Una Mela morsicata sulle automobili dal 2020?

Una Mela morsicata sulle automobili dal 2020?

La Mela nel mercato delle automobili elettriche? Numerose indiscrezioni insistono in questa direzione, ma la prospettiva sembra un po' troppo azzardata. Ma un team dedicato sembra essere già pronto a Cupertino

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Apple
Apple
 

Numerose sono le voci di corridoio, le speculazioni e le indiscrezioni che circolano in questi giorni riguardanti il possibile ingresso di Apple, in un futuro più o meno prossimo, nel mercato delle automobili elettriche. Oltre alle informazioni, da prendere comunque con le pinze, già circolate la scorsa settimana e delle quali abbiamo parlato in questa notizia, ve ne sono ora altre per molti versi molto più "estreme".

In particolare secondo Bloomberg, la Mela potrebbe aver messo insieme un team di qualche centinaio di persone per spingere la progettazione di un veicolo elettrico così che sia possibile entrare in fase di produzione per il 2020. La finestra temporale (i produttori di automobili investono dai cinque ai sette anni per lo sviluppo di un'auto) sottolineerebbero l'ambizione di arrivare a battagliare sul mercato con Tesla e General Motors, le quali avrebbero intenzione di rilasciare per il 2017 un'automobile elettrica con un'autonomia di oltre 300km per singola carica ad un costo inferiore i 40 mila dollari.

D'altra parte proprio il successo di Tesla, di fatto una startup nata nel 2003, ha dimostrato come le barriere di ingresso nel settore automobilistico siano meno difficili da superare rispetto a quanto si potesse pensare, forse solleticando l'interesse di altre realtà tipicamente estranee al settore. Anche Google, come è ben noto da tempo, sta sviluppando il proprio progetto per l'automobile a guida autonoma con investimenti considerevoli di tempo e risorse.

Voci che però hanno generato una reazione piuttosto scettica, se non addirittura canzonatoria, da parte di Dan Akerson, ex-CEO di General Motors. Akerson ha dichiarato "Credo che qualcuno qui stia sputando una palla di pelo (espressione idiomatica traducibile con "la stia sparando grossa"). Se fossi un azionista Apple non sarei molto contento, avrei molti dubbi sulle prospettive a lungo termine dell'entrare in un mercato a basso margine e ad alta produzione. Apple dovrebbe pensare attentamente se vuole lanciarsi nella produzione pesante. Qui si prende acciaio grezzo e lo si trasforma in un'auto. Non hanno idea di cosa voglia dire entrare in questo".

In realtà le voci su Apple e Tesla hanno assunto tutt'altre sfumature nei giorni scorsi. Tutto nasce da una elaborazione (invero piuttosto azzardata) dell'imprenditore e venture capitalist Jason Calacanis, il quale sostiene che la Mela potrebbe acquisire Tesla nel futuro immediato. Calacanis in particolare elabora uno scenario in cui, entro 18 mesi, il gigante di Cupertino potrebbe lanciare un'offerta di 75 miliardi di dollari per portarsi in casa l'azienda di Elon Musk. Seppur le osservazioni di Calacanis possano essere in parte condivisibili, la probabilità che Apple si lanci in un'operazione di questo tipo è in realtà piuttosto bassa.

Se si osserva il modus operandi di Apple, in tema di acquisizioni, si può verificare come l'azienda difficilmente si spinga oltre operazioni del valore di 500 milioni di dollari (se si esclude la significativa eccezione di Beats, con un esborso di 3 miliardi di dollari): questa filosofia permette infatti ad Apple di non dover assorbire eccessivi oneri anche in termini di beni immateriali, il che consente di esporre la compagnia a minori rischi nel caso l'operazione di acquisizione non dovesse funzionare come sperato.

Una singola acquisizione di 75 miliardi di dollari (che tra l'altro rappresenterebbe un valore triplo dell'attuale capitalizzazione di mercato di Tesla a circa 25 miliardi di dollari) getterebbe immediatamente dalla finestra anni di disciplina finanziaria, esponendo inoltre la Mela a rischi considerevoli. Le operazioni di Tesla, inoltre, sono molto capital-intensive dato che produce direttamente veicoli e questo contrasta con la filosofia della Mela di affidarsi a numerosi produttori contrattisti.

In ogni caso pare che un team al lavoro su un progetto automobilistico (che potrebbe semplicemente riguardare uno sviluppo avanzato di Apple CarPlay) sia stato effettivamente formato a Cupertino, con numerosi dipendenti interni provenienti da altre divisioni e con un discreto numero di nuove assunzioni con figure pescate proprio da ambienti del settore automotive. Il sito 9to5mac ha pubblicato un interessante approfondimento a tal proposito.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

91 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
roccia123421 Febbraio 2015, 11:10 #1
Già vedo delle equivalenti-matiz a 40k €

E la gente che le compra
airis21 Febbraio 2015, 11:27 #2
Auto elettriche Apple
tutte rigorosamente con batteria non sostituibile
Notturnia21 Febbraio 2015, 11:42 #3
fra il dire ed il fare.. ma ad ogni modo anche Google lo sta facendo per cui perché apple non dovrebbe.. le tesla costano un botto e hanno fatto scuola.. fra 3 anni tesla uscirà con una "serie 3 equivalente" da meno di 50 mila dollari.. quindi se dal 2020 Apple vorrà avere la sua auto elettrica non sarà una matiz-elettrica da 40 mila

la batteria non sostituibile sarebbe l'ultimo dei problemi se fra 5 ani le batterie durassero 6 anni visto che la maggior parte della gente nel mondo non tiene una vettura più di 3 anni..

ad ogni modo + competitors = + velocità nel trovare vetture che possano veramente sostituire quelle a combustibile fossile

io sto aspettando con ansia il 2018 per vedere le prime plug-in hybrid di certe case automobilistiche per vedere di fare il passaggio..

è un settore che cambia lentamente.. forse Google ed apple potrebbero vivacizzarlo
htpci21 Febbraio 2015, 12:02 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
fra il dire ed il fare.. ma ad ogni modo anche Google lo sta facendo per cui perché apple non dovrebbe.. le tesla costano un botto e hanno fatto scuola.. fra 3 anni tesla uscirà con una "serie 3 equivalente" da meno di 50 mila dollari.. quindi se dal 2020 Apple vorrà avere la sua auto elettrica non sarà una matiz-elettrica da 40 mila

la batteria non sostituibile sarebbe l'ultimo dei problemi se fra 5 ani le batterie durassero 6 anni visto che la maggior parte della gente nel mondo non tiene una vettura più di 3 anni..

ad ogni modo + competitors = + velocità nel trovare vetture che possano veramente sostituire quelle a combustibile fossile

io sto aspettando con ansia il 2018 per vedere le prime plug-in hybrid di certe case automobilistiche per vedere di fare il passaggio..

è un settore che cambia lentamente.. forse Google ed apple potrebbero vivacizzarlo


giusto. ma non e' un mondo che si muove lentamente, viene mosso lentamente, e' questo il problema.
anche io credo nell'elettrico, basta con questi motori rumorosi,puzzolenti,costosi e inquinanti.
calabar21 Febbraio 2015, 12:37 #5
A mio parere non vedremo una grande diffusione prima dell'arrivo dei supercapacitori. Basandosi su principi fisici si caricano e scaricano molto più velocemente e non si deteriorano nel tempo come le attuali batterie chimiche.
Oggi le batterie costano quanto metà dell'auto e devi cambiarle ogni 4 anni. Roba per ricchi, secondo me.
A queste condizioni, e con i prezzi attuali, è normale che queste auto non si diffondano.

Originariamente inviato da: Notturnia
la batteria non sostituibile sarebbe l'ultimo dei problemi se fra 5 ani le batterie durassero 6 anni visto che la maggior parte della gente nel mondo non tiene una vettura più di 3 anni..

Mi sembra una stima un po' bassa. Secondo me l'utente medio arriva facilmente a tenere l'auto per una decina d'anni.
Ci sono poi i casi particolari, come chi la usura più di altri, chi ha convenienza a cambiarla e chi è appassionato. Ma sono una minoranza.


PS: io la iCar me la immagino così: click!
stecco22221 Febbraio 2015, 12:42 #6
Se la apple si mette sulle cose, le fa per bene!
Vedi quei bellisimi "aiwatch" (o come si chiamano)... bellissimi, il top del designe e della funzionalità.... a detta loro!
GmG21 Febbraio 2015, 12:55 #7
Originariamente inviato da: Notturnia
fra il dire ed il fare.. ma ad ogni modo anche Google lo sta facendo per cui perché apple non dovrebbe.. le tesla costano un botto e hanno fatto scuola.. fra 3 anni tesla uscirà con una "serie 3 equivalente" da meno di 50 mila dollari.. quindi se dal 2020 Apple vorrà avere la sua auto elettrica non sarà una matiz-elettrica da 40 mila

la batteria non sostituibile sarebbe l'ultimo dei problemi se fra 5 ani le batterie durassero 6 anni visto che la maggior parte della gente nel mondo non tiene una vettura più di 3 anni..

ad ogni modo + competitors = + velocità nel trovare vetture che possano veramente sostituire quelle a combustibile fossile

io sto aspettando con ansia il 2018 per vedere le prime plug-in hybrid di certe case automobilistiche per vedere di fare il passaggio..

è un settore che cambia lentamente.. forse Google ed apple potrebbero vivacizzarlo


La vita media delle auto in USA è di 11.4 anni
In Italia di 8 anni e 10 mesi.
acerbo21 Febbraio 2015, 13:17 #8
Originariamente inviato da: roccia1234
Già vedo delle equivalenti-matiz a 40k €

E la gente che le compra


Quindi stai dicendo che un iphone é come un wiko venduto a 700 euro?

Originariamente inviato da: airis
Auto elettriche Apple
tutte rigorosamente con batteria non sostituibile


Certo perché le auto elettriche ed ibride che si vendono oggi hanno la batteria sostituibile vero? Dove la compri da norauto o su ebay?

Comunque questa piu' che una notizia é una idiozia inventata di sana pianta
marchigiano21 Febbraio 2015, 13:31 #9
Originariamente inviato da: Notturnia
la batteria non sostituibile sarebbe l'ultimo dei problemi se fra 5 ani le batterie durassero 6 anni visto che la maggior parte della gente nel mondo non tiene una vettura più di 3 anni..


se io compro un auto vecchia di 6 anni, se non ha particolari difetti basta che ci metto benzina e va come nuova, quindi posso pagarla un certo valore

se l'auto ha le batterie esauste e per cambiarle devo andare al centro apple e spendere 10k, quanto posso valutare l'auto secondo te?
Half shadow21 Febbraio 2015, 13:32 #10
la cosa che più mi spaventa è pensare che come è riuscita a rivoluzionare il mercato dei cellulari facendo lievitare i costi anche della concorrenza temo riesca a farlo anche con le automobili. In ogni caso anch'io sono un ecologista, ma 50.000 per una macchina lo trovo eccessivo, oltretutto con batteria non sostituibile. Vorrei che un'auto decente costasse massimo 20.000 euro (e sono già tantissimi considerando quanto costavano nel 2000) e che la batteria fosse sostituibile con una spesa massima di 1000 euro e non la solita solfa consumistica che va di moda che porta a dire "Faccio prima a comprarlo nuovo" lo sapete quanti rifiuti tecnologici nel terzo mondo perché tutto si rompe subito e conviene di più comprarlo nuovo? È una tragedia, bisogna essere cologisti a 360 gradi IMHO. E punterei anche sulle macchine "girevoli" ovvero che girano su sè stesse invece di farti fare 4000 manovre, che a volte sono la causa dei "piccoli incidenti" quando si rimane intrappolati, le avevano presentate ma poi non ne ho più sentito parlare...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^