Qualcomm pronta a chiedere lo stop delle importazioni di iPhone in USA

Qualcomm pronta a chiedere lo stop delle importazioni di iPhone in USA

Lo scontro tra Apple e Qualcomm sembra indirizzato a salire di livello: la seconda intenzionata a chiedere lo stop delle importazioni di iPhone nel mercato nord americano

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 12:41 nel canale Telefonia
QualcommAppleiPhone
 

Nei giorni scorsi abbiamo segnalato, con questa notizia, la battaglia legale che vede contrapporsi Qualcomm e Apple. La prima riceve dalle aziende asiatiche produttrici partner della seconda dei pagamenti, legate alle royalties per l'utilizzo di tecnologie Qualcomm all'interno di propri prodotti.

Apple da tempo ha chiesto a Qualcomm di rivedere gli accordi economici per le royalties affinché siano più contenuti economicamente; a fronte del rifiuto di Qualcomm Apple ha recentemente interrotto i pagamenti riferiti alle royalties per Qualcomm verso i propri partner, che a loro volta non possono quindi pagare quanto dovuto a Qualcomm.

La questione tra le due aziende è stata portata in tribunale, con Qualcomm che ha avvertito i propri azionisti di attendersi un impatto negativo su fatturato e utili per il secondo trimestre dell'anno in virtù proprio dei mancati pagamenti riferiti a prodotti Apple. Il controvalore della perdita stimata è a dir poco rilevante: parliamo di circa 500 milioni di dollari USA.

Bloomberg segnala, a questo indirizzo, come Qualcomm stia preparando un appello da sottoporre alla United States International Trade Commission, con il fine di bloccare l'importazione nel territorio degli USA degli smartphone iPhone prodotti in Cina. Una richiesta di questo tipo, se accettata, risulterebbe in un danno molto importante per Apple ed è evidente come lo scontro tra le due aziende sia destinato di questo passo ad alzarsi ulteriormente.

Uno stop alle vendite di iPhone in nord America rappresenterebbe un danno economico significativo per Apple, sicuramente ben più rilevante dei 500 milioni di dollari a trimestre che Qualcomm si appresta a subire, oltre a poter portare a modificare i piani di debutto della prossima generazione di iPhone. Difficile quindi immaginare che uno scenario di questo tipo possa verificarsi e che le due aziende non riescano a breve a giungere ad un punto d'incontro condiviso: resta da capire però quando e in che termini.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sir Wallace05 Maggio 2017, 17:37 #1
Non ho capito: Apple chiede "lo sconto" a Qualcomm; questa non lo concede; Apple smette di pagare quanto dovuto. E' così? alla faccia...
Z32O05 Maggio 2017, 19:59 #2
Non per essere polemico o per turbare lo stato d'animo di nessuno. Ma ci si aspetterebbe un Italiano più chiaro e comprensibile da gente che gestisce una testata informativa come questa. E non è la prima volta.
aled197405 Maggio 2017, 21:21 #3
Originariamente inviato da: Sir Wallace
Non ho capito: Apple chiede "lo sconto" a Qualcomm; questa non lo concede; Apple smette di pagare quanto dovuto. E' così? alla faccia...


l'ho intesa allo stesso modo

ciao ciao
eaman06 Maggio 2017, 15:30 #4
E' anche l'effetto Trump: con l'amministrazione Obama tutti i giganti dell'hitech facevano quello che volevano (tutti grandi supporter dei democratici), ora che incredibilmente c'e' Trump che punta sul carbone so' ca77i.

Guardate Amazon, Google, Apple che improvvisamente cominciano a pagare le tasse in Italia perche' non hanno piu' la politica che abbaia per loro.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^