Apple Watch Sport costa 75€ ad Apple in componenti

Apple Watch Sport costa 75€ ad Apple in componenti

Nel corso della fine settimana sono stati pubblicati due teardown dello smartwatch della Mela: quello di IHS rivela il costo della componentistica, mentre Chipworks compie una prima analisi della CPU Apple S1

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:01 nel canale Apple
AppleWatch
 

IHS iSuppli ha rivelato alcuni dettagli tecnici del nuovo Apple Watch e pubblicato il costo delle singole componenti che formano lo smartwatch. Si tratta naturalmente di stime operate osservando i costi richiesti dai diversi fornitori, che possono dare un'idea di massima sull'argomento senza però essere accurate al 100%. Lo stesso Tim Cook ha di recente dichiarato che queste stime non si avvicinano nemmeno alla realtà dei fatti, con un comunicato che comunque sa molto di circostanza.

Apple Watch, ABI Research teardown
Fonte: ABI Research

Dello smartwatch della Mela si è scoperto nella fattispecie che ad Apple la sola componentistica (della versione Sport) potrebbe costare circa 81,20$, a cui si aggiungono 2,50$ come costi di produzione. Scandagliando nel dettaglio, è il display a costare di più, con un esborso di circa 20,50$ per ogni singola unità. Apple S1, ovvero il piccolo SoC che gestisce tutte le operazioni dell'orologio, ha un prezzo unitario di 10,20$, mentre cinturino, scocca in alluminio, PCB e tasti aggiungono 16,50$ al conto finale per Apple.

Durante la più recente chiamata agli investitori Tim Cook aveva specificato che i margini su Apple Watch sarebbero stati risicati, almeno inizialmente. Ma considerando che l'orologio è piazzato in commercio a 349$ in America, il solo costo delle componenti è pari a circa il 24% del prezzo di listino al pubblico, leggermente più basso in percentuale rispetto ad altri prodotti della società (dal 29 al 38%). Ricordiamo come al solito però che a questi bisogna aggiungere ricerca e sviluppo, marketing, sviluppo software, logistica e distribuzione.

IHS si è soffermata anche sulla parte elettronica dell'orologio, approfondita poi da Chipworks: "Per fornire la schermatura elettromagnetica, la capsula che racchiude la scheda PCB è trattata con un ulteriore rivestimento metallizzato depositato sulla superficie", scrive Kevin Keller per IHS Technology. "Il processo di schermatura è utilizzato al posto del più tradizionale in lamiera stampata, consentendo di risparmiare una notevole quantità di spazio e ridurre leggermente anche il peso".

Apple Watch, costi di produzione di ogni singola componente

IHS conferma che Apple Watch Sport include una memoria flash da 8GB di Toshiba, 4Gb (512 MB) di RAM prodotta da Micron (da Elpida sul modello di Chipworks) e altre componenti prodotte da Broadcom, STMicro, Maxim, NXP e Analog Devices. Il chip per l'accelerometro e il giroscopio, nello specifico, è di STMicro, e non di Inversense come su altri prodotti meno recenti della società. È la prima volta che Apple utilizza un unico chip per tutti i sei assi dei sensori di movimento, soluzione in questo caso obbligata dallo spazio ridotto sul PCB del nuovo prodotto.

Chipworks non è ancora entrata nel dettaglio sul processore S1 nel suo primo teardown. È probabile che nel corso della settimana rivelerà ulteriori dettagli, una volta che riuscirà ad entrare in profondità nel piccolo cuore dello smartwatch di Cupertino.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Davis504 Maggio 2015, 12:34 #1
12.000-19.000 euro per le versioni in oro... e di oro se ne vede pure poco...

Proteggetevi dai flame!
devilred04 Maggio 2015, 12:49 #2
Originariamente inviato da: Davis5
12.000-19.000 euro per le versioni in oro... e di oro se ne vede pure poco...

Proteggetevi dai flame!


iorfader04 Maggio 2015, 12:50 #3
ha ragione quando dice che i guadagni sono risicati, normalmente guadagnano il 99%
gpat04 Maggio 2015, 12:54 #4
Va beh, tutto sommato le versioni base ci possono stare, sono quelle superiori che esplodono veramente come costo.
marchigiano04 Maggio 2015, 13:15 #5
ma tipo il processore non è sviluppato da apple internamente? i costi di sviluppo sono stati considerati?
Mory04 Maggio 2015, 13:40 #6
Apple watch quale, quello che ha problemi con i tatuaggi?
°FalcoPellegrino°04 Maggio 2015, 13:49 #7
La pizza margherita costa solo 1 euro al pizzaiolo....
Simonex8404 Maggio 2015, 13:58 #8
Originariamente inviato da: marchigiano
ma tipo il processore non è sviluppato da apple internamente? i costi di sviluppo sono stati considerati?


come non lo sapevi che i dipendenti Apple lavorano gratis? loro pagano solo il materiale, tutto il resto è offerto
gioloi04 Maggio 2015, 14:47 #9
Originariamente inviato da: Simonex84
come non lo sapevi che i dipendenti Apple lavorano gratis? loro pagano solo il materiale, tutto il resto è offerto

Dai Simone, non prenderla sempre in questo modo!
Proviamo a guardare la cosa depurandola da considerazioni moralistiche, che qui non ci azzeccano proprio un fico secco, tipo "ma quanto sono ladri quelli della Apple".
Considerato che l'unica definizione corretta di "prezzo giusto" è "il prezzo che il consumatore è disposto a pagare", l'elevata differenza fra costo dei componenti e prezzo finale è innanzi tutto indice della forza dell'azienda e dei suoi prodotti. E che la Apple sia fortissima credo non ci piova.
Poi bisogna aggiungere tutto il resto (ricerca e sviluppo, stipendi, distribuzione, marketing, affitti ecc. ecc.) che però sono costi comuni ai concorrenti, quindi spannometricamente non dovrebbero incidere in termini relativi.
Tutti vorrebbero vendere i propri prodotti a cento volte il costo di produzione. Se Apple ci riesce meglio di altri è per una serie di motivi, discussi infinite volte, ma questo evidentemente è un merito di Apple (e un demerito dei suoi diretti concorrenti). Sicuramente non è perché le altre aziende sono "più oneste".
gd350turbo04 Maggio 2015, 14:54 #10
Forse negli anni 60, si guardava il costo di produzione per stabilire il prezzo di un oggetto...

Oggi, si guarda quanto la gente è disposta a spendere per averlo !

Puoi produrre un oggetto che ti costa un euro, ma se la gente è disposta a pagarlo mille euro, quello sarà il prezzo di vendita !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^