... volevo dire da che arrotondamento fai
tuttodigitale09 Dicembre 2019, 18:14 #8
Originariamente inviato da: Lithios
Sarebbe il caso di iniziare a parlare di picometri invece che nanometri.

L'attuale unità di misura, oltre ad essere poco indicativa dei progressi (sembra poco passare da 5 a 3 nm, invece stiamo parlando di una miniaturizzazione del 40%!!!), è anche poco precisa:

cosa vorranno dire con 3nm? 3000 pm o 3900 pm? Ci sta una bella differenza di ben il 30% in più della dimensione, ma entrambe possono essere "troncate" con un generico "3 nm".

il problema delle troncature/approssimazioni è inesistente ...
10/7/5/3 nm, dove nm sta per nUMBER for mARKETING
calabar09 Dicembre 2019, 18:38 #9
esatto, ormai sono solo nomi commerciali, hanno poco a che vedere con le reali dimensioni dei transistor.

Piuttosto, con una densità quasi doppia e rese del 50% comincerebbe ad essere già interessante per la produzione vera e propria: da un wafer a 5nm tireresti fuori più o meno lo stesso numero di chip funzionanti di uno a 7nm, ma con i vantaggi legati a frequenze e consumi. Certo, te li farebbero comunque pagare di più.
Ultravincent10 Dicembre 2019, 03:46 #10
Incredibile.. un atomo di silicio e' 0.11 nm... Quanto riusciranno a spingersi?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^