LG Gram 17 17Z90N: il grande Ultrabook si aggiorna

LG Gram 17 17Z90N: il grande Ultrabook si aggiorna

Il notebook LG sottile con schermo da 17 pollici, caratterizzato da un rapporto di 16:10 tra i lati, si aggiorna risolvendo buona parte dei limiti hardware che avevamo registrato nella versione precedente. Resta la sostanza di un notebook sottile e leggero, dall'elevata autonomia e che grazie alle dimensioni dello schermo è indicato al professionista in movimento

di pubblicato il nel canale Portatili
LGIntelCoreUltrabook
 

Alcuni mesi fa abbiamo pubblicato, a questo indirizzo, l'analisi di LG Gram 17: si trattava di un notebook clamshell con schermo di elevate dimensioni, riconducibile a pieno titolo nella categoria degli Ultrabook. Il nome Gram riporta al concetto di leggerezza massima, che del resto caratterizza questa famiglia di prodotti LG; questo, assieme alle caratteristiche dello schermo, ci aveva decisamente impressionato in quella analisi ma avevamo anche evidenziato una configurazione hardware non all'altezza delle aspettative.

A limitare quel notebook la scelta di utilizzare un SSD con interfaccia SATA, non di certo al passo con i tempi, accanto ad una dotazione di memoria di sistema di 8GB con configurazione single channel che limitava le prestazioni della GPU integrata. Un vero peccato, visto che per costruzione e design complessivo quel modello rappresentava una proposta unica e peculiare sul mercato.

[HWUVIDEO="2987"]LG Gram 17 17Z90N: il grande Ultrabook si aggiorna[/HWUVIDEO]

LG ha recentemente aggiornato la gamma Gram, che è composta da modelli con schermi da 17, 15,6 e 14 pollici, adottando processori Intel Core di decima generazione della famiglia Ice Lake, costruiti quindi con tecnologia produttiva a 10 nanometri. Sulla carta questo dovrebbe permettere di ottenere un balzo in avanti delle prestazioni, soprattutto per quanto riguarda il comparto video, mantenendo una elevata autonomia di funzionamento con batteria

Modello

LG GRAM 17Z90N-V.AA55D
schermo 17 pollici
risoluzione 2560x1600 pixel
CPU Intel Core i7-1035G7
GPU Intel Iris Plus
Memoria di sistema 8GB, DDR4
Storage SSD 512GB
Porte connessione 3 USB Type-A 3.1
1 USB Type-C (Thunderbolt)
HDMI 1.4
ethernet 10/100 con adattatore
cuffie
lettore Micro SD
Bluetooth 5.0
Batteria 80Wh
O.S. Windows 10 Home
Wi-Fi 802.11 Intel AX201
Fotocamera 720p HD Ready
Peso 1.350gr
Dimensioni 380,6x17,4x262,6mm

Osservando le specifiche tecniche di questo nuovo modello troviamo alcuni punti in comune con il notebook provato in precedenza, accanto ad alcune significative differenze. La prima novità, come detto, è nel processore Intel Core i5-1035G7 basato su architettura Ice Lake di decima generazione e soprattutto costruito con tecnologia produttiva a 10 nanometri. Non cambia il quantitativo di memoria onboard, che in questa versione è da 8GB: è possibile optare per una versione con memoria da 16GB e processore Intel Core i7-1065G7, ottenuta con due moduli affiancati e quindi in configurazione dual channel rispetto a quella single channel del notebook in prova.

Non cambia la capacità dell'SSD, sempre pari a 512GB: fortunatamente LG è intervenuta sull'interfaccia, abbandonando quella SATA in favore di un modello NVMe con interfaccia PCI Express. L'utilizzo di un SSD SATA al posto di un modello PCI Express era stata una delle principali critiche rivolte alla configurazione hardware del primo LG Gram 17 che abbiamo analizzato. Cambia anche la batteria, passando da 72Wh a 80Wh di capacità, come anche il sottosistema di rete WiFi che adotta ora lo standard WiFi6 (802.11ax).

Le dimensioni esterne sono di fatto rimaste invariate, come del resto anche il feedback a livello di costruzione: lo chassis è in materiale plastico di buona robustezza complessiva e dotato di certificazione MIL-STD-810G, non soggetto a flessioni cedimenti se sottoposto a pressione. La tastiera è di tipo esteso, con tastierino numerico laterale e pulsante di accensione posizionato in alto a destra come primo tasto. Il touchpad ha dimensioni ampie, non così sviluppato in larghezza come altri modelli di notebook ma in ogni caso ben spazioso: al pari della tastiera vanta una buona risposta complessiva durante l'uso.

A dispetto dello spessore contenuto LG Gram 17 mette a disposizione un elevato numero di porte di comunicazione, che comprendono 3 USB Type-A 3.1, una USB Type-C con supporto Thunderbolt, una HDMI per il collegamento con uno schermo secondario e un lettore per schede memoria Micro-SD. C'è tutto quello che serve direttamente onboard e quale accessorio in dotazione LG fornisce un connettore ethernet 10/100 collegabile alla porta USB Type-C, utile soprattutto in ambiente aziendale.

Rimuovendo il coperchio inferiore si ha facile accesso ai componenti interni: anche in questo caso spicca la batteria, la cui capacità è chiaramente evidenziata, con molto spazio libero a disposizione viste le dimensioni complessive e l'utilizzo di una scheda madre molto compatta.

Sul PCB troviamo la predisposizione per il secondo slot memoria, a conferma di come la configurazione da 8GB sia stata ottenuta in single channel, oltre ad un secondo slot per un SSD in formato M.2. La struttura complessiva è quella che già avevamo trovato nella precedente versione ed è decisamente apprezzabile la possibilità di espandere la memoria di sistema, sostituire l'SSD con altro o affiancarne un secondo così da incrementare lo spazio di storage.

Il processore Intel Core i7-1035G7 ha architettura quad core ed è capace di gestire sino a 8 threads in parallelo; vanta una frequenza di clock di default di 1,2GHz ma si spinge quale clock Turbo sino a 3,7GHz. Le prestazioni che permette di ottenere sono allineate di fatto a quelle del processore Intel Core i7-8565U utilizzato nella versione di notebook LG Gram 17 di precedente generazione, con la principale differenza a suo favore data dal risultato del benchmark PCMark 10. In questo caso però il responsabile di tutto questo è l'SSD, dotato di interfaccia PCI Express e quindi ben più prestante di quello SATA del notebook precedente.

Nell'analisi delle prestazioni di questo notebook dobbiamo segnalare come la scelta di utilizzare un singolo modulo memoria, bypassando in questo modo la configurazione dual channel, limiti le prestazioni anche a dispetto della frequenza di clock che è di 3.200 MHz. Tale configurazione penalizza in misura marginale le potenzialità del notebook con le tradizionali applicazioni di produttività personale ma come vedremo in seguito rappresenta un serio limite alle prestazioni per la componente GPU integrata nel processore. Alcuni notebook con processore Intel Core della famiglia Ice Lake, come ad esempio le proposte Surface Laptop 3 di Microsoft, adottano memoria LPDDR4-3733 in configurazione dual channel, capace di mette a disposizione una bandwidth più che doppia utile soprattutto con applicazioni video.

I dati di lettura e scrittura dell'SSD NVMe utilizzato nell'ultima versione di LG Gram 17 sono pari, per valori sequenziali, indicativamente a 3,5GB/s e 2GB/s: permettono quindi di assicurare una risposta sempre pronta del notebook, così che non sia mai lo storage onboard a rappresentare un collo di bottiglia alle prestazioni complessive.

Nessun problema per quanto riguarda le velocità delle interfacce USB, tanto Type-A come Type-C, con valori di scrittura e lettura sempre molto validi e allineati a quelli di altri notebook provati in precedenza. Ottimo risultato nei test di trasferimento con scheda di rete WiFi integrata: in questo caso si notano i benefici dell'aggiornamento allo standard WiFi 6 (802.11ax) che si sta progressivamente diffondendo in tutte le soluzioni notebook di ultima generazione.

Passiamo ora all'analisi del sistema di raffreddamento, per il quale LG ha fatto una scelta molto chiara: privilegiare il funzionamento silenzioso, anche a costo di portare il processore a operare con frequenze che sono leggermente inferiori a quanto ottenuto da altri notebook dotati della stessa CPU. Notiamo come la temperatura della CPU rimanga stabilmente oltre gli 80° a pieno carico, con un consumo che si stabilizza attorno ai 15 Watt (come da TDP, del resto) per poi calare attorno ai 13 Watt mantenendosi su questo valore. La frequenza di clock della CPU oscilla tra 1,7GHz e 1,8GHz, mentre la rumorosità del sistema di raffreddamento a singola ventola rimane estremamente contenuta con valori rilevati di 35dB in idle e 37dB a pieno carico, ad una distanza di circa 10cm dalla tastiera. Di fatto anche a pieno carico il notebook non si fa sentire durante il funzionamento, comportamento che del resto avevamo già rilevato con la precedente versione di LG Gram 17.

Non vi sono problemi di aree dello chassis che raggiungono temperature superficiali problematiche: il dato di poco più di 40° è ampiamente nella norma, rilevato proprio in corrispondenza dell'area del notebook dove è posizionato il processore. La ventola soffia aria all'esterno attraverso un'apertura posizionata a ridosso della cerniera dello schermo, una scelta già vista in molti altri notebook con simili dimensioni e caratteristiche tecniche.

autonomia_web.png

autonomia_netflix.png

La batteria da 80Wh, capacità superiore ai 72Wh del modello di precedente generazione, permette di ottenere valori di autonomia di funzionamento decisamente interessanti a dispetto dell'ampio schermo da 17 pollici pensato per favorire la produttività personale grazie alla risoluzione di 2560x1600 pixel e al rapporto 16:10 tra i lati. Siamo andati oltre le 12 ore di riproduzione continuativa di un flusso video con Netflix, mentre ci si è avvicinati alle 7 ore nel test di navigazione web: per entrambi i risultati la ricaduta diretta è la possibilità di utilizzare questo notebook per compiti di produttività personale lontano dalla presa di corrente per lungo tempo. L'alimentatore in dotazione è abbastanza compatto e leggero, sprovvisto di porte USB per la ricarica di altri dispositivi mobile.

Nell'analizzare il comportamento della GPU integrata nel processore, un modello Intel Iris Plus Graphics, abbiamo optato per la sola risoluzione di 1280x720 pixel omettendo quella Full HD: i risultati sono in effetti troppo contenuti già alla risoluzione inferiore per pensare di ottenere frames adeguati a quella più elevata. Il comportamento, come del resto avevamo già rilevato nel test della precedente versione di notebook, è fortemente influenzato dalla scelta di utilizzare un solo modulo memoria: la bandwidth massima teorica è dimezzata e questo aspetto tecnico è principale responsabile del ridotto sfruttamento della GPU Intel Iris Plus.

LG propone una versione di notebook Gram 17 dotata di processore Intel Core i7-1065G7 e 16GB di memoria di sistema; in questo caso il controller è dual channel e le prestazioni del comparto GPU sono ben più elevate, grazie anche alle caratteristiche superi del modello Core i7 rispetto a quello Core i5 della versione qui analizzata. Il tutto per una differenza di prezzo, da listino ufficiale, pari a 200€.

Display da 17 pollici in formato 16:10 e pannello IPS con risoluzione nativa di 2560 x 1600 pixel (quindi una definizione di 177 pixel per pollice) per il portatile LG Gram 17. Caratterizzato da finitura lucida, ma con un trattamento antiriflesso non ottimale che può causare qualche problema se utilizzato vicino a finestre o lampade, lo schermo è racchiuso in cornici piuttosto sottili per una compattezza e portabilità di alto livello. Il display di LG Gram 17 non è di tipo touch.

L'analisi di questo pannello parte come d'abitudine con la misura del bilanciamento del bianco. Il comportamento è piuttosto chiaro: se per rosso e verde registriamo un comportamento sostanzialmente corretto, il blu è presente in eccesso, nell'ordine del 10% rispetto al riferimento. Abbiamo quindi un pannello la cui dominante blu/fredda è già percepibile ad occhio nudo, condizionando quindi leggermente l'esperienza di visione.

Passando all'analisi della curva di gamma vediamo che la progressione tonale mostra qualche piccolo problema, con un percorso un po' altalenante. I toni scuri, tendono ad essere un po' affogati, i mezzi toni sono sostanzialmente corretti mentre le alte luci spingono un po' più di quel che dovrebbero. Questo comportamento porta ad un'immagine generalmente più contrastata, come viene descritto da una curva leggermente ad "S". La luminanza massima arriva a 392 candele su metro quadro, mentre il nero si stabilisce sulle 0,27 candele su metro quadro: il rapporto di contrasto nativo è di 1460:1.

Nell'analisi cromatica, e in particolare con il rilevamento del triangolo di gamut e della sua estensione, vediamo un comportamento molto buono: il display è inatti capace di esprimere quasi interamente i colori all'interno del dominio del riferimento REC BT.709/sRGB. Quello che notiamo tuttavia, e che ci era stato anticipato nell'analisi del bilanciamento RGB, è un punto di bianco che si sposta verso il blu e inevitabilmente andrà a condizionare un po' tutta la resa cromatica del display.

L'analisi della fedeltà cromatica ci offre un sunto delle osservazioni fin qui condotte: nonostante un pannello con dominanti leggermente fredde, vediamo comunque un comportamento generale abbastanza buono con la maggior parte dei campioni della carta Gretag che restano al di sotto del valore di DeltaE 3, cioè il limite oltre il quale due colori iniziano ad essere distinguibili ad occhio nudo. Nel complesso il comportamento è ben più che accettabile, con saturazioni abbastanza corrette. Il display offre quindi una buona versatilità, che ben si adatta anche ad impieghi vicini al fotoritocco o alla produzione video anche di stampo prosumer.

E' un notebook votato alla produttività personale questo LG Gram 17, forte di uno schermo di elevata diagonale che con un rapporto di 16:10 e una risoluzione di 2560x1600 pixel offre al professionista un connubio ideale per lavorare al meglio. Gli aggiornamenti risolvono, anche se non del tutto, le critiche alla configurazione hardware che avevamo evidenziato nella precedente versione: la CPU Intel Core i5-1035G7 basata su architettura Ice Lake è un bel balzo in avanti ma nella configurazione qui provata è penalizzata dalla scelta di installare un solo modulo memoria da 8GB, scelta che limita le potenzialità della componente GPU integrata nel processore.

E' facile accedere all'interno del notebook per espandere la memoria così da superare questa limitazione, o installare un SSD M.2 che si affianchi a quello già presente. Quale alternativa è possibile orientarsi verso la proposta con CPU Core i7-1065G7 e 16GB di memoria di sistema, con un costo addizionale di 200€ che non è eccessivo considerando l'hardware migliorato. Nella configurazione qui analizzata LG Gram 17 viene proposto ad un listino di 1.499€ IVA inclusa ma ha uno street price di 100€ inferiore, variazione che registriamo anche per la proposta con CPU Core i7 e doppio quantitativo di memoria. E' questo un prezzo elevato pensando a notebook con configurazione hardware simile ma giustificato vista l'unicità delle dimensioni e dello schermo da 17 pollici, per giunta con rapporto 16:10.

[HWUVIDEO="2987"]LG Gram 17 17Z90N: il grande Ultrabook si aggiorna[/HWUVIDEO]

Nel confronto con la precedente versione è stata risolta la problematica legata allo storage onboard, con un SSD finalmente dotato di interfaccia PCI Express che assicura tempi di risposta rapidi al pari dei concorrenti di mercato. Che sono quasi del tutto assenti, in quanto i notebook con schermo da 17 pollici costruiti come un Ultrabook e con queste caratteristiche tecniche rappresentano una eccezione pur vantando caratteristiche che ben rispondono alle esigenze di molti professionisti: quelle di avere un PC portatile leggero, che abbia elevata autonomia ma con uno schermo di grandi dimensioni. Se vi ritrovate in tale categoria di utenti questa nuova versione di LG Gram 17 fa sicuramente al caso vostro, con il consiglio di installare un secondo modulo memoria oppure optare direttamente per la proposta con 16GB di memoria di sistema: ne guadagnano la produttività personale oltre alle prestazioni con grafica 3D.

  • Articoli Correlati
  • LG Gram 17: un grande schermo per un Ultrabook particolare LG Gram 17: un grande schermo per un Ultrabook particolare Un notebook sottile, con elevata autonomia, facilmente trasportabile ma basato su uno schermo da 17 pollici. Un prodotto decisamente originale questo LG Gram 17, che aspira a candidarsi quale macchia ideale per la produttività personale su schermo più grande della media. Purtroppo la configurazione hardware non è però all'altezza delle aspettative
5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bonzoxxx27 Agosto 2020, 22:06 #1
Con un ryzen mobile sarebbe davvero un ottimo portatile, prezzo però altino imho.
sbaffo28 Agosto 2020, 15:26 #2
una domanda tecnica al recensore:
non capisco come il minitor possa essere tanto sbilanciato sul blu da vedersi a occhio nudo e poi nei delta E diventa ottimo. Va bene che nei delta E non c è la colonnina del bianco, ma è solo per questo? Quando ci sono colori molto chiari ma non bianco puro la dominante blu sparisce?

Osservazioni sulle performance:
rispetto al modello vecchio con i7 8565u è peggiorato in tutti i test a parte quelli dove l ssd fa la differenza! Possibile?
Riepilogo: peggiorato in Cinebench, Handbrake, e vabbè forse perchè i5 contro i7, ma pure in autonomia web e nei giochi (hitman) che dovrebbero essere i punti forti della nuova cpu è riuscito a perdere! Si salva solo Pcmark grazie all ssd pcie, ma neanche di tanto.
bonzoxxx28 Agosto 2020, 16:01 #3
Forse è un problema di dissipazione termica, la temperatura supera gli 80 gradi praticamente in tutto il test di cinebench; inoltre bisogna vedere se il modello precedente aveva il cap a 15W o più alto
sbaffo28 Agosto 2020, 18:48 #4
Originariamente inviato da: bonzoxxx
Forse è un problema di dissipazione termica, la temperatura supera gli 80 gradi praticamente in tutto il test di cinebench; inoltre bisogna vedere se il modello precedente aveva il cap a 15W o più alto

Ho guardato la vecchia prova, li arrivava a 90gradi ma con Prime95. Le frequenza erano uguali 1,8ghz sempre con prime95 però. Il grafico del tdp non c era.

Comunque riassumendo abbiamo prestazioni inferiori con autonomia inferiore, nonostante una batteria maggiore (da 72 a 80w, un bel 10%). Direi che il problema è molto più che la dissipazione termica, c è una efficienza perf/watt drammatica, secondo i miei calcoli inferiore di circa il 27%!
(autonomia web inferiore del 17% nonostante batteria maggiorata del 10%, senza tener conto delle prestazioni per cui potrebbe anche essere peggio!)
Cappej06 Ottobre 2020, 19:12 #5
Originariamente inviato da: sbaffo
Ho guardato la vecchia prova, li arrivava a 90gradi ma con Prime95. Le frequenza erano uguali 1,8ghz sempre con prime95 però. Il grafico del tdp non c era.

Comunque riassumendo abbiamo prestazioni inferiori con autonomia inferiore, nonostante una batteria maggiore (da 72 a 80w, un bel 10%). Direi che il problema è molto più che la dissipazione termica, c è una efficienza perf/watt drammatica, secondo i miei calcoli inferiore di circa il 27%!
(autonomia web inferiore del 17% nonostante batteria maggiorata del 10%, senza tener conto delle prestazioni per cui potrebbe anche essere peggio!)


ciao finalemte ho trovato il link
in effetti... che figuraccia.
Sicuramente è voluto, come scritto dal redattore LG ha voluto privilegiare il rumore alle prestazioni. Il sistema di raffreddamento è, a mio parere, inadeguato. La Cpu Intel in questione è in grado di operare ad un TDP sia a 15w che 25w... ciò nonostante pur a 15w raggiunge gli 80°... a 25w? fonderebbe..?
Visto che la spazio (vuoto per giunta) non manca, potevano tirare fuori da cappelli magico un sistema di raffreddamento migliore... se devo spendere 1300-1500 euro per un i7 che va come un i5... parliamone!
Sinceramente arrivano davanti alla porta e la sparano in curva!
il vecchio modello installando un SATA, adesso castrando la CPU...
bho.. speriamo che il terzo sia quello buono...

IMHO

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^