Apple e PowerBook G5 presto una realtà?

Apple e PowerBook G5 presto una realtà?

I nuovi processori di IBM sono adatti per un'implementazione in ambito mobile. Apple sarà disposta ad utilizzarli oppure "tirerà a campare" fino all'introduzione dei sistemi Intel-based?

di pubblicata il , alle 10:13 nel canale Apple
AppleIntelIBM
 

L'annuncio di IBM relativo alla nuova famiglia di processori 970FX PowerPC G5 a basso consumo ha lasciato sorpresi alcuni analisti i quali ipotizzano che il nuovo chip potrebbe essere utilizzato per i tanto attesi PowerBook G5 di Apple. Non è ancora noto, tuttavia, se la compagnia intenda utilizzare realmente questi processori.

Le due varianti del chip (1,2GHz e 1,4GHz) dovrebbero consumare circa 13 watt di potenza, caratteristica che li rende abbastanza indicati per essere implementati all'interno di un PowerBook con un avanzato sistema di raffreddamento. La versione di fascia alta, operante ad 1,6GHz, consuma 16 watt.

A titolo di confronto segnaliamo che la recente introduzione da parte di Freescale (Motorola) del processore MPC7448 PowerPC G4, il successore dei chip attualmente impiegati nei sistemi PowerBook G4, consuma circa 10 watt a 1,4GHz e 15 watt alla frequenza di 1,7GHz.

Alcuni analisti affermano che l'annuncio dei nuovi chip G5 sono la risposta alle motivazioni addotte da Steve Jobs per il passaggio ai processori Intel. La vicenda assume tratti ironici se si pensa che i nuovi processori G5 low-power, con consumi di 13 watt e 16 watt, risultano confrontabili e competitivi con gli attuali processori Intel Pentium M installati sui sistemi Centrino.

L'attuale generazione di processori Pentium M consuma infatti tra i 10 watt e i 15 watt. Secondo alcune implementazioni i processori che consumano meno di 10 watt non necessitano di un sistema di raffreddamento particolarmente complesso o efficiente, mentre i processori al di sopra di questa soglia sono solitamente abbinati ad un sistema di raffreddamento attivo.

Con i nuovi processori PowerPC Apple ha ora la possibilità di colmare il divario per i prossimi due anni prima del passaggio ai processori Intel. Certo risulterà un paradosso dover commercializzare per i prossimi due anni sistemi con processori PowerPC performanti ma già, di fatto, senza futuro a causa del passaggio ad Intel.

Quel che è certo è comunque la forte domanda da parte dei consumatori per un sistema PowerBook G5. In questo caso se effettivamente Apple dovesse decidere di produrre un sistema di questo tipo e fosse realmente in grado di soddisfare la domanda, potrebbe riuscire a sfruttare un'ottima occasione di guadagno.

L'ultimo aggiornamento di Apple alla linea PowerBook è stato effettuato nel mese di Gennaio con l'introduzione dei processori G4 a 1,5 e 1,67 GHz. Se Apple dovesse scegliere di non usare i nuovi processori IBM, difficilmente l'aggiornamento vedrà processori più veloci del recente 1.7GHz MPC7448 PowerPC G4. I primi PowerBook con processore Intel sarà immesso sul mercato non prima del mese di luglio del prossimo anno.

Fonte: Appleinsider

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

35 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GiovanniGTS11 Luglio 2005, 10:26 #1
La vicenda assume tratti ironici se si pensa che i nuovi processori G5 low-power, con consumi di 13 watt e 16 watt, risultano confrontabili e competitivi con gli attuali processori Intel Pentium M installati sui sistemi Centrino

_________________________________________________________

è importante che consumino poco, ma contano anche le prestazioni! forse Steve Jobs non pensava che IBM potesse garantire bassi consumi e buone prestazioni per il futuro!
JohnPetrucci11 Luglio 2005, 10:36 #2
Originariamente inviato da: GiovanniGTS
La vicenda assume tratti ironici se si pensa che i nuovi processori G5 low-power, con consumi di 13 watt e 16 watt, risultano confrontabili e competitivi con gli attuali processori Intel Pentium M installati sui sistemi Centrino

_________________________________________________________

è importante che consumino poco, ma contano anche le prestazioni! forse Steve Jobs non pensava che IBM potesse garantire bassi consumi e buone prestazioni per il futuro!

Si c'è un pò di ironia.
ReLupo11 Luglio 2005, 11:24 #3
La IBM ha fatto la sua prova di forza per non perdere la faccia di fronte al mondo tecnologico, ma nulla più. Inutile annunciare i processori un anno fa e poi tirarli fuori adesso quando la frittata é fatta!

L'ironia sta che Big Blue ha preso per i fondelli Apple, ma solo il futuro deciderà chi ha fatto la mossa migliore...
Bulfio11 Luglio 2005, 11:33 #4
Secondo voi la Apple non conosce i processori IBM e la relativa road-map???
Se è passata a Intel un motivo ci sarà; non è che ha scelto Intel senza sapere tutto il futuro dei suoi processori..
Automator11 Luglio 2005, 11:49 #5
+ che ironia mi sembra un tentativo da parte di IBM di non perdere la faccia....
Caesar_09111 Luglio 2005, 11:51 #6
La questione non è avere i 970MP piuttosto che i 970FX a basso consumo (visto che è da tempo che questi processori sono nella roadmap di IBM)... il vero problema è stato non averli avuti in tempo.

E soprattutto, con uno sguardo al futuro, il problema è assicurare una piattaforma competitiva con il resto del mondo. Gli attuali G5 lo sono... i prossimi dual core probabilmente (visto che ancora non sono usciti) pure... ma poi?
Laertes11 Luglio 2005, 12:10 #7
Chi lo sa se sarebbero usciti lo stesso i g5 a basso consumo se Apple non fosse passata ad Intel... mah...che sia davvero un tentativo di IBM per salvare la faccia?

Sinceramente penso sempre più che Apple l'abbia fatto solo per i $oldi più che per reali motivi tecnici e di roadmap...
sirus11 Luglio 2005, 12:16 #8
beh diciamolo...per IBM il mercato di Apple era poco redditizio e la perdita della casa di Cuppertino non comportarà molti svantaggi
non so quanto questi G5 Mobile castrati nella cache potranno essere competitivi con i Pentium M
sirus11 Luglio 2005, 12:17 #9
l'architettura del G5 va benone per le Workstation di grafica me per i portatili per scrivere lettere, navigare su internet e usare i folgi di calcolo non sono il massimo
sirus11 Luglio 2005, 12:19 #10
imho in questo caso un G4 di pari frquenza del G5 potrebbe essere allo stesso livello

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^