Super Green Pass: ecco tutte le novità per muoversi in Italia dal prossimo 6 dicembre

Super Green Pass: ecco tutte le novità per muoversi in Italia dal prossimo 6 dicembre

Ci sarà un nuovo Green Pass dal prossimo 6 dicembre e si chiamerà ''Super Green Pass". Servirà a contenere la quarta ondata e non permetterà a chi non ha fatto il vaccino di spostarsi liberamente come faceva prima. Ecco le nuove regole in arrivo e come funzionerà.

di pubblicata il , alle 09:44 nel canale Web
 

Ci sarà un Green Pass e un Super Green Pass. Le novità arrivano direttamente dal Consiglio dei Ministri che nella serata di ieri ha emesso un nuovo decreto pronto a stabilire le novità riguardanti appunto il Super Green Pass, un rafforzamento delle norme già in vigore da alcuni mesi e che permetteranno di combattere la nuova (quarta) odnata di COVID in Italia. Il nuovo decreto, così come il nuovo Super Green Pass, sarà valido a partire dal prossimo 6 dicembre 2021 e varrà almeno fino al 15 gennaio 2022. Ma cosa cambia e perché c'è ancora il Green Pass normale? Ecco tutte le risposte alle domande!

Green Pass e Super Green Pass: ecco cosa cambia

Dal prossimo 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022 ci saranno due diverse Certificazioni verdi COVID-19: il Green Pass e il Super Green Pass.

Super Green Pass

Il nuovo Super Green Pass entrerà in vigore dal prossimo 6 dicembre e lo potrà ottenere chi si è vaccinato o è guarito dalla malattia del COVID-19 nei sei mesi precedenti. La nuova certificazione ''rafforzata'' servirà per accedere a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche, che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla. Dal 6 dicembre e fino al 15 gennaio 2022 è previsto che il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca.

Come può essere ottenuto il Super Green Pass? 

La Certificazione può essere ricevuta con una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi

Il Super Green Pass avrà validità di 9 mesi (e non 12 mesi come il precedente Green Pass)

Super Green Pass: dove sarà obbligatorio?

Il nuovo Super Green Pass verrà richiesto prima di accedere a diversi luoghi chiave in Italia dal prossimo 6 dicembre. Ecco allora l'elenco di tutti i luoghi in cui sarà obbligatorio:

  • ristoranti e bar
  • teatricinema e musei
  • eventi sportivi, stadi, concerti e spettacoli
  • fierecongressiparchi tematici e di divertimento
  • centri termali,
  • sale bingo e casinò,
  • concerti,
  • concorsi pubblici,
  • piscine al chiuso
  • palestre,
  • sport di squadra
  • centri benessere

Green Pass

Come può essere ottenuto il Green Pass? 

La Certificazione può essere ricevuta con una delle seguenti condizioni:

  • essere negativi al test molecolare nelle ultime 72 ore
  • essere negativi al test antigenico (rapido) nelle ultime 48 ore

Il Green Pass ha validità chiaramente di 72 o 48 ore in base al tampone effettuato.

Green Pass: per chi è obbligatorio?

Il Green Pass rimane obbligatorio per tutti i cittadini italiani che hanno almeno 12 anni. In questo caso non vale più la regola della sua validità con il vaccino che come visto permette di avere il Super Green Pass. Con il solo tampone quindi si avrà diritto ad un Green Pass ''basico'' che permetterà di raggiungere luoghi di lavoro e niente altro se non salire sui mezzi di trasporto come treni, navi o anche trasporto locale come bus e metro.

Green Pass: dove sarà obbligatorio?

Il Green Pass varrà dunque solo per l'accesso ai luoghi di lavoro e ai trasporti pubblici e in caso alle palestre, alle piscine e ai circoli sportivi e non potrà essere invece utilizzato per tutti gli altri luoghi a cui si potrà accedere esclusivamente con il Super Green Pass. Ecco allora l'elenco di tutti i luoghi in cui sarà possibile entrare con il Green Pass ''basico'':

  • luogo di lavoro (il lavoratore senza il green pass all’interno dei locali di lavoro rischia la sospensione o una sanzione amministrativa dai 600 ai 1.500 euro. Chi non controlla rischia da 400 a 1.000 euro);
  • trasporti pubblici:
    - aerei
    (sugli aerei il controllo deve essere effettuato al momento dell’imbarco con verifica di corrispondenza tra il titolare del biglietto e del green pass. Negli aeroporti è prevista la misurazione della temperatura);
    - il trasporto ferroviario ad Alta Velocità
    (attualmente è previsto che per i treni dell’Alta velocità  il controllo avvenga preferibilmente al momento dell’accesso al varco con verifica di corrispondenza tra il titolare del biglietto e del green pass. Il protocollo stabilisce che in caso di un positivo a bordo il convoglio debba essere fermato);
    - il trasporto ferroviario regionale, quindi gli Intercity e i treni dei pendolari;
    - il trasporto pubblico locale, quindi autobus, pullman e metropolitane
    .

Obbligo di vaccino: ecco le novità

Dal 15 dicembre scatta l’obbligo di terza dose o richiamo per il personale sanitario e per i lavoratori che accedono alle Rsa. Dalla stessa data scatta l’obbligo vaccinale per:
- personale amministrativo della sanità;
docenti e personale amministrativo della scuola;
militari;
- forze di polizia (compresa la polizia penitenziaria), personale del soccorso pubblico.

La terza dose o il richiamo sono consentiti cinque mesi dopo l’ultima somministrazione. Possono sottoporsi al vaccino anche gli under 40.

Le restrizioni in base alle zone Bianca, Gialla, Arancione e Rossa

Il sistema della divisione per fasce di colore rimane in vigore, ma chi ha il Super Green Pass non deve rispettare le restrizioni previste in zona gialla e arancione. Mentre in caso di zona rossa scattano invece le restrizioni per tutti.

Ricordiamo che si entra:

  • in fascia gialla con 50 casi settimanali per 100mila abitanti, 15% di posti occupati in area medica, 10% di posti occupati in terapia intensiva.
  • in fascia arancione con 150 casi ogni 100.000 abitanti, il 30% in area medica e il 20% in terapia intensiva.
  • in fascia rossa con più di 150 casi ogni 100.000 abitanti.

In zona gialla chi ha il Super Green Pass non avrà l’obbligo nei ristoranti e bar al chiuso di stare al massimo in quattro al tavolo. Mentre in zona arancione i ristoranti e i bar rimarranno aperti, ma negli spazi al chiuso potranno entrare soltanto coloro che hanno il green pass ''rafforzato''. Non si applicheranno le riduzioni delle capienze per gli stadi, i palazzetti dello sport, i cinema e i teatri. In zona rossa le restrizioni attualmente in vigore si applicheranno anche a chi ha il Super Green Pass.

Per gli impianti sciistici rimangono le regole attualmente in vigore e dunque:
- in zona bianca e gialla sarà possibile accedere con il Green Pass ''basico'';
- in zona arancione sarà possibile accedere agli impianti sciistici soltanto a chi ha il Super Green Pass;
- in zona rossa gli impianti sciistici sono chiusi per tutti.

GREEN PASS: come scaricarlo dal web

GREEN PASS: come recuperare il codice AUTHCODE

Green Pass: come averlo a portata di mano su iPhone e Android

Ecco allora che con questo obbligo sarà necessario far controllare più spesso il proprio Green Pass e chiaramente questo significa averlo, se in formato digitale, a portata di mano. Per questo tramite un doppio procedimento è possibile salvare su Apple Wallet di iOS il certificato verde per averlo poi a portata di mano ai controlli. Sarà nella sezione delle carte di credito e delle carte di imbarco e questo permetterà agli utenti di accedere velocemente alla visualizzazione del Green Pass senza dover cercare tra gli screenshot, le immagini salvate o ancora senza dover entrare ogni volta su Immuni o nell'app IO.

Il procedimento è davvero immediato e veloce. Due le strade: una tramite l'app Stocard e l'altra con un servizio completamente gratuito e open source che permette appunto di trasferire il proprio Green Pass su Apple Wallet (visto che ancora nessun'altra app lo permette).

SERVIZIO COVIDPASS

Se si sceglie il servizio ''CovidPass'', che trovate direttamente a questo indirizzo, potete aggiungere il certificato digitale europeo COVID direttamente nell'app Wallet di iOS. Per farlo basta entrare appunto nel servizio CovidPass dove vi verrà richiesto di scannerizza il codice QR del certificato o selezionare uno screenshot o una pagina PDF con il codice QR (che avrete precedentemente salvato nel vostro rullino fotografico tramite l'app Immuni o anche con l'app IO).

A questo punto il servizio vi chiede di personalizzare il vostro Green Pass ossia per meglio dire potete scegliere il colore di sfondo che verrà impostato sul certificato nel Wallet. In questo caso i colori che possono essere scelti sono: bianco, nero, grigio, verde, indaco, blu, viola e verde acqua. Una volta scelto lo sfondo sarà possibile accettare la Politica sulla riservatezza del servizio e aggiungere il proprio Green Pass al Wallet di iOS che in automatico troverà posto.

APP STOCARD

Come detto è possibile salvare il proprio Green Pass anche con l'app Stocard. In questo caso l'applicazione è molto utilizzata dagli utenti perché permette di avere un vero e proprio contenitore di carte fedeltà da poter utilizzare velocemente quando si è nei negozi. In questo caso su Stocard è possibile aggiungere anche il proprio Green Pass e localmente sul proprio iPhone anche sul Wallet di Apple.

Il procedimento anche qui è decisamente semplice. Basterà aprire l'applicazione Stocard e tramite il pulsante ''+'' aggiungere manualmente il proprio Green Pass (che precedentemente è stato salvato sul Rullino Fotografico). Nella lista delle varie carte fedeltà basterà digitare Green Pass. Automaticamente l'applicazione di Stocard permetterà di salvare sul Wallet proprietario il Green Pass che dunque potrà essere visualizzato quando serve. Oltre a questo però per salvarlo sul Wallet di Apple basterà aprire il Green Pass su Stocard, tappare sui tre puntini in alto a destra e nel menu che apparirà basterà selezionare ''Aggiungi ad Apple Wallet'' e automaticamente verrà aggiunto al Wallet.

140 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano25 Novembre 2021, 10:01 #1
si prevedono temperature calde per questo thread
Sp3cialFx25 Novembre 2021, 10:06 #2
Originariamente inviato da: TorettoMilano
si prevedono temperature calde per questo thread


infatti, non preparo nemmeno il popcorn ma il mais, tanto diventa popcorn da solo qui
Tedturb025 Novembre 2021, 10:11 #3
APP STOCARD

un nome un programma
Phoenix Fire25 Novembre 2021, 10:20 #4
Originariamente inviato da: Sp3cialFx
infatti, non preparo nemmeno il popcorn ma il mais, tanto diventa popcorn da solo qui


propongo il POM (post of the month)
Sp3cialFx25 Novembre 2021, 10:21 #5
cmq per parlare di numeri così poi forse si capiscono meglio certe scelte (poi possono non piacere uguale o far girar le palle, per carità

parliamo del solo rischio di contagiare gli altri senza considerare come si modifica il rischio di ospedalizzazione o morte (di questo ne parlano già abbastanza):
- chi si vaccina ha indicativamente una riduzione dell'80% della probabilità di infettare gli altri, il che vuol dire 1/5, il che vuol dire che se la delta ha un Rt di 2,5 diventa 0,5 => il virus tende a estinguersi perché ogni due persone infette se ne infetta una sola
- chi invece fa il tampone ogni due giorni scopre di averlo quando è tardi: sappiamo che circa il 50% dei contagi avviene PRIMA che ci sia la prima manifestazione di sintomi. Il tampone non so se riesce a rilevarlo già ai primi sintomi (la procedura era che bisognava aspettare 1 settimana dai sintomi) ma poniamo di si. Ma poniamo idealmente anche di si, a questo si aggiunge un ritardo di (in media) un giorno. Morale ci si fa tutto il picco di massima contagiosità. Possiamo ipotizzare che la riduzione della probabilità di infettare gli altri sia il 20%

Il tampone ha senso quando riesci a gestire il contact tracing, sai che c'è un positivo, blindi tutti quelli con cui è entrato in contatto (tutti felicissimi di sapere che devono stare in quarantena preventiva - si, può capitare anche con uno che è vaccinato, ma almeno uno ha fatto il max per ridurre il problema, almeno io la ragionerei così e via;
però se i casi salgono oltre un tot il contact tracing va a puttane (già con due contagi al mese lo fanno spesso a cazzo di cane, almeno da esperienze di amici) e quindi cosa puoi fare?

a me pare la scelta più razionale insomma. Poi ripeto a uno può far girare il cazzo.

Invito solamente a non mischiare le due cose: dato che non piace allora è una cagata. Non è così, non è una cagata MA mi fa vomitare uguale. Per molti sarà una precisazione sottile ma c'è una grande differenza, e il vantaggio di riuscire a distinguere chiaramente se è oggettivamente una cagata o se lo è soggettivamente è tutto vostro.
TorettoMilano25 Novembre 2021, 10:28 #6
Originariamente inviato da: Sp3cialFx
cmq per parlare di numeri così poi forse si capiscono meglio certe scelte (poi possono non piacere uguale o far girar le palle, per carità

parliamo del solo rischio di contagiare gli altri senza considerare come si modifica il rischio di ospedalizzazione o morte (di questo ne parlano già abbastanza):
- chi si vaccina ha indicativamente una riduzione dell'80% della probabilità di infettare gli altri, il che vuol dire 1/5, il che vuol dire che se la delta ha un Rt di 2,5 diventa 0,5 => il virus tende a estinguersi perché ogni due persone infette se ne infetta una sola
- chi invece fa il tampone ogni due giorni scopre di averlo quando è tardi: sappiamo che circa il 50% dei contagi avviene PRIMA che ci sia la prima manifestazione di sintomi. Il tampone non so se riesce a rilevarlo già ai primi sintomi (la procedura era che bisognava aspettare 1 settimana dai sintomi) ma poniamo di si. Ma poniamo idealmente anche di si, a questo si aggiunge un ritardo di (in media) un giorno. Morale ci si fa tutto il picco di massima contagiosità. Possiamo ipotizzare che la riduzione della probabilità di infettare gli altri sia il 20%

Il tampone ha senso quando riesci a gestire il contact tracing, sai che c'è un positivo, blindi tutti quelli con cui è entrato in contatto (tutti felicissimi di sapere che devono stare in quarantena preventiva - si, può capitare anche con uno che è vaccinato, ma almeno uno ha fatto il max per ridurre il problema, almeno io la ragionerei così e via;
però se i casi salgono oltre un tot il contact tracing va a puttane (già con due contagi al mese lo fanno spesso a cazzo di cane, almeno da esperienze di amici) e quindi cosa puoi fare?

a me pare la scelta più razionale insomma. Poi ripeto a uno può far girare il cazzo.

Invito solamente a non mischiare le due cose: dato che non piace allora è una cagata. Non è così, non è una cagata MA mi fa vomitare uguale. Per molti sarà una precisazione sottile ma c'è una grande differenza, e il vantaggio di riuscire a distinguere chiaramente se è oggettivamente una cagata o se lo è soggettivamente è tutto vostro.


chi al 25 novembre ha ritenuto a livello pandemico meglio non vaccinarsi non riuscirai MAI a convincerlo razionalmente del contrario (diversi thread qui nel forum lo hanno dimostrato e continuano a dimostrarlo pure ora, tipo il thread ufficiale del coronavirus). invece può funzionare la tattica italiana di colpire sempre più sui fianchi e portare allo sfinimento questi novelli einstein no-vax
TigerTank25 Novembre 2021, 10:34 #7
"Super Green Pass" suona male, io lo avrei chiamato "Multipass", tipo quello del film "Quinto Elemento"

Io comunque ho tolto dal cell. l'app IO che non mi ha mai aggiornato il GP alla seconda dose(assistenza inesistente), a differenza che quello cartaceo o su Immuni, che ho installato per avere il GP su cell.
Di questa STOCARD c'è da fidarsi? L'ho messa e chiede la scansione del codice del GP per aggiungerlo...ma c'è da fidarsi? Non è che poi manda in segreto il QR a chissà chi?
Brightblade25 Novembre 2021, 10:36 #8
Quindi io che sono al quarto mese post vaccinazione (due dosi) avro' la possibilita' di scaricare il nuovo supergreen pass o verra' automaticamente aggiornato quello che ho gia'?
al13525 Novembre 2021, 10:38 #9
per chi non ne fosse a conoscenza questi di seguito sono tra i principali motivi dell'utilizzo del gp/super gp

efficacia dei vaccini nelle ospedalizzazioni

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/l-amara-lezione-dei-non-vaccinati-32162

e la non affidabilita dei tamponi rapidi

https://www.ilsole24ore.com/art/green-pass-tamponi-rapidi-50percento-falsi-negativi-ecco-perche-non-sono-affidabili-AEFphjx
al13525 Novembre 2021, 10:39 #10
Originariamente inviato da: Brightblade
Quindi io che sono al quarto mese post vaccinazione (due dosi) avro' la possibilita' di scaricare il nuovo supergreen pass o verra' automaticamente aggiornato quello che ho gia'?



non devi fare niente

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^