Mozilla "in una torre d'avorio" perché sviluppa Firefox: ma è proprio così?

Mozilla "in una torre d'avorio" perché sviluppa Firefox: ma è proprio così?

Un dipendente di Microsoft accusa Mozilla di essere "chiusa in una torre d'avorio" poiché continua nello sviluppo di Firefox anziché cedere e contribuire a Chromium. Ma le cose non stanno proprio così

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Web
MozillaFirefoxChromeMicrosoft
 

Il recente abbandono di EdgeHTML da parte di Microsoft ha lasciato un solo avversario reale per Chrome(ium): Firefox, con il suo motore Gecko. Se molti hanno gioito di questa novità, molti altri hanno visto in questo cambiamento una perdita per il Web e per i suoi utenti. Un dipendente di Microsoft ha però visto le cose in maniera opposta: è Mozilla con la sua ostinazione a sviluppare Firefox a impoverire il Web.

In un tweet, Kenneth Auchenberg ha infatti scritto che "è tempo per Mozilla di scendere dalla sua torre d'avorio filosofica. Il Web è dominato da Chromium, se tenesse veramente al Web contribuirebbero [a Chromium] al posto di costruire un universo parallelo che è usato da meno del 5% [degli utenti]". Una visione diametralmente opposta a quella di Mozilla, che ha visto nella resa di Microsoft un impoverimento della concorrenza e, quindi, una minore scelta per gli utenti - cosa che porta verso un acuirsi della situazione di monopolio, di fatto già esistente.

L'obiezione di Auchenberg non è sciocca, ma parte da un presupposto errato. Sebbene sia vero che Chromium è un progetto open source al quale chiunque può contribuire, è altresì vero che il controllo è in mano a Google. Non si tratta di un progetto libero e in mano alla comunità, come era il motore KHTML da cui derivò WebKit (dal quale, a sua volta, deriva l'attuale Blink). È un progetto che Google mette a disposizione della comunità ma di cui mantiene saldamente le redini, come dimostrato dalla recente proposta di limitare gli ad blocker con il Manifest v3 delle WebExtension.

Se il progetto Chromium venisse donato da Google alla comunità, diventando una sorta di piattaforma sulla quale tutti possano sviluppare liberamente e il cui controllo non sia in mano a una singola entità, allora la critica di Auchenberg potrebbe avere un senso e sarebbe fin condivisibile. Stanti così le cose, però, la speranza è che Mozilla riesca a continuare nella sua missione di sviluppare tecnologie per il Web mantenendo viva la concorrenza.

In tutto ciò, uno spunto di riflessione interessante viene dalla scelta di Microsoft di contribuire allo sviluppo di Chromium/Blink anziché di Gecko: nonostante il motore di Firefox non sia sotto lo stesso stretto controllo del concorrente, l'azienda ha preferito allinearsi a Google. Ricreando, di fatto, quella che era la situazione dell'epoca di Internet Explorer 6 (anche se con diversi protagonisti). Certe storie, come si dice, fanno dei giri e poi ritornano.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
insane7429 Gennaio 2019, 18:16 #1
E speriamo che Mozilla continui a sviluppare il proprio motore e lo sviluppo indipendente di Firefox.
I monopoli sono sempre dannosi per l’utente finale.
Axios200629 Gennaio 2019, 18:34 #2
Ma farsi i fatti propri? Mai!
atomico8229 Gennaio 2019, 18:42 #3
il monopolio non è MAI una cosa giusta..MAI.

Prendi proprio il caso degli ad-block..secondo voi se esistesse solo chrome esisterebbero gli adblock? sono sicuro al 100% di no.
s-y29 Gennaio 2019, 18:49 #4
mi pare semplicemente uno mediamente pragmatico, il che significa anche 'short-sided'...
ad ogni modo mi pare non sia nemmeno il portavoce di ms, e anzi sospetto gli sia stato gentilmente ricordato, negli ultimi giorni...
mak7729 Gennaio 2019, 18:51 #5
"Siccome noi ci siamo arresi, arrendetevi anche voi"
Nui_Mg29 Gennaio 2019, 18:57 #6
è altresì vero che il controllo è in mano a Google

E il problema è proprio qua, vedi quando ha eliminato dai sorgenti di chromium il flag per disattivare comodamente webrtc, ora purtroppo "affogato" nei sorgenti e non più disattivabile.

E' verissimo che il monopolio è pericoloso, soprattutto per un software che sarà sempre più "strategico" per la fruizione del web.
Bernhard Riemann29 Gennaio 2019, 19:15 #7
In Microsoft pensassero a sviluppare il proprio software, invece di parlare di Mozilla che, almeno, fornisce un'alternativa validissima.
s-y29 Gennaio 2019, 19:21 #8
provocazione a prescindere dalla notizia in sè:

e se favorendo l'instaurazione di un monopolio di fatto (anche nel mobile, che conterà sempre di più volessero 'ricreare' le condizioni che a suo tempo causarono loro le famose sanzioni?

ripeto, provocazione
Zio Crick29 Gennaio 2019, 19:23 #9
Firefox forever!!!
Speriamo che Mozilla non molli! E' il top dei browser, anche come comodità di accesso ai comandi senza usare il topo.

E se anche dovesse mollare, piuttosto che usare chrome, userò Opera, FlashPeak (che già uso adesso) e come motore di ricerca al posto di google ... DuckDuckGo che non traccia quello che fai, come invece ti obbliga a subire google!

Il monopolio si trasforma inevitabilmente in TIRANNIA!!
davide311229 Gennaio 2019, 20:24 #10
Questo signore ha detto delle c@##@te... ma d'altronde proviene da un progetto morto, anzi, nato morto, il chè è tutto un dire.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^