PSA e Total insieme per un colosso delle batterie: ACC. Due gigafactory in arrivo in Europa

PSA e Total insieme per un colosso delle batterie: ACC. Due gigafactory in arrivo in Europa

Il progetto č ambizioso e prevede la costruzione di due gigafactory in Europa, una in Francia e una in Germania. Total metterā a disposizione l'esperienza in ricerca e sviluppo e industrializzazione della sua controllata Saft, mentre a PSA (Peugeot/Citroen) spetterā il compito di dare alla compagnia la giusta esperienza nel mercato automotive e nella produzione in volumi

di pubblicata il , alle 19:01 nel canale Apple
PeugeotCitroenOpelPSA
 

Il primo annuncio della collaborazione č datato 30 gennaio 2020, ma ora la partnership tra PSA (Peugeot/Citroen, che da qualche tempo detengono anche il marchio Opel) e Total entra nel vivo con la costituzione della joint venture 50-50 Automotive Cells Company (ACC), ufficialmente creata qualche giorno fa.

Il progetto č ambizioso e prevede la costruzione di due gigafactory in Europa, una in Francia e una in Germania, con entrata in produzione prevista per il 2023. Total metterā a disposizione l'esperienza in ricerca e sviluppo e industrializzazione della sua controllata Saft, mentre a PSA spetterā il compito di dare alla compagnia la giusta esperienza nel mercato automotive e nella produzione in volumi.

Sono giā stati avviati il centro di ricerca e sviluppo di Bordeaux e il sito pilota di Nersac, sempre in Francia. A regime - anno 2030 - le due gigafactory arriveranno a produrre 24 GWh l'anno di batterie al litio l'una, per un totale di 48 GWh/anno, ma nelle fasi iniziali si parla di una produzione di 8 GWh annuali. Le fabbriche saranno situate a Douvrin per la Francia e a Kaiserslautern per la Germania.

[HWUVIDEO="2976"]Opel Corsa-e[/HWUVIDEO]

Secondo le sue stime, il gruppo PSA, che sta giā spingendo molto sull'elettrico, avrā bisogno entro il 2030 di 400 GWh di batterie al litio e i due impianti da 48 GWh dovrebbero coprire il fabbisogno di circa un milione di veicoli elettrici.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
phmk07 Settembre 2020, 19:45 #1
1) Notare che PSA si unisce con FCA FIAT ma a farne almeno una in Italia se ne guardano bene
2) Nel 2030 le batterie al litio chissà chi le vorrà ancora... ogni giorno ne spunta una diversa che promette miracoli ...
Ago7207 Settembre 2020, 20:13 #2
Originariamente inviato da: phmk
ogni giorno ne spunta una diversa che promette miracoli ...


Infatti... e nemmeno una di questi che sia riuscita ad entrare in una fase di prototipo... in poche parole come dice il milanese imbruttito "tra il dire e il fare c'è di mezzo lo sbatti"

A parte gli scherzi, tecnologie promettenti ce ne sono un sacco, ma tutte quelle presentate sono ancora a livello di laboratorio e passeranno almeno dieci anni prima che possano raggiungere un livello di protitipazione industriale. Basti pensare che le batterie agli ioni di litio sono state "scorperte" negli anni settanta, ma solo negli anni duemila si è riusciti a produrle in volumi con prezzi e prestazioni accetabili.

E non parlatemi di poteri forti, dietro c'è la Total... il potere forte per eccellenza
io78bis07 Settembre 2020, 20:20 #3
Quindi dopo l'impianto Tesla, in Europa arrivano altri 2 progetti altamente specializzati e tecnologicamente avanzati che schifano l'Italia.

Noi continuiamo a lottare per prendere sedi burocratiche UE
Ginopilot07 Settembre 2020, 22:00 #4
Perché gigafactory? Non è un nome comune, è il nome delle fabbriche di batterie tesla. Il termine gigafactory significa fabbrica di giga, quindi potrebbe pure produrre miliardi di patate.
Ashitaka36007 Settembre 2020, 23:08 #5
Originariamente inviato da: Ginopilot
Perché gigafactory? Non è un nome comune, è il nome delle fabbriche di batterie tesla.


Esatto.

Ormai è come quando i genitori dicono "il playstation" intendendo "la console" o i nonni ancora prima "il nintendo"
Pino9008 Settembre 2020, 09:08 #6
E le mie azioni volano

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^