Proactive sarà il Google Now di Apple: ecco le prime novità di iOS 9

Proactive sarà il Google Now di Apple: ecco le prime novità di iOS 9

Un nuovo report online basato sulle dichiarazioni di "fonti che conoscono i piani di Apple" riporta quelle che potrebbero essere le novità del prossimo iOS 9

di pubblicata il , alle 13:31 nel canale Apple
AppleiOS
 

9To5Mac ancora una volta anticipa quelle che potrebbero essere le funzionalità previste su iOS 9 che Apple annuncerà il prossimo 8 giugno nel keynote d'apertura della WWDC. Fra queste troveremo delle API per implementare Siri all'interno delle singole applicazioni, Proactive, ovvero un'evoluzione in chiave "deep learning" della funzionalità Spotlight e una nuova funzionalità di mappe in tempo reale. Ma andiamo con ordine.

Siri ha introdotto su mobile un concetto nuovo di assistente virtuale, ludico per certi versi, ma anche più preciso e concreto rispetto alla semplice dettatura dei comandi vocali. Un concetto di questo tipo è alquanto limitante se non si dispone dell'apertura alle app di terze parti, che alla fine sono quelle che utilizziamo con maggiore frequenza sui nostri smartphone. Tale possibilità sarà data da "Breadcrumbs".

Breadcrumbs è il nome in codice delle nuove API "limitate" di Siri, che consentono all'assistente virtuale l'accesso ai dati delle applicazioni di terze parti. La decisione di limitare l'accesso alle app di terze parti è in parte ovvia: una Siri integrata in maniera capillare in una serie di applicazioni molto diverse fra di loro avrebbe potuto sbagliare l'interpretazione di "parole o contesti", e inviare dati personali degli utenti alle applicazioni sbagliate creando problemi di privacy.

Le nuove API permetteranno a Siri di indicizzare i contenuti delle app utilizzate di frequente in un modo parecchio simile a quanto avviene oggi su Android con Google Now, ovvero in maniera dinamica e automatica. La funzionalità si collega con ProActive, che forse è l'introduzione più succulenta della prossima versione di iOS. Si tratta di una rivoluzione delle ricerche Spotlight, utili quanto inutilizzate sulle attuali release del sistema operativo mobile.

Spotlight su iOS 8

ProActive si pone come un "tool per la gestione della vita di tutti i giorni" che sostituisce l'attuale schermata di Spotlight: si potrà accedere dalla schermata Home probabilmente con la stessa gesture con cui oggi si accede alla funzione di ricerca, ma anche dall'estrema sinistra della Home. Si tratta di una funzione che nasce dalle acquisizioni di Spotsetter e Cue, e come da tradizione Apple non vengono previsti stravolgimenti nell'interfaccia per la sua introduzione.

Integrerà una barra di ricerca come su Spotlight, ma nella sua parte inferiore saranno mostrati dei contenuti provenienti da applicazioni, contatti, mappe, proprio come avviene su Google Maps: "Per esempio, se un utente ha un volo registrato sull'applicazione Calendario e la carta d'imbarco salvata su Passbook, una scheda nella schermata Proactive apparirà poco prima dell'orario del volo per accedere rapidamente alla stessa carta d'imbarco", scrive 9To5Mac.

Lo stesso avverrà con un appuntamento con indirizzo, con Proactive che mostrerà poco prima una mappa della zona circostante. La funzionalità prevede anche l'invio di notifiche specifiche per non mancare gli appuntamenti salvati nelle varie applicazioni sul cellulare. A differenza dell'attuale Siri e di molte funzionalità di iOS, Proactive sarà funzionante anche con le applicazioni di terze parti e, come Google Now, imparerà dinamicamente dalle abitudini degli utenti.

Un'importante parte di Proactive sarà occupata dalle novità previste su Mappe. Queste introdurranno un nuovo sistema di gestione dei punti d'interesse con la nuova funzione "Browse Around Me", che sfrutterà la fotocamera e i sensori di movimento dello smartphone per indicare la posizione dei vari locali, monumenti o elementi rappresentativi della scena inquadrata. In più, puntando su un ristorante verrà visualizzato il menu relativo, su una strada le attività commerciali presenti, e così via.

9To5Mac specifica che non tutte le feature discusse nell'articolo potrebbero già essere presenti al lancio di iOS 9, con alcune che verranno infarcite delle funzionalità descritte progressivamente con il passare del tempo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^