Spotify annullerà gli account di chi blocca la pubblicità

Spotify annullerà gli account di chi blocca la pubblicità

Spotify ha riportato risultati fiscali per il 2018 molto interessanti, mostrando anche una crescita per gli account premium. Ora arriva una "stretta" per quanto riguarda chi tenterà di evitare la pubblicità per gli account gratuiti.

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Web
Spotify
 

Dopo le più che positive notizie che Spotify ha rilasciato con i dati fiscali del quarto trimestre dello scorso anno, ci sono state ulteriori modifiche ai termini e condizioni di utilizzo del servizio di streaming musicale.

Chi cercherà di bloccare o aggirare il sistema di annunci pubblicitari (in particolare per gli account gratuiti) potrebbe vedersi cancellato o sospeso l'account di Spotify. Anche chi distribuirà software o sistemi per evitare la pubblicità del servizio di streaming incorrerà nella stessa punizione.

Spotify Premium

La frase, che si trova all'interno del sito nella pagina Terms and Conditions Use, recita sotto ciò che è assolutamente vietato fare: circumventing or blocking advertisements in the Spotify Service, or creating or distributing tools designed to block advertisements in the Spotify Service.

Secondo gli ultimi dati disponibili (che riguadano però il 2018), sarebbero il 2% gli account gratuiti che farebbero uso di tecniche per evitare la pubblicità all'interno di Spotify.

Da quando la società è quotata in borsa e quindi deve rispondere anche agli azionisti, azioni che possano minare gli introiti sono prese con molta serietà. Del resto crescono gli account a pagamento (quasi a quota 100 milioni), cosa che non succederebbe se fossero largamente diffusi sistemi per evitare la pubblicità all'interno di Spotify (per gli account gratuiti).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
palarran08 Febbraio 2019, 18:54 #1
"ora"... È da parecchio che lo fa (o perlomeno ci prova)
fraussantin09 Febbraio 2019, 03:10 #2
Non è la pubblicità a creare fastidio.
Ma i brani suggerirti
Neofreedom09 Febbraio 2019, 09:49 #3
Si fa un account premium e si risolve
fraussantin09 Febbraio 2019, 09:54 #4
Originariamente inviato da: Neofreedom
Si fa un account premium e si risolve


Preferisco comprarmi quello che mi interessa.

Ormai lo uso solo come catalogo.
Zenida09 Febbraio 2019, 14:45 #5
Inizialmente lo usavo in ufficio come sottofondo... poi partiva la pubblicità che al contrario della musica aveva un volume 10 volte più alto e creava non poco fastidio.

Per un pò ho continuato ad usarlo grazie ad un tool che eliminava le pubblicità, poi ho optato per una soluzione ancora migliore... una radio streaming

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^