Le SIM Card sono poco sicure

Le SIM Card sono poco sicure

Una ricerca condotta da IBM ha rivelato che i sistemi di sicurezza implementati nelle SIM Card sono, in realtà, meno efficaci di quanto si creda

di pubblicata il , alle 10:42 nel canale Uncategorized
IBM
 

Pubblicato su CWW un breve articolo riguardante la vulnerabilità delle SIM card. IBM ha, infatti, annunciato che un hacker sarebbe in grado di duplicare qualunque tipo di SIM Card in pochi minuti. Gli standard di sicurezza sono quindi molto meno affidabili di quanto si creda. Leggiamo un passo dell'articolo:

"[...]Il motivo per il quale Ibm ha condotto questo studio, i cui risultati saranno esposti oggi nel dettaglio, è presto spiegato: "Big Blue" ha sviluppato una tecnologia in grado di proteggere da attacchi di hacker, che intende concedere in licenza ai produttori di telefoni cellulari. Nondimeno, la ricerca pone l'accento su un grave problema di sicurezza legato alle Sim card dei nostri telefonini Gsm: un pirata informatico potenzialmente potrebbe accedere alle chiavi criptate di una scheda, copiandole su un'altra Sim per poter poi effettuare telefonate e utilizzare altri servizi (Sms, Internet mobile, acquisti online, etc.) addebitando i costi sul conto dell'utente titolare della Sim originale.[...]"

L'articolo completo a questo indirizzo.

 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^