MSI Optix MAG272CQR: Monitor Gaming da 165 Hz a un prezzo sostenibile

MSI Optix MAG272CQR: Monitor Gaming da 165 Hz a un prezzo sostenibile

Ecco le misure e le considerazioni su MSI Optix MAG272CQR, nuova soluzione pensata per il pubblico dei videogiocatori. Con i monitor gaming a refresh rate elevato con prezzi in rapida diminuzione, questa soluzione si rivela decisamente appetibile per chi vuole sfruttare pienamente l'hardware del proprio PC

di , Rosario Grasso pubblicato il nel canale Periferiche
MSI
 

MSI Optix MAG27CQR è un monitor pensato per i videogiocatori e che offre funzionalità espressamente dedicate a questa tipologia di utenti. Abbiamo a che fare con un monitor abbastanza "tradizionale": la diagonale è di 27 pollici e la risoluzione WQHD di 2560x1440 pixel - quindi con un aspect ratio di 16:9 - ed il pannello di tipo VA con finitura anti-glare. Le cornici sono molto sottili, ideali per configurazioni multi-schermo.

Tra le caratteristiche interessanti si segnala un pannello con frequenza di aggiornamento di 165Hz, il tempo di risposta di 1 millisecondo e un raggio di curvatura di 1500R. Ovviamente, in virtù dell'elevata frequenza di aggiornamento, non manca il supporto alla tecnologia AMD FreeSync.

Pur trattandosi di un monitor destinato al pubblico dei videogiocatori, MSI Optix MAG27CQR conserva una certa sobrietà nell'aspetto: il frontale non offre elementi stilistici particolarmente caratterizzanti, mentre sul posteriore si può vedere una vistosa firma luminosa, un inserto in plastica lucida e lo scudetto rosso con il dragone di MSI.

Il monitor è regolabile in altezza per un'escursione di circa 13 centimetri, e può essere inclinato verso l'alto e verso il basso per meglio assecondare le esigenze di visione. Non è prevista la possibilità di orientare il pannello in modalità portrait.

Sul fronte delle opzioni di connettività troviamo due porte HDMI, una DisplayPort, una porta USB Type-C, una porta USB 3.0 e una porta USB per il collegamento del monitor al sistema così da sfruttare il software MSI Gaming OSD che permette di regolare le impostazioni dello schermo direttamente dal sistema operativo. Completa la rassegna un connettore minijack per cuffie o diffusori.

La gestione dell'OSD da monitor è demandata ad un piccolo jog direzionale posto nell'angolo inferiore destro e collocato posteriormente. Si segnala poi la presenza di un pulsante di scelta rapida, situato nell'angolo inferiore sinistro del display, configurabile a piacimento dall'utente. Tramite MSI Gaming OSD, infatti, è possibile associare delle funzioni a questo pulsante, definito Macro Key, in modo da poter essere richiamate anche durante il gioco. Ad esempio, si può attivare un sistema di assistenza alla mira (mirino a schermo) o passare da un profilo all'altro in modo da modificare al volo le impostazioni su luminosità, contrasto e nitidezza, oppure abilitare la modalità notturna per gli FPS. Il pulsante serve anche a selezionare una delle impostazioni di suddivisione dello schermo.

MSI Gaming OSD

Come detto, tutto questo è configurabile tramite MSI Gaming OSD, se si vuole avere più praticità e precisione nelle regolazioni. Fra le varie impostazioni, qui troviamo un profilo specifico per il Ray Tracing, oltre alla già citata modalità notturna, la quale agisce fondamentalmente sul rapporto di contrasto, abbassandolo in modo da poter scorgere le figure anche negli ambienti bui normalmente ricorrenti negli sparatutto in prima persona. Si noti che nel software è presente anche la sezione Mystic Light in cui è possibile configurare gli effetti LED nel pannello posteriore del monitor.

MSI Gaming OSD

I dati di targa dichiarati da MSI parlano di una copertura del 100% del triangolo sRGB e del 90% del triangolo DCI-P3, un rapporto di contrasto di 3000:1 e una luminanza massima di 300 candele su metro quadro. Il monitor si fregia poi di un bollino "HDR Ready" che tuttavia non corrisponde ad alcuno standard HDR e ci dice poco sulle reali capacità High Dynamic Range del pannello. In realtà non abbiamo alcuna funzionalità di local dimming ed una luminanza massima, con la modalità HDR attiva, che si spinge fino a 363 candele su metro quadro.


HDR off


HDR on

Procediamo quindi con l'analisi strumentale dello schermo, condotta utilizzando il profilo "Utente" alle impostazioni di fabbrica e poi con successiva calibrazione.

RGB Out of the box
RGB Out of the box

RGB Calibrato
RGB Calibrato

La nostra analisi prende il via come di consueto con l'osservazione del bilanciamento delle componenti RGB. In condizioni di fabbrica vediamo un comportamento tutto sommato accettabile che è però condizionato da una carenza della componente blu del 10% per praticamente tutto l'arco della scala di grigi (il divario è più incisivo al primo step della scala di grigi, ma ben difficilmente percepibile dall'occhio umano). Un comportamento che potrebbe influire sulle prestazioni di visione, sebbene solo per gli occhi particolarmente allenati a cogliere queste discrepanze cromatiche. Il quadro però cambia sensibilmente se andiamo a calibrare il pannello agendo proprio sul bilanciamento RGB: riusciamo a riportare tutto "in pari" riappropriandoci di una fedeltà cromatica più corretta.

Gamma Out of the box
Gamma Out of the box

Gamma Calibrato
Gamma Calibrato

Proseguendo con la misurazione dei vari livelli della scala di grigi andiamo a riscontrare una curva di gamma ben aderente al riferimento standard 2.2, che ci permette quindi di apprezzare una corretta riproduzione e progressione di basse luci, mezzi toni e alte luci. In condizioni di fabbrica registriamo, in modalità SDR, una luminanza massima di poco superiore alle 242 candele su metro quadro e un buon rapporto di contrasto intra-frame di 2773:1. Le operazioni di calibrazione per cercare di ottenere un bilanciamento del bianco il più equilibrato possibile ci hanno portato a regolare anche i selettori di luminosità e contrasto (quando si acede infatti alla regolazione manuale delle componenti RGB, la luminanza dello schermo si riduce notevolmente) che ci hanno permesso di ottenere una luminanza massima più elevata ma anche un nero lievemente meno profondo. Questo ha portato il rapporto di contrasto intra-frame a 1941:1.

Gamut Out of the box
Gamut Out of the box

Gamut Calibrato
Gamut Calibrato

Passando alle analisi con il colorimetro, registriamo un gamut più ampio del riferimento REC BT-709, che tuttavia non è in grado di arrivare a coprire il triangolo esteso DCI-P3. Con impostazioni di fabbrica vediamo che il punto di bianco è solo lievemente spostato verso tinte più calde (diretta conseguenza di ciò che abbiamo visto con il grafico del bilanciamento del bianco dove si riscontrava una mancanza di blu). Le operazioni di calibrazione riportano il bianco in target e avvicinano anche i complementari ai parametri di riferimento. Approfondiamo meglio di seguito l'analisi della fedeltà cromatica.

DeltaE Out of the box
DeltaE Out of the box

DeltaE Calibrato
DeltaE Calibrato

Continuamo a confermare il buon comportamento di questo monitor già ad impostazioni di fabbrica, con un DeltaE medio di 2,46 e con la maggior parte dei campioni che si colloca ampiamente sotto DeltaE 3. Dopo la calibrazione il comportamento arriva a sfiorare l'eccellenza, con un DeltaE medio di 1,64 e solamente alcuni campioni superano il DeltaE di 3. Per un monitor che non ha velleità realmente professionali, si tratta di una prestazione indubbiamente di rilievo.

Il monitor, è bene sottolineare, offre numerosi altri profili pre-impostati che sono suddivisi in due macro-categorie "gaming" e "professional". Vanno per lo più ad operare sulla pendenza della curva di gamma, per avere una resa differente nelle sole basse luci, o nelle sole alte luci a seconda del tipo di profilo. Sono preset che riteniamo utili solo in sporadiche circostanze (ad esempio se si presenta la necessità di avere toni scuri più chiari per poter intellegere meglio i dettagli nelle parti in ombra di un gioco...) e pertanto consigliamo comunque l'utilizzo in modalità Utente che, come abbiamo visto, già alle impostazioni di fabbrica offre comunque una resa di tutto rispetto.

In definitiva, MSI Optix MAG272CQR è certamente un pannello onesto, con un prezzo competitivo se rapportato al prezzo dei monitor a refresh rate alto di qualche mese fa. È molto simile all'MSI Optix MPG341CQR precedentemente recensito. Mancano gli effetti di illuminazione frontali (che in quel caso si potevano associare alle condizioni meteo rilevate in tempo reale) e il raggio di curvatura è inferiore, quasi a diventare quasi completamente non avvertibile. L'HDR qui presente, inoltre, è più una questione di dati di targa che una presenza effettivamente riscontrabile per i giochi. Per il resto, il pannello ha mostrato risultati di fedeltà cromatica ottimi, mentre il refresh rate alto, insieme alla risoluzione 2K, lo rende perfettamente abbinabile alle esigenze di gaming più moderne.

  • Articoli Correlati
  • MSI Optix MPG341CQR: tutto quello che serve al giocatore MSI Optix MPG341CQR: tutto quello che serve al giocatore Ci troviamo di fronte a una soluzione espressamente pensata per i giocatori, come si evince dall'aspect ratio ultrawide, dalle cornici particolarmente sottili che rendono MPG341CQR adatto anche alle configurazioni multi-monitor e alla aggressiva presenza di luci RGB, sia nella parte frontale che in quella posteriore
4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Compass29 Febbraio 2020, 19:27 #1
Interessante... ma quanto costa?
La cifra non è riportata nell'articolo!
Abalfor01 Marzo 2020, 14:29 #2
Originariamente inviato da: Compass
Interessante... ma quanto costa?
La cifra non è riportata nell'articolo!


c'è il link sponsorizzato verso amazon, circa 413euro
Roddy12 Marzo 2020, 14:43 #3
Potete indicare i parametri modificati in redazione per la calibrazione del monitor?

Grazie
Roddy19 Marzo 2020, 21:02 #4
iuuuuhu

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^