Produrre dispositivi Apple negli USA? Una sfida più difficile del previsto

Produrre dispositivi Apple negli USA? Una sfida più difficile del previsto

Apple ha incontrato diverse difficoltà nel portare la produzione del Mac Pro negli USA: tra queste la difficoltà di approvvigionamento di alcune componenti per le quali non c'è più produzione in grossa scala negli Stati Uniti

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Apple
Apple
 

L'espansione della produzione di prodotti Apple negli Stati Uniti probabilmente non avverrà mai, nonostante le pressioni politiche. Questo è quello che emerge da un rapporto del New York Times, che spiega come Apple abbia incontrato non poche difficoltà ad assemblare i Mac Pro negli USA per via della carenza di fornitori in grado di soddisfare le esigenze dell'azienda.

L'esempio usato dal quotidiano è quello della produzione di un particolare tipo di viti, per la quale Apple aveva scelto un produttore in Texas. A causa dello spostamento in Cina della produzione in massa, però, l'azienda era diventata più simile a un laboratorio artigianale che a un produttore su grande scala e non era in grado di produrre che 1.000 viti al giorno - un quantitativo troppo esiguo per soddisfare le richieste del colosso californiano. Di contro, la Cina offre la possibilità di produrre oggetti con breve preavviso e in grosse quantità - tanto che Apple finì per rivolgersi proprio a un fornitore cinese per integrare la fornitura di viti.

Questo genere di problemi con la filiera è alla base dei ritardi subiti dal Mac Pro in fase di lancio. Oltre al fattore del costo del lavoro, infatti, c'è il problema dell'approvvigionamento delle diverse componenti, che è diventato molto complesso nei Paesi occidentali per via dello spostamento di una grossa fetta dell'industria manifatturiera in Oriente. Sebbene un grande numero di componenti venga ancora prodotto in aziende occidentali, la Cina offre, al momento, una combinazione di scala, costo e tecnica che non è uguagliabile da nessun altro Paese - e per ricostruire una filiera simile in Occidente servirebbero diversi anni e investimenti sostanziali sia per la costruzione di impianti e macchinari che per la formazione del personale.

Il minor livello di costo che l'industrializzazione comporta sta però spingendo Apple, così come altre aziende, a spostare la produzione verso Paesi come il Vietnam e l'India. Un ulteriore elemento a favore di queste alternative è la guerra commerciale in atto tra gli USA e la Cina, che rende particolarmente costosa l'importazione di prodotti dal Paese orientale.

Nonostante queste difficoltà, Apple dichiara di aver investito 60 miliardi di dollari nell'economia statunitense nel 2018, supportando così 450.000 posti di lavoro. L'unica possibilità realistica, però, di riportare una grossa fetta della produzione sulla sponda americana è quella di investire nell'automazione e creare impianti robotizzati per la produzione, in modo da controbilanciare le differenti condizioni di lavoro presenti negli Stati Uniti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fano29 Gennaio 2019, 17:51 #1
L'unica possibilità realistica, però, di riportare una grossa fetta della produzione sulla sponda americana è quella di investire nell'automazione e creare impianti robotizzati per la produzione, in modo da controbilanciare le differenti condizioni di lavoro presenti negli Stati Uniti.


Eh no Apple non serve ad una fava così... lo scopo era di far riaprire le fabbriche in USA / Occidente per dar del lavoro alla gente! Se le riapriamo per metterci i robot a produrre le viti (?) per Apple non ce ne facciamo nulla

Usare altre viti invece di quelle "esotiche" che fanno solo in Cina? Mettersi a fare le viti da sole al limite?
Dai Apple c'hai il PIL come il f*ttuto Canada fai un sacrificio su!
Ragerino29 Gennaio 2019, 18:04 #2
Il problema è più complesso. L'azienda che fa le viti non può espandersi per produrre 100k di viti al giorno solo per Apple. Perche sarebbe legata ad un solo cliente. Se un bel giorno Apple decidesse di cambiare fornitore per qualsiasi motivo, o di non usare più le viti, l'azienda in questione fallirebbe, semplicemente perche non esiste nessun'altro negli USA che abbia bisogno di cosi tante viti.
fano29 Gennaio 2019, 18:21 #3
Passare alle viti normali invece che a quelle a forma di pentacolo? Quelle normali le trovi anche in USA... o le importi dal Canada o dal Messico, solo importare dalla Cina è sottoposto a dazi in USA per ovvie ragioni.

Dai è palesemente una scusa... infatti dicono che sarebbe conveniente produrre in USA solo in 2 casi:

1. Manodopera schiavile che paghi 2 Euro al giorno e gli fai l'elettrocuzione se si distrae
2. Robot che manco ti costano 2 Euro al giorno
Mparlav29 Gennaio 2019, 18:43 #4
Quello delle viti è solo un esempio.
Il problema dell'approvvigionamento riguarderebbe molte altre componenti.
Su prodotti relativamente semplici, un produttore può permettersi di servirsi di sole componenti prodotte "in casa".
Ma nella maggior parte dei casi, compreso gli smartphone, si ricorre a componenti comprate un po' ovunque.
randy8829 Gennaio 2019, 18:57 #5
Si ragazzi, anche una fabbrica robotizzata per quanto priva di mano d'opera umana, ha comunque bisogno di umani che la costruiscono e di umani che fanno la manutenzione ai robot. Più tutto "l'indotto" che una fabbrica, anche se robotizzata, ti crea.
Sarebbero meno posti di lavoro di quelli garantiti da una fabbrica con operai umani, ma quantomeno qualche posto di lavoro ce lo ricavi.

Oppure, come suggerisce qualcuno, si facciano le fabbriche con operai umani, e certi prodotti standard(tipo le viti) le si costruisca in maniera intelligente ed efficiente. Sticazzi del design su una vite microscopica.

Le aziende in questo settore sono da decenni abituate a prezzare e produrre i propri prodotti basandosi sui miliardi di $ che risparmiano facendo uso di fabbriche con dentro schiavi asiatici pagati 50 centesimi l'ora. Direi che sta merda deve finire.
Ragerino29 Gennaio 2019, 19:35 #6
Originariamente inviato da: randy88
Sticazzi del design su una vite microscopica.

.



Fosse cosi facile. Come fanno dopo a chiederti 800€ per riparare il notebook quando in realtà è un connettore da 2,5€ ?
Ti rendono impossibile riparare i loro prodotti autonomamente, anche grazie a viti da formati inesistenti.
fano29 Gennaio 2019, 20:43 #7
Posso sempre usare la colla...
Dite che lo hanno già fatto?
nickname8829 Gennaio 2019, 22:57 #8
Con tutti i soldi che rubano è impossibile che non riescano a rientrare nei costi.
E' sufficiente ridurre la loro % di guadagno.
icoborg29 Gennaio 2019, 23:14 #9
scommetto che invece puntare alla riduzioni dei dividendi/guadagni/buone-uscite/sarcazzo-decimilionarie dei pezzi grossi manco a parlarne...
Lights_n_roses29 Gennaio 2019, 23:41 #10
Personalmente penso di non amare nulla del presidente Trump, in primis la politica ambientale ma come personaggio va capito.
Oggi sul mercato se si cerca un prodotto sicuramente lo si trova Made in China, difficile che lo si trovi anche NON made in China e prodotto nei paesi di origine. Sia per quanto riguarda l'Europa che gli USA oggi non si produce molto qua, specialmente gli oggetti di consumo, non dico quelli di basso costo ( praticamente introvabili made in EU ) ma nemmeno la fascia media.
Tutte le multinazionali occidentali hanno portato decenni di conoscenza acquisita in Cina GRATIS e sopratutto hanno finito per impoverire culturalmente le produzioni occidentali in alcuni settori. La delocalizzazione senza controllo è diventata dilagante e siamo arrivati a questo.

La Cina sfrutta ancora politiche iperfavorevoli dell'organizzazione mondiale del commercio che impongono a chi va a produrre in cina di convidere la tecnologia di produzione con un partner locale. Questa cosa aveva un senso per loro quando la Cina era un paese poverissimo tra anni '80 e '90, adesso hanno la seconda economia del mondo ed è evidente lo squilibrio.

Penso che la produzione vada in parte riportata qua, non si può continuare con questo assurdo contemporaneo in cui la Cina è la fabbrica del mondo intero, cosa per l'altro fatto deturpando completamente l'ambiente a 360°.


Poi vabbe' nel caso Apple si saranno sicuramente andati a complicare la vita cercando viti con inserto a triangolo scaleno con un angolo di 19,5° giusto per essere sicuri che nessuno smonti il computer, non sia mai che non spolpino i milioni per cambiare una batteria.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^